Spacco prometeico: cos’è, relazioni tra uomo e tecnologia

Il divario prometeico ( tedesco prometheische Gefälle ) è un concetto riguardante le relazioni tra uomo e tecnologia e una crescente “a sincronizzazione” tra di loro. Nelle formulazioni popolari, il divario si riferisce a un’incapacità o incapacità delle facoltà umane di immaginare gli effetti delle tecnologie che gli esseri umani producono, in particolare gli effetti negativi. Il concetto è nato con il filosofo Günther Anders negli anni ’50 e per lui un banco di prova estremo è stata la bomba atomica e il suo utilizzo a Hiroshima e Nagasaki nel 1945 , un simbolo della più ampia rivoluzione tecnologica a cui stava assistendo il 20 ° secolo.Il divario è stato esteso e compreso all’interno di molteplici varianti: un divario tra produzione e ideologia; produzione e immaginazione; produzione e bisogno; produzione e uso; tecnologia e corpo; fare e immaginare; e fare e sentire. Il divario può essere visto anche in settori come il diritto e nelle azioni dei legislatori e dei responsabili politici.

Vari autori usano parole diverse per spiegare Gefälle , risultando di conseguenza in divisione prometeica , disgiunzione prometeica , discrepanza prometeica , gradiente prometeico , pendenza prometeica , declino prometeico , pendenza prometeica , Disparità prometeica , Lag prometeico , differenziale prometeico .

Indice dei contenuti

Origine

Gunther Andres (1902-1992), nato in Germania e di origine ebraica, ha tentato di concettualizzare la discrepanza tra esseri umani e tecnologia sulla base delle sue osservazioni e dell’esperienza pratica come emigrato negli Stati Uniti e del suo background teorico generale nei concetti marxisti come sottostruttura e sovrastruttura Negli Stati Uniti ha svolto vari lavori. Era un tutor, un operaio e persino un costumista di Hollywood. Negli anni ’50 la concettualizzazione di questa discrepanza era diventata una parte importante e pervasiva dei suoi scritti e sarebbe rimasta una caratteristica del suo lavoro fino alla sua morte.Negli anni ’80 avrebbe continuato a chiamare la sua filosofia una filosofia della discrepanza ( Diskrepanzphilosophie ).

Il primo uso pubblicato della frase era nel primo volume del libro di Andres The Outdatedness of Human Beings tedesco Die Antiquiertheit des Menschen ) pubblicato in lingua tedesca nel 1956. Gunther usa l’ esagerazione quando spiega il concetto del divario prometeico ei concetti associati di vergogna prometeica (e orgoglio) e afferma che c’è una necessità e un’urgenza per l’esagerazione. La “cecità” umana in mezzo al gradiente crescente lo richiedeva. L’obiettivo è quindi diventato quello di espandere la capacità e la capacità di immaginazione degli esseri umani. Nella coscienza ardente(1961), lettere tra aviatori statunitensi Claude Eatherly e Gunther, scrive Gunther,

il tuo compito consiste nel colmare il divario che esiste tra le tue due facoltà… per livellare il pendio… devi violentemente allargare la ristretta capacità della tua immaginazione (e quella ancora più ristretta dei tuoi sentimenti) finché immaginazione e sentimento diventano capaci di cogliere e rendersi conto dell’enormità delle tue azioni; finché non sarai capace di coglierlo e concepirlo, accettarlo o rifiutarlo, in breve: il tuo compito è: ampliare la tua fantasia morale.

Gunther considerava i membri in servizio dell’unità 509th Composite Group delle forze aeree dell’esercito americano , che condusse i bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki , e di cui Eatherly faceva parte, come un esempio di persone colpite dal divario prometeico. Insieme ai bombardamenti atomici, Auschwitz (che rappresenta l’Olocausto) era un esempio dello stesso periodo, entrambi rappresentavano condizioni abilitate dalla tecnologia di morte meccanizzata su larga scala, una nuova era che richiedeva una concettualizzazione come base per la prevenzione futura. Gunther prese questi due esempi di avanzamento della civiltà sotto lo stesso ombrello della meccanizzazione, prendendo atto che i bombardamenti atomici e Auschwitz differivano in un punto chiave di distanza tra gli individui coinvolti che di conseguenza influenzò la sua interazione con i bombardamenti atomici. Una tecnologizzazione sempre più interconnessa sta vedendo una crescente sofisticazione in tutte le forme con cui le nostre facoltà umane non sono in grado di tenere il passo, siamo “incapaci di immaginare le cose che facciamo”, un’inversione di prima.

Prometeo

Prometeo che porta il fuoco

La parola “Prometeo” è stata presa dal mito greco di Prometeo . C’è una serie di storie a lui collegate insieme a variazioni delle storie.

Prometeo, un titano e un imbroglione, ha creato versioni primitive dell’umanità. Li ha creati a immagine degli dei greci, tuttavia Zeus ha limitato i poteri dell’umanità. In seguito, Prometeo ha ingannato Zeus, almeno due volte. Il primo inganno di Prometeo portò Zeus a confiscare il fuoco all’umanità. Prometeo, per rappresaglia, rubò il fuoco dal Monte Olimpo e lo restituì all’umanità. Quando l’umanità fiorì ancora una volta e Zeus vide che gli era stato dato il fuoco, punì eternamente Prometeo. Andres usa questa storia come simbolismo, dove il fuoco è la tecnologia moderna e l’eterna punizione data a Prometeo le conseguenze negative.

La convergenza delle variazioni nella storia è il dono del fuoco . Grazie a questo dono, l’umanità può ora giocare i propri scherzi, sia nel bene che nel male. Nelle varianti della storia, Eracle libera Prometeo e segue la storia di Pandora e del suo vaso .


https://en.wikipedia.org/wiki/Promethean_gap

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *