Società storica della Virginia – Wikipedia


Museo di storia a Richmond, Virginia

Le case della Società Scrivere la Dichiarazione di Indipendenza, 1776, Jean Leon Gerome Ferris‘ rappresentazione idealizzata del 1900 di (da sinistra a destra) Benjamin Franklin, John Adamse Virginiano Tommaso Jefferson del Comitato dei Cinque lavorando alla Dichiarazione.

IL Museo di storia e cultura della Virginia fondata nel 1831 come Virginia Historical and Philosophical Society e con sede a Richmond, Virginiaè un importante centro di raccolta, ricerca e insegnamento per Storia della Virginia. È un’organizzazione privata, senza scopo di lucro, sostenuta quasi interamente da contributi privati. Nel 2004, è stata designata società storica statale ufficiale del Commonwealth della Virginia.

La sede della società storica fu ribattezzata da Virginia Historical Society a Museo di storia e cultura della Virginia nel 2018.(2)(3)

IL Museo ospita mostre e programmi per visitatori di tutte le età e dispone di oltre 2.300 m² (25.000 piedi quadrati)2) di spazio espositivo e la più grande esposizione di manufatti della Virginia in mostra permanente. Il Virginia Museum of History & Culture è l’unico museo che racchiude tutta la storia della Virginia sotto lo stesso tetto: sono coperti tutti i secoli, le regioni e gli argomenti.

Missione(modificare)

La missione della società storica è collegare le persone al passato dell’America attraverso l’impareggiabile storia della Virginia. Raccogliendo, preservando e interpretando la storia del Commonwealth, la società collega il passato con il presente e ispira le generazioni future.

Storia(modificare)

Il 29 dicembre 1831, ventotto cittadini della Virginia, costituiti da leader politici, economici e sociali, si incontrarono nella Camera dei Delegati del Campidoglio dello stato della Virginia fondare una società storica statale.(4) Battezzata Virginia Historical and Philosophical Society, la missione della nuova istituzione era quella di preservare la memoria dell’importante passato coloniale e rivoluzionario del Commonwealth in un momento in cui la Virginia stava sperimentando il movimento di molti dei suoi cittadini fuori dallo stato, il che contribuì a creare un senso crescente di sconvolgimenti sociali e una percepita disconnessione con “l’età dell’oro” della Virginia. Per dare impulso fin dall’inizio alla nuova società storica, i suoi fondatori elessero il Presidente della Corte Suprema Giovanni Marshall come primo presidente ed ex presidente James Madison il suo primo membro onorario.

Nei suoi primi anni, la società storica raccolse una collezione eclettica di esemplari di storia naturale, manufatti storici e materiale stampato e scritto. Di tanto in tanto pubblicava i testi dei documenti storici e i discorsi pronunciati nelle sue riunioni annuali. Ciò è stato ostacolato, tuttavia, dal fatto di non avere praticamente alcuna dotazione né una casa permanente. Nel 1848, l’istituzione abbrevia il suo ingombrante nome in Virginia Historical Society per riflettere un focus principalmente storico man mano che diventava più attiva nella pubblicazione di materiale storico.(4) La società ottenne la sua prima sede permanente a Richmond nel 1893. Il giornale della società, the Virginia Magazine di storia e biografiapubblica con cadenza trimestrale ininterrottamente dal 1893.

Negli anni ’50 l’aumento delle risorse permise l’inserimento di uno staff professionale. Nel corso dei decenni successivi le collezioni della società crebbero. Anche il programma di pubblicazioni è aumentato poiché l’istituzione ha acquisito un ruolo significativo nella comunità accademica.

Nel 1959 la storica società si trasferì dalla sua sede in Casa Lee su Franklin Street fino a Battle Abbey (costruita nel 1912) sul Boulevard. Per accogliere la società, un’ala di quattro piani fu aggiunta al lato ovest dell’Abbazia di Battaglia precedentemente ampliata. Dal 1959, l’edificio della sede è stato ristrutturato e ampliato più volte, inclusa una nuova ala ovest per ospitare l’ampia biblioteca di ricerca della società (1992); un’ala nord per espandere lo spazio espositivo e ospitare gli uffici del Dipartimento delle risorse storiche della Virginia (1998); una nuova ala sud per aggiungere ulteriore spazio per gallerie, magazzini, uffici e un auditorium da quasi 488 posti (2006); e nuovi spazi ad uso pubblico sui lati nord e sud dell’edificio (2015).

Nel 1992, la società ha aperto il Center for Virginia History, aumentando le sue risorse espositive e di archivio. Poco dopo, ha stretto una partnership con il Dipartimento delle risorse storiche della Virginia,(5) un’agenzia del governo statale, che possedeva anche importanti beni storici (sia manufatti che archivi), formando un partenariato pubblico-privato unico.

Nel 2018, dopo quasi un anno di ricerca, conversazioni con la comunità e pianificazione strategica, la Virginia Historical Society ha annunciato un nuovo nome per la sua sede centrale al 428 N. Boulevard a Richmond, Virginia: Virginia Museum of History & Culture.(6)

Nel 2019, la strada su cui si trova il Virginia Museum of History & Culture è stata ribattezzata Arthur Ashe Boulevard in onore di Arthur Ashe. Ashe è cresciuta a Richmond, ma gli è stato impedito di giocare a tennis nei campi per soli bianchi di Byrd Park. Ashe è diventato il primo uomo di colore a vincere campionati importanti a Wimbledon, agli US Open e agli Australian Open.(7)

Programmi(modificare)

Mann e Elizabeth Paginadi John Wollastonintorno al 1757.(8)

Il Virginia Museum of History & Culture offre una vasta gamma di programmi educativi, soprattutto per studenti e insegnanti. Questi includono programmi di sensibilizzazione che si svolgono nelle aule scolastiche, visite guidate a mostre, workshop e corsi estivi di una settimana per insegnanti.

Il museo offre ogni anno tre conferenze serali riservate ai membri e circa 20 conferenze pomeridiane aperte al pubblico. Audio e video delle lezioni precedenti sono accessibili sul sito web.(9)

Le mostre attuali includono La storia della Virginiauna mostra a lungo termine che interpreta 16.000 anni di storia della Virginia dai primi manufatti dei nativi americani alla Virginia all’inizio del 21° secolo.(8)

Casa Virginia(modificare)

Virginia House, situata su una collina che domina il Giacomo fiume a Richmond, Virginia, fu costruito da Alexander W. Weddellambasciatore degli Stati Uniti in Spagna e Argentina, e sua moglie, Virginia Weddell, nel 1928 dai materiali di un maniero inglese del XVI secolo precedentemente situato in Warwick. Era una miscela di tre romantici design Tudor inglesi e, per l’epoca, era una casa completamente moderna completa di sette bagni completi, riscaldamento centralizzato, cucina moderna e spaziosi armadi.

Ora di proprietà e gestita dalla Virginia Historical Society come museo, la casa è stata conservata proprio come lo era quando risiedevano i Weddell. I giardini e i terreni di Virginia House offrono un ricco arazzo di texture e colori durante tutto l’anno. Oggi nei giardini formali e naturalistici prosperano quasi 1.000 tipi di piante ornamentali.

Riferimenti(modificare)

  1. ^ “Sistema informativo anagrafico nazionale”. Registro nazionale dei luoghi storici. Servizio del Parco Nazionale. 13 marzo 2009.
  2. ^ Wetzler, Jessica (14 febbraio 2018). “Il vecchio nome è storia”. Rivista di Richmond. Target Communications, Inc., T/A Rivista Richmond. Estratto 1 agosto, 2018.
  3. ^ Tempi-Dispatch, COLLEEN CURRAN Richmond. “La Virginia Historical Society svela il nuovo nome dopo 186 anni di storie: Virginia Museum of History & Culture”. Richmond Times-Dispatch. Estratto 15 gennaio 2019.
  4. ^ UN B Urofsky, Melvin I. (2006). La Virginia Historical Society: i primi 175 anni, 1831–2006. Società storica della Virginia. pp. 20–21, 42. ISBN 0-945015-25-9.
  5. ^ “Dipartimento delle risorse storiche della Virginia”. Dhr.virginia.gov. Estratto 22 novembre 2016.
  6. ^ Curran, Colleen (14 febbraio 2018). “La Virginia Historical Society svela il nuovo nome dopo 186 anni di storie: Virginia Museum of History & Culture”. Richmond Times-Dispatch. Estratto 1 agosto, 2018.
  7. ^ Robinson, Mark (11 febbraio 2019). “Il Consiglio comunale di Richmond rinomina Boulevard per Arthur Ashe”. Richmond Times-Dispatch. Estratto 1 aprile, 2019.
  8. ^ UN B “La storia della Virginia, un’esperienza americana – Virginia Historical Society”. VirginiaHistory.org. Estratto 1 agosto, 2018.
  9. ^ “Audio e video – Museo di storia e cultura della Virginia”. VirginiaHistory.org. 15 marzo 2012. Estratto 1 agosto, 2018.

(Informazioni parafrasate dal sito web della Virginia Historical Society – vedere il collegamento esterno di seguito)

link esterno(modificare)




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto