Sistema digerente

Sistema digerente: cos’è, tutto sull’argomento..

Indice dei contenuti

Ampolla del Vater

L’Ampolla di Vater, chiamata anche ampolla epatopancreatica, prende il nome da Abraham Vater, medico tedesco (1684-1751). È una struttura anatomica del duodeno.

Ampolla rettale

Nell’anatomia umana l’ampolla rettale o retto pelvico, è la parte dilatata del retto.

Antiperistalsi

L’antiperistalsi è l’inversione della peristalsi.

Antro pilorico

L’antro pilorico è la parte finale dello stomaco in rapporto di continuità con lo sfintere pilorico e quindi il duodeno (caudalmente) e il corpo dello stomaco (cranialme

Apparato digerente 

L’apparato digerente di ogni essere vivente ha il compito di introdurre, di digerire ed assorbire i principi nutritivi contenuti negli alimenti, eliminando i residui non utilizzabili per il metabolismo, sotto forma di feci. https://saperelibero.com/apparato-digerente-wikipedia/

Apparato gastrointestinale

L’apparato gastrointestinale è sinonimo dell’apparato digerente.

Appendice epiploica

Le appendici epiploiche, talvolta definite anche appendici omentali, sono piccole sacche costituite di peritoneo piene di lipidi e situate in prossimità del tenue, lungo il colon e la parte superiore del retto.

Appendice vermiforme

L’appendice vermiformeappendice cecale o semplicemente appendice è una formazione tubulare facente parte dell’intestino crasso. Appartiene al segmento prossimale noto come cieco. Rappresenta una delle vestigia filogenetiche del corpo umano.

Canale pilorico

Nell’anatomia umana il canale pilorico è la parte finale del piloro, essa termina nel duodeno.

Canalicolo biliare

Un canalicolo biliare più che un dotto è uno spazio intercellulare tra due filiere di epatociti adiacenti. Gli epatociti secernono la bile nei canalicoli con un flusso parallelo ma opposto a quello nei sinusoidi riversandosi nei dotti biliari che sono posti così in prossimità delle diramazioni della

Cardias

Cardias è il termine anatomico per definire l’orifizio superiore di comunicazione tra l’esofago e lo stomaco, al di sotto del diaframma. Sulla superficie esterna, il cardias è segnalato dalla incisura cardiale. Il cardias inizia immediatamente dopo la linea Z di giunzione

Cellule di Paneth

Le cellule di Paneth sono situate nella mucosa dell’intestino tenue, più precisamente alla base delle cripte di Lieberkühn e devono il loro nome al fisiologo austriaco Joseph Paneth.

Cellule interstiziali di Cajal

Le cellule interstiziali di Cajal sono cellule con proprietà autodepolarizzante situate nello spazio interstiziale a contatto con lo stomaco e con l’intestino. Sono assenti nell’esofago e nella parte prossimale dello stomaco.

Cieco (anatomia)

Il ciecociecum o cecum è la porzione iniziale dell’intestino crasso e corrisponde al tratto situato al di sotto della giunzione ileociecale.

Cistifellea

La cistifellea, detta anche colecisti o vescicola biliare, è un piccolo organo cavo facente parte dell’apparato digerente che ha lo scopo di immagazzinare la bile prodotta dal fegato per poi rilasciarla nell’intestino tenue durante la digestione. Negli esseri umani ha una forma a pera e si trova addossata alla superficie inferiore del fegato; la sua struttura e la sua posizione possono tuttavia variare in modo significativo tra le specie animali.

Cloaca

La cloaca, in anatomia comparata è, in alcune specie animali, un’apertura che serve come unico canale in cui affluiscono le terminazioni dell’intestino posteriore, dell’apparato genitale e apparato urinario.

Coledoco

Il colèdoco, è il dotto originato dall’unione tra il dotto cistico che origina dalla cistifellea e il dotto epatico comune, che origina dal fegato. Termina con uno sfintere che si affaccia all’ampolla del Vater. La sua funzione è il trasporto della bile proveniente dal dotto epatico comune e dalla cistifellea all’ampolla del Vater.

Colon

Il colon è il tratto terminale dell’apparato digerente per molti vertebrati. Più corto e con diametri maggiori rispetto all’intestino tenue, il colon se ne differenzia per la presenza delle haustra e delle tenie, tre fasci muscolari longitudinali che lo percorrono.

Colon ascendente

Nell’anatomia il colon ascendente è una parte del colon.

Colon discendente

Nell’anatomia il colon discendente è una parte del colon.

Colon trasverso

Nell’anatomia il colon trasverso è una parte del colon.

Colonne anali

Le colonne anali chiamate anche colonne rettali o colonne rettali del Morgagni costituiscono le pieghe longitudinali del canale anale.

Cripta di Lieberkühn

Le cripte di Lieberkühn sono ghiandole presenti nella lamina propria della mucosa dell’intestino tenue e dell’intestino crasso.

Digiuno (intestino)

Il digiuno è la sezione centrale dell’intestino tenue, preceduto dal duodeno e seguito dall’ileo nella maggior parte dei vertebrati superiori, inclusi i mammiferi, i rettili e gli uccelli. Nei pesci, la divisione dell’intestino tenue non è così definita e al posto di digiuno si adotta il termine

Disfagia orofaringea

Per disfagia orofaringea in campo medico, si intende una forma di disfagia, un disturbo dovuto all’alterazione del meccanismo della deglutizione, dove si riscontra la difficoltà del cibo di passare dall’orofaringe all’esofago.

Dotto cistico

Il dotto cistico è un corto dotto che unisce la cistifellea con il coledoco. È di lunghezza variabile e contiene delle “valvole a spirale” che non producono una eccessiva resistenza allo scorrimento della bile. Solitamente si trova vicino all’arteria cistica.

Dotto di Stenone

Il dotto di Stenone, dal nome del suo scopritore Niccolò Stenone, anche conosciuto come dotto parotideo, è il dotto escretore della ghiandola parotide.

Dotto epatico comune

Il dotto epatico comune è vaso, facente parte del sistema biliare, formato dalla convergenza del dotto epatico destro ed il dotto epatico sinistro. Il dotto epatico comune si unisce poi con il dotto cistico proveniente dalla cistifellea per formare il coledoco. Assieme al coledoco, forma la via biliare

Duodeno

Il duodeno è uno dei tre segmenti, insieme al digiuno e all’ileo, in cui si suddivide l’intestino tenue. Detto anche intestino tenue fisso per distinguerlo dalle altre due porzioni, definite invece come mesenteriali. Infatti, per merito del mesentere, le due porzioni più

Enteroglucagone

L’enteroglucagone è una forma di glucagone ovverosia un ormone polipeptidico formato da decine di amminoacidi diversi. Il glucagone in generale ha una funzione opposta a quella dell’insulina. L’enteroglucagone a differenza del glucagone, che viene prodotto dal pancreas, viene secreto dalle cellule intestinali della mucosa del duodeno e ha la funzione di facilitare lo svuotamento dell’intestino quando il glucosio presente nei residui digestivi entra in contatto con le pareti duodenali, inibendo localmente la funzione digestiva e provocando la produzione di insulina da parte del pancreas.

Eupepsia

Con il termine eupepsìa, e con l’analoga espressione attività eupeptica, si indica qualsiasi azione che favorisca la “buona digestione”, in contrapposizione alla dispepsia.

Faringe

La faringe è il canale muscolo-membranoso del cavo orale che si connette con la cavità nasale, l’esofago, la laringe e l’orecchio medio.

Faringismo

In medicina, il faringismo indica uno spasmo, cioè una contrazione improvvisa e involontaria, dei muscoli della faringe che rende difficile o impedisce la deglutizione.

Fattore intrinseco

Il fattore intrinseco (FI), o fattore gastrico antipernicioso, è una glicoproteina secreta dalle cellule parietali delle ghiandole ossintiche, nella mucosa gastrica. Esso fu scoperto dal clinico americano William Bosworth Castle.

Flessura duodeno-digiunale

Nell’anatomia umana la flessura duodeno-digiunale è il bordo che separa il duodeno e il digiuno: il muscolo sospensore del duodeno o muscolo di Treitz, si fissa proprio su questa flessura.

Flessura epatica

Nell’anatomia umana la flessura epatica è il bordo che separa il colon ascendente e il colon trasverso.

Flessura splenica

La flessura splenica, detta anche flessura colica di sinistra o flessura lienale, è quel tratto di colon che continua lateralmente a sinistra il colon trasverso e che si continua inferiormente con il colon discendente. La flessura lienale compie una curvatura, formando un angolo acuto aperto inferiormente, anteriormente e medialmente. La flessura splenica è collocata nell’ipocondrio di sinistra, ad un livello più rostrale e più dorsale rispetto alla flessura epatica. È intraperitoneale ed è spesso connessa al diaframma tramite il legamento frenocolico, che giace inferiormente al polo inferiore della milza.

Fossette gastriche

Nell’anatomia umana le fossette gastriche sono piccole depressioni, che uniscono i dotti delle ghiandole gastriche all’epitelio dello stomaco. Queste lievi infossature della mucosa dello stomaco presentano alla base cellule staminali che si riproducono attivamente per sostituire le cellule superficiali che via via si sfaldano e vengono incluse nel chimo. Il continuo ricambio delle cellule epiteliali è un’ulteriore difesa nei confronti del contenuto gastrico.

Ghiandola di Brunner

Le Ghiandole di Brunner sono ghiandole esocrine, tubulari ramificate situate nella tonaca sottomucosa del duodeno. In prossimità della giunzione duodeno-pilorica sono situate nella tonaca propria della mucosa, per traslare successivamente nella tonaca sottomucosa. Queste ghiandole producono un muco a

Ghiandola esocrina

Le ghiandole esocrine sono ghiandole che versano il loro secreto all’esterno del corpo o in cavità comunicanti con l’esterno. Hanno un funzionamento opposto rispetto alle ghiandole endocrine e, morfologicamente, si contraddistinguono per la presenza di un canale cavo, di

Ghiandola salivare

Le ghiandole salivari sono collocate nell’area della bocca, nonché in alcuni tessuti della faccia e del collo. Le più grandi e conosciute sono la parotide, la sottomandibolare, nonché la sottolinguale. Oltre a queste ghiandole salivari maggiori esistono centinaia di minuscole

Ghiandola sottolinguale

La ghiandola sottolinguale è una ghiandola salivare pari.

Ghiandole cardiali

Nell’anatomia le ghiandole cardiali sono una forma di ghiandole tubulari che si immettono nelle fossette gastriche. Sono contenute nello spessore della tonaca propria e presenti sia nel versante esofageo sia in quello gastrico del cardias.

Ghiandole del fondo

Nell’anatomia le ghiandole del fondo sono una forma di ghiandole gastrich

Ghiandole piloriche

Nell’anatomia umana le ghiandole piloriche sono una forma di ghiandole che si trovano nella regione antrale e pilorica dello stomaco.

Haustra

In anatomia le haustra sono le tasche, gli affossamenti presenti fra due pliche mucose trasversali del colon.

Ileo (intestino)

Nell’anatomia dell’apparato digerente l’ileo è la parte finale dell’intestino tenue, preceduto da duodeno e digiuno. È separato dal cieco dalla valvola ileocecale.

Interposizione colica

L’interposizione colica è la presenza del colon trasverso in sede sottodiaframmatica. Può essere più frequentemente a destra, quindi epatodiaframmatica, o, più raramente, intercavoepatica, retrosplenica, intersplenorenale, retrogastrica.
L’interposizione del piccolo intestino o di colon e tenue contemporaneamente è più rara.

Intestino

L’intestino è l’ultima parte dell’apparato digerente. Si presenta come un tubo di diametro variabile con pareti flessibili, ripiegato più volte su sé stesso.

Intestino crasso

L’intestino crasso o grande intestino è la seconda e ultima parte del sistema digestivo degli esseri vertebrati.

Intestino tenue

L’intestino tenue o piccolo intestino è la prima parte dell’intestino dove il chimo si trasforma in chilo. È l’organo più lungo di tutto l’apparato digerente. L’intestino tenue è lungo più di 7 m e il suo diametro è di 2,5 cm se ripiegato su sé stesso. Esso viene distinto in tre porzioni:

Legamento di Treitz

Il legamento del Treitz o legamento sospensore del duodeno in anatomia indica la struttura legamentosa che fissa l’ultimo tratto del duodeno al pilastro diaframmatico mediano di destra, porzione destra dello iato esofageo. È rappresentato da una formazione tendinea centrale che si continua in due poli muscolari: superiore e infer

Linea bianca di Hilton

Nell’anatomia umana la linea bianca di Hilton detta anche solco intermuscolare è una linea chiara che separa parte dell’anoderma, si ritrova nel canale anale, si tratta del punto di separazione fra sfintere interno ed esterno. È il punto di passaggio tra l’epitelio pavimentoso poco

Linea pectinea

Nell’anatomia umana la linea pectinea detta anche è una linea ideale che separa il retto dall’ano, costituita dalle papille anali.

Masticazione

La masticazione è il processo mediante il quale il cibo è frantumato e preparato dai denti. È il primo passo della digestione, e aumenta l’area superficiale del cibo per permettere una migliore azione da parte degli enzimi digestivi. Durante la fase della masticazione il cibo è posizionato tra i denti, per la frantumazione, dalle guance e dalla lingua. Via via che la masticazione continua, il cibo è reso morbido e riscaldato, e gli enzimi della saliva cominciano a scindere i carboidrati dell’alimento. Dopo la masticazione il cibo, chiamato adesso bolo, è deglutito. Esso entra poi nell’esofago e prosegue fino allo stomaco, dove avviene il successivo passo della digestione.

Mesentere

In anatomia umana, il mesentere è un organo che, a partire dalla parete addominale posteriore, si connette all’intestino mesenteriale.

Mesocolon

Il mesocolon è un meso, ovvero una plica (piega) del peritoneo, che avvolge uno o più tratti del colon collegandolo alla parete addominale posteriore.

Mesocolon sigmoideo

Il mesocolon sigmoideo o ileopelvico è una doppia lamina peritoneale che avvolge il colon sigmoideo e lo collega alla parete addominale posteriore. Nel suo spessore decorre un tratto dell’arteria mesenterica inferiore, che provvede all’irrorazione del sigma.

Mesocolon trasverso

Il mesocolon trasverso è un’ampia piega del peritoneo parietale posteriore che unisce il tratto trasverso dell’intestino crasso alla parete addominale posteriore, conferendo così al colon trasverso una buo

Muscolo di Treitz

Il muscolo sospensore del duodeno o muscolo del Treitz in anatomia indica un fascetto legamentoso contenente fibre muscolari lisce che dal pilastro destro del diaframma si fissa sulla flessura duodeno-digiunale, tra digiuno e duodeno. In senso lato, segna il punto in cui finisce la IV ed ultima porz

Muscolo sfintere anale esterno

Nell’anatomia umana il muscolo sfintere anale esterno è un anello muscolare che si ritrova all’esterno del canale anale.

Muscolo sfintere anale interno

Nell’anatomia umana il muscolo sfintere anale interno è un anello muscolare che si ritrova nel canale anale per circa 2,5 cm.

Muscularis externa

La tunica muscolare o tonaca muscolare conosciuta anche come muscolare propria o muscolare esterna è una regione di muscolo in molti organi del corpo dei vertebrati, adiacente alla membrana sottomucosa. È responsabile dei movimenti intestinali, tra cui i movimenti

Papilla duodenale maggiore

Nell’anatomia umana il coledoco e il dotto pancreatico maggiore perforano il duodeno formando una struttura che viene chiamata papilla duodenale maggiore.

Papilla duodenale minore

Nell’anatomia umana la papilla duodenale minore è un piccolo sbocco che unisce il dotto pancreatico accessorio al duodeno; è di importanza minore e talvolta è assente nel corpo umano.

Ghiandola parotide

La ghiandola parotide è una ghiandola a secreto puramente sieroso, è la più voluminosa delle ghiandole salivari, pesa circa 25 – 30 grammi, presenta forma irregolare e lobulata, è di colore giallo grigiastro e di aspetto simile al tessuto adiposo. Si trova nella loggia parotidea, posizionata nella

Peptide intestinale vasoattivo

Il peptide intestinale vasoattivo è un ormone peptidico contenente 28 residui amminoacidici ed è prodotto dal pancreas e da particolari cellule del duodeno.

Persistenza di lattasi

Persistenza di lattasi è l’espressione usata per designare la continua attività dell’enzima lattasi durante l’età adulta che garantisce agli individui la tolleranza al lattosio.

Piloro

Il piloro è un organo appartenente all’apparato digerente, situato nella parte inferiore dello stomaco.

Plesso di Auerbach

Il plesso nervoso mioenterico o plesso di Auerbach è un plesso nervoso che fornisce innervazione motoria alla muscolaris externa del canale gastroenterico; è costituito da un intreccio di fibre nervose e da cellule gangliari. L’input è sia parasimpatico che simpatico. Il plesso di Meissner

Plesso di Meissner

Il plesso di Meissner o plesso sottomucoso è un plesso nervoso intercalato nella tonaca sottomucosa del tubo gastroenterico; insieme al plesso di Auerbach va a formare il sistema nervoso enterico.

Pliche circolari

Le valvole di Kerckring, dette anche “pieghe di Kerckring” o “conniventi“, sono grosse pliche, situate all’interno della mucosa dell’intestino tenue, che sporgono nel lume fino a 8 mm, e sono orientate trasversalmente rispetto all’asse maggiore dell’intestino.

Prebiotico

Si definisce prebiotico ogni sostanza che, presente nel cibo, non viene assorbita dall’organismo, ma è utilizzata dalla flora intestinale.

Retto

Il retto è la parte terminale dell’intestino crasso, ed è compreso tra la porzione terminale del colon discendente o sigma e l’ano. Il retto, come altre parti dell’intestino, si suddivide in diverse componenti: ampolla rettale, retto perineale ed infine canale rettale.

Rinofaringe

Si definisce rinofaringe o nasofaringe la parte superiore della faringe, posta tra la volta faringea e la faccia superiore del palato molle. Essa mette in comunicazione le due fosse nasali con l’orofaringe, situata più in basso, oltre il palato molle.

Seni anali

Nell’anatomia umana i seni anali sono quelle piccole demarcazioni che separano le colonne anali l’una dall’altra, terminano insieme con le colonne nelle valvole anali

Sfintere di Oddi

Lo sfintere di Oddi è una struttura del corpo umano. Si trova al livello dell’orifizio di sbocco del coledoco e del dotto pancreatico nel duodeno, a livello del collo dell’ampolla di Vater che regola il deflusso della bile e, inoltre, impedisce il reflusso del contenuto duodenale nel coledoco.

Sfintere esofageo inferiore

Lo sfintere esofageo inferiore (SEI) è una struttura anatomica dell’esofago. All’inglese è abbreviato in LES.

Sfintere esofageo superiore

Lo sfintere esofageo superiore è comunemente abbreviato UES o SES.

Sigma (anatomia)

Nell’anatomia il colon sigmoideo, o semplicemente sigma, o colon ileo-pelvico è una parte del colon.

Sistema biliare

Il sistema biliare drena la bile prodotta nel fegato dagli epatociti verso la cistifellea per l’immagazzinamento e verso il duodeno per la secrezione intestinale.

Sistema nervoso enterico

Il sistema nervoso enterico è una delle tre branche del sistema nervoso autonomo. È localizzato nello spessore della parete intestinale, nel pancreas e nella cistifellea. Le funzioni dell’apparato digerente sono governate dal sistema nervoso enterico.

Sonda di Miller-Abbott

La sonda di Miller-Abbott è una sonda enterale di gomma morbida, a doppio lume, lunga circa 320 cm, di calibro dai 12 ai 18 french che viene utilizzata per la decompressione intestinale. Un lume drena o decomprime l’intestino aspirando secrezioni e gas, il secondo lume, più piccolo, viene utilizzato per gonfiare un palloncino posto all’estremità distale della sonda.

Taenia coli

Nell’anatomia umana le taenia coli sono piccole parti di tessuto muscolare liscio.

Tasca guanciale

Le tasche guanciali sono delle pieghe della mucosa orale situate a livello delle guance; sebbene le più note siano quelle dei criceti, sono presenti anche in molti altri mammiferi, come l’ornitorinco, il koala, alcuni roditori e molte scimmie. Si estendono su entrambi i lati della testa lungo la mascella inferiore, fino a dietro la scapola, e si trova

Tratto vocale

Negli esseri umani e nel mondo animale, il tratto vocale è la cavità nel quale il suono viene filtrato, dopo essere stato prodotto dalla sorgente sonora.

Valvola di Houston

Nell’anatomia umana, la cosiddetta valvola di Houston, conosciuta anche come valvola rettale, si ritrova nell’ampolla rettale.

Valvola ileo-ciecale

La valvola ileo-ciecale o ileocecale è uno sfintere muscolare che divide la parte terminale dell’intestino tenue (ileo) dal cieco, impedendo al chilo, una volta entrato nel cieco, di rifluire nel tenue. Circa due litri di fluido entrano ogni giorno nel colon attraverso la valvola ileo-ciecale. La valvola ileocecale è l’unico sito nel tratto gastrointestinale che viene utilizzato per produrre

Valvole anali

Nell’anatomia umana le valvole anali sono delle piccole valvole che si trovano alla fine delle colonne anali, quelle denominate del Morgagni.

Vaso chilifero

Un vaso chilifero, o latteale, è un capillare linfatico che assorbe i grassi nei villi intestinali dell’intestino tenue.

Villo intestinale

villi intestinali sono estroflessioni della mucosa dell’intestino, che consentono di aumentare la superficie dell’organo per avere una maggior area assorbente dei nutrienti ingeriti con l’alimentazione. Si trovano numerosissimi sulle pliche intestinali che sono delle pieghe

Vomito

Il vomito è l’espulsione rapida attraverso la bocca di materiale gastrointestinale, provocata dalla rapida contrazione involontaria dei muscoli dell’addome, associata ad un’apertura del cardias in seguito ad un’onda antiperistaltica che parte dal digiuno. Il materiale emesso può essere alimentare o

Zonulina

La zonulina, proteina correlata all’Aptoglobina, modula la permeabilità delle giunzioni strette tra le cellule della parete del tubo digerente.


Tratto da Wikipedia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Categoria:Sistema_digerente

5 commenti su “Sistema digerente: cos’è, tutto sull’argomento..”

  1. Pingback: Apparato digerente: di ogni essere vivente.. - SAPERELIBERO

  2. Pingback: Colon: cos'è, intestino crasso. - SAPERELIBERO

  3. Pingback: Cistifellea: cos'è, nota anche come colecisti. - SAPERELIBERO

  4. Pingback: Tratto gastrointestinale: cos'è, intestino... - SAPERELIBERO

  5. Pingback: Intestino tenue: cos'è, tra stomaco e intestino crasso. - SAPERELIBERO

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: