S-25 Berkut – Wikipedia


Sistema SAM strategico

IL S-25 Berkut (russo: С-25 «Berkut»; “Berkut” significa Aquila reale in inglese) è una superficie-aria missile guidatoil primo operativo SAM sistema nel Unione Sovietica. All’inizio degli anni ’50 fu testato Kapustin Yar. È stato distribuito in diversi anelli intorno Mosca a partire dal 1955 e divenne pronto al combattimento nel giugno 1956. Il sistema, tuttavia, non riuscì a rilevare, tracciare e intercettare l’unico sorvolo della capitale sovietica Mosca da parte di un aereo da ricognizione U-2 il 5 luglio 1956.(2)(3) A Mosca veniva utilizzato solo a scopo difensivo; tanto più mobile S-75 (Linea guida SA-2) verrebbe utilizzato in quasi tutte le altre località. Nel corso della sua lunga durata di servizio furono introdotti numerosi miglioramenti e il sistema fu infine sostituito dal S-300P nel 1982.

Suo Nome in codice NATO È SA-1 Gilda. S-25 è l’abbreviazione di Sistema 25, riferendosi all’intero sistema di missili, radar e lanciatori. Parti del sistema includono il missile V-300, i radar R-113 e B-200 e le antenne A-11/A-12 per il B-200.

Storia(modificare)

Lo sviluppo dell’S-25 fu autorizzato il 9 agosto 1950 con una decisione dell’URSS e fu aggiunto da Stalin: (Dobbiamo procurarci il missile per la difesa aerea entro un anno). La progettazione del sistema è stata affidata all’SB-1 (Ufficio speciale n. 1).

Il progetto iniziale prevedeva:

  • E\Banda F A-100 Radar “Kama” basato su due anelli concentrici; un anello vicino, a 25–30 km da Mosca, e un anello lontano, a circa 200–250 km da Mosca, per l’allarme tempestivo e il rilevamento dei bersagli.
  • Radar di puntamento missilistico B-200, schierati su due anelli.
  • SAM V-300 schierati attorno ai radar B-200.
  • Aereo intercettore G-400. Questi erano Tu-4 con G-300 (izdelie 210versione ridotta del V-300 con lancio aereo).
  • Possibilmenteaereo AWACS D-500 basato su Tu-4.

L’attuazione fu affidata alla Terza Agenzia Principale, creata appositamente dal Soviet dei Ministri dell’URSS. SB-1 è stato convertito in KB-1 (Design Bureau №1) guidato da PN Kuksenko E SL Beria. Alcuni specialisti tedeschi catturati erano concentrati nel dipartimento №38 del KB-1.

Le prove sul campo di prova del primo sistema sperimentale furono condotte nel gennaio 1952. Questi test portarono alla rimozione dei componenti aerei del sistema Berkut (G-400/G-300 e G-500).

La costruzione dell’infrastruttura terrestre (progettata dalla divisione moscovita di Lengiprostroy, VI Rechkin) fu effettuata dal 1953 al 1955 a distanze di 50 km e 90 km da Mosca. Erano circa 2000 i km di strade costruite dai prigionieri.

Dopo la morte di Stalin e l’arresto di LP Beria (capo della polizia e della sicurezza sovietica e padre di SL Beria) nel giugno 1953, il KB-1 fu riorganizzato e guidato da Raspletin. La Terza Agenzia Principale è stata convertita in Glavspetsmash e inclusa nel Ministero della Costruzione di Macchine Medie. Il nome Berkut è stato cambiato in Sistema 25.

I primi elementi da combattimento dell’S-25 furono consegnati all’esercito nel 1954. Nel marzo 1954 la maggior parte dei siti venivano preparati per l’installazione dei missili e dei lanciatori. I test finali furono completati all’inizio del 1955. Le prime batterie entrarono in servizio il 7 maggio 1955. Il sistema entrò in servizio di combattimento nel giugno 1956. I lanciatori erano situati a una distanza di 75-85 km da Mosca, un anello denso (a una distanza di 10-15 km l’uno dall’altro). I luoghi erano mascherati dalle foreste.

Dopo che il sistema entrò in servizio, alcune parti del Glavspetsmash (Glavspetsmontazh e Glavspetsmash) furono sciolte, il KB-1 fu trasferito al Ministero delle Industrie della Difesa.

Per far funzionare il sistema S-25, nella primavera del 1955 fu istituito l'”Esercito separato per scopi speciali” sotto il comando del colonnello generale K. Kazakov, che faceva parte del Forze di difesa aerea sovietiche (PVO Strano).

Durante il servizio sono stati apportati numerosi miglioramenti al progetto iniziale dell’S-25. L’ultimo S-25M modernizzato è stato ritirato e sostituito con S-300P complessi di difesa aerea nel 1982. La maggior parte dei siti del complesso originale S-25 furono smantellati negli anni ’90 e ora sono costituiti da cottage estivi per i residenti di Mosca.

Complesso missilistico terra-aria S-25(modificare)

Le parti dell’S-25 sono state progettate in parallelo. Alcuni motivi sono stati creati al Kapustin Yar campo di prova per supportare lo sviluppo dell’S-25:

  • №30 – posizione tecnica per preparare i missili
  • №31 – soggiorni dei militari
  • №32 – Lanciatore V-300
  • №33 – Radar B-200

I primi test dell’S-25 in modalità di controllo completo iniziarono il 2 novembre 1952 (utilizzando un bersaglio simulato dal radar). I test contro i bersagli con paracadute furono effettuati all’inizio del 1953. Tu-4 i droni furono utilizzati per i test sui bersagli mobili dal 26 aprile al 18 maggio 1953. Ci furono 81 lanci durante le prove dal 18 settembre 1952 al 18 maggio 1953. Ulteriori test furono effettuati nel settembre-ottobre 1953 contro Il-28 e droni Tu-4.

La decisione del governo di costruire un complesso S-25 su vasta scala a Kapustin Yar fu presa nel gennaio 1954. Il complesso fu campionato per le prove statali il 25 giugno 1954. Le prove furono condotte dal 1 ottobre 1954 al 1 aprile 1955 e includevano 69 lanci contro droni Il-28 e Tu-4 (incluso il lancio simultaneo di 20 missili su 20 bersagli). Il complesso era in grado di sparare su 20 bersagli con 1 o 2 missili contemporaneamente avendo fino a 60 missili pronti al lancio. Il tempo di avvio è stato di 5 minuti (per 18 canali target).

Sono stati fabbricati e schierati 56 complessi S-25 costruiti in serie nell’area di Mosca, più uno costruito in serie e uno sperimentale schierato presso il poligono di prova di Kapustin Yar.

Radar di puntamento missilistico B-200(modificare)

Ogni sito era equipaggiato con un B-200 sistema di guidacompreso a traccia durante la scansione radar (designato Yo-Yo dall’intelligence statunitense). Il radar operava alla frequenza di 3 GHz e i suoi due raggi a ventaglio (1°x60°) scansionavano indipendentemente il settore difeso in elevazione e in azimut.(2)(3) Il sistema è stato anche incorporato sistema di controllo del fuoco attrezzature che consentivano a ciascun sito di ingaggiare fino a 10 bersagli simultaneamente, ciascuno con due missili.

Il prototipo del radar B-200 fu testato a metà degli anni ’50.

Missile terra-aria V-300(modificare)

Il primo missile V-300 fu lanciato il 25 luglio 1951 sul poligono di prova di Kapustin Yar.

Il missile, che aveva diversi nomi a seconda della versione, ne utilizzava uno solo razzo a propellente liquido il motore. Sebbene la sua velocità massima fosse dell’ordine di Mach 2,5, aveva una bassa velocità iniziale che limitava la sua capacità di ingaggio contro bersagli supersonici. La sua portata massima di intercettazione variava a seconda dell’avvicinamento e del tipo di bersaglio; contro uno in arrivo direttamente, ad alta quota B-52 la sua portata era dell’ordine di 30 km. Il missile trasportava un grosso testata di 200–320 kg (440–710 libbre) e il suo raggio letale era stimato in 20–35 m (66–115 piedi). Si credeva che fosse in grado di intercettare da un’altitudine minima di 900 m (3.000 piedi) fino a 18.000 m (59.000 piedi), con qualche capacità aggiuntiva fino a circa 24.000 m (79.000 piedi), in particolare se dotato di un testata nucleare.(4)

Nel 1959 furono prodotti un totale di circa 32.000 missili V-300.(5)

Operatori(modificare)

Mappa con gli operatori S-25 in blu e gli ex operatori in rosso

Operatori attuali(modificare)

  • Russia – Ora, questi missili vengono utilizzati come bersagli per l’addestramento dei sistemi SAM.(1)(6) Missile bersaglio Strizh (sistema S-25M) in servizio dal 2011. Ha lanciato più di 11.000 missili.(7)
  • Corea del nord – 72 consegnati nel 1961.(8)(9)

Ex operatori(modificare)

  • Unione Sovietica – Ritirato nel 1982, ma passato alla Russia e riutilizzato per scopi addestrativi.

Riferimenti(modificare)




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto