Tavoletta di reclamo a Ea-nāṣir – Wikipedia


La più antica denuncia scritta conosciuta (1750 a.C. circa)

Tavoletta di reclamo a Ea-nāṣir

Tavoletta esposta al British Museum

Materiale Argilla
Misurare Altezza: 11,6 cm
Larghezza: 4 cm
Creato C. 1750 a.C
Posizione attuale Museo britannico, Londra

IL tavoletta di reclamo a Ea-nāṣir (UET V 81)(1) è un tavoletta di argilla che è stato inviato agli antichi Urscritto C.1750 a.C. È un reclamo rivolto a un commerciante di nome Ea-nāṣir da parte di un cliente di nome Nanni. Scritto in Accadico cuneiforme, è considerata la più antica denuncia scritta conosciuta. Attualmente è custodito nel Museo britannico.(2) Nel 2015, il contenuto del tablet e Ea-nāṣir in particolare hanno guadagnato popolarità come meme di Internet.(3)(4)(5)

Descrizione(modificare)

Il tablet è di 11,6 centimetri (4+916 in) alto, 5 centimetri (1+1516 in) di larghezza, 2,6 cm (1 in) di spessore e leggermente danneggiato.(6)

Contenuto(modificare)

Una trascrizione del testo sul dritto, sul rovescio e sul bordo sinistro della tavoletta(7)

La tavoletta descrive in dettaglio il viaggio in cui Ea-nāṣir si è recato Dilmun comprare rame e tornò per venderlo Mesopotamia. In un’occasione particolare aveva accettato di vendere il rame lingotti a Nanni. Nanni mandò il suo servitore con il denaro per completare l’operazione.(8) Il rame venne considerato da Nanni inferiore allo standard e non fu accettato.

In risposta, Nanni creò la lettera cuneiforme da consegnare a Ea-nāṣir. Su di esso è inciso un reclamo a Ea-nāṣir per una consegna di rame di qualità errata e problemi con un’altra consegna;(6) Nanni si lamentò anche del fatto che il suo servitore (che si occupava della transazione) fosse stato trattato in modo scortese. Ha dichiarato che, al momento della stesura di questo articolo, non aveva accettato il rame, ma aveva pagato il denaro per questo.

Acquisizione(modificare)

Illustrazione dell’interno di un’antica casa babilonese trovata tra le rovine di Ur, che potrebbe essere stata la residenza di Ea-nāṣir

La tavoletta è stata scoperta e acquisita da Sir Leonard Woolleyguidando una spedizione congiunta del Università della Pennsylvania e il Museo britannico dal 1922 al 1934 nella città sumera di Ur.(6)(10)

Traduzioni(modificare)

A. Leo Oppenheim tradusse molte delle righe della tavoletta in un articolo del 1954 per Giornale dell’American Oriental Society.(11) Una traduzione in lingua inglese della tavoletta è stata realizzata da WF Leemans (n.l) nel 1960; La traduzione di Leemans incorporava queste righe che Oppenheim aveva tradotto così come alcuni input da cui Fritz Rudolf Kraus (de) sul significato di poche righe. Oppenheim pubblicò personalmente una traduzione completa della tavoletta nel 1967, ignaro di altre traduzioni di questa tavoletta. Una traduzione ispirata a quella di Marc Van de Mieroop inviata in una comunicazione personale a Steven J. Garfinkle è stata pubblicata nel 2010; UN recensione del libro di Walter Farber (de) ha osservato che questa traduzione “non è sempre fedele ai dettagli”. IM Diakonoff ha pubblicato una traduzione in russo nel 1990.

Altre compresse(modificare)

Altre tavolette sono state trovate tra le rovine ritenute l’abitazione di Ea-nāṣir. Questi includono una lettera di un uomo di nome Arbituram che si lamentava di non aver ancora ricevuto il suo rame, mentre un altro diceva che era stanco di ricevere rame scadente.(18)

Il tablet denunciato è diventato un meme di Internet a causa del suo aspetto anacronistico natura, con Forbes affermando che somigliava a molti moderni reclami dei clienti per un servizio scadente nell’era moderna.(3)(18)

È stato riconosciuto dall’ Guinness dei primati come “Reclamo del cliente più vecchio”.(21)

Riferimenti(modificare)

  1. ^ Figulla, HH; Martin, WJ, eds. (1953). Lettere e documenti commerciali del periodo antico babilonese. Scavi di Ur: testi. vol. V. Londra, Regno Unito: British Museum Press. P. 5, pl. XIV.
  2. ^ Hyken, Shep (23 aprile 2015). “Scoperto il più antico reclamo del servizio clienti: una lezione dall’antica Babilonia”. Forbes. Estratto 7 febbraio 2017.
  3. ^ UN B “La leggenda di Ea-Nāsir: come un uomo d’affari babilonese è diventato un meme di Internet”. Istituto di Archeologia. 8 dicembre 2022. Estratto 27 aprile 2023.
  4. ^ Kern, Emily (3 novembre 2021). “La promessa radicale della storia umana”. Recensione di Boston.
  5. ^ Brinkley, Liv (17 marzo 2022). “Il reclamo da parte di un cliente più antico del mondo ha quasi 4000 anni”. Grunge.
  6. ^ UN B C “tavoletta”. Museo britannico. oggetto W 1953-0411-71.
  7. ^ “UET 5, 0081 (P414985)”. CDLI. Estratto 23 ottobre 2023.
  8. ^ Crawford, Harriet (luglio 2015). “Sir Leonard Woolley e Ur dei Caldei”. La Bibbia e l’interpretazione. Università dell’Arizona.
  9. ^ “Sir Leonard Woolley”. Biografia. Museo britannico. Collezioni in linea.
  10. ^ Leeman (1960), P. 39 n. 1, cit Oppenheim (1954)pp. 9ss.
  11. ^ UN B Killgrove, Kristina (11 maggio 2018). “Incontra il peggior uomo d’affari del XVIII secolo a.C.”. Forbes. Estratto 22 luglio 2020.
  12. ^ “Tavoletta di reclamo a Ea-Nasir – La lettera di reclamo più antica del mondo”. Guinness dei primati. Estratto 5 aprile 2023.

Ulteriori letture(modificare)

link esterno(modificare)




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto