QCDPAX – Wikipedia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

IL QCDPAX era un array di processori progettato e costruito congiuntamente da Università di Tsukuba E Società Anritsu per la simulazione del QCD reticolare.

PAX (Processor Array eXperiment) era il nome della serie di computer paralleli dal 1977 per lo studio del calcolo parallelo ad alta velocità in applicazioni scientifiche e ingegneristiche. La prima e la seconda macchina furono realizzate a Università di Kyoto rispettivamente nel 1978 e nel 1980, e il progetto fu trasferito all’Università di Tsukuba nel 1981. Ha utilizzato il MIMD architettura di array di processori con connessione bidimensionale del vicino più vicino e bus di trasmissione.

QCDPAX era il quinto modello della serie PAX. Nell’aprile 1988 è stato costruito un prototipo con quattro unità di elaborazione, nell’aprile 1989 è stato costruito un sistema pratico con 288 unità di elaborazione. Nella primavera del 1990 il numero di PU è stato aumentato a 480 e ha raggiunto una velocità di picco di 14GFLOPS.

Ogni unità di elaborazione era un microcomputer indipendente a scheda singola. Motorolail microprocessore MC68020 (25 MHz) è stata utilizzata come CPU. La memoria locale era di 4 MByte con DRAM da 1 Mbit da 100 ns. Il QCDPAX utilizzato Logica LSIL’unità di elaborazione in virgola mobile L64133 di sul mercato. L64133 ha avuto prestazioni di picco di 33MFLOPS. Il controller dell’unità di elaborazione in virgola mobile, recentemente sviluppato dal gate array, è stato utilizzato anche per derivare le prestazioni dalla FPU controllando l’accesso diretto alla memoria tra la memoria dati e l’unità di elaborazione in virgola mobile.(1)(2)(3)

Il QCDPAX è stato seguito dal processore 2048 CP-PACS con una velocità di 614,4 GFlops
(4) a cui sono succeduti una serie di computer sempre più veloci dedicati alla fisica computazionale.(5) Dal CP-PACS in poi tutti sono stati localizzati e gestiti dal Centro dedicato per la fisica computazionale dell’Università di Tsukuba.

Riferimenti(modificare)

  1. ^ T.Shirakawa, T.Hoshino, Y.Oyanagi, Y.Iwasaki, T.Yoshie, K.Kanaya, S.Ichii e T.Kawai “QCDPAX – An MIMD Array di processori vettoriali per la simulazione numerica della cromodinamica quantistica”, Proc. IEEE e ACM. Supercalcolo ’89, Reno Nevada, novembre (1989) pp.495-504.
  2. ^ Y.Iwasaki, T.Hoshino, T.Shirakawa, Y.Oyanagi e T.Kawai QCDPAX: Un computer parallelo per la simulazione QCD reticolare”, Comput. Phys. Commun. 49 (1988) pp.449-455.
  3. ^ D. Kahaner “Attività di ricerca informatica in Asia”, Diane Publishing Company, 1993.
  4. ^ Indice tsukuba.ac.jp(collegamento morto)
  5. ^ “Storia della serie PACS/PAX”. 6 febbraio 2017.

Bibliografia(modificare)

  • Iwasaki, Y., et al. “Qcdpax: un computer parallelo per la simulazione del reticolo qcd.” Comunicazioni di fisica informatica 49.3 (1988): 449-455.
  • Shirakawa, Tomonori et al. “QCDPAX: un array MIMD di processori vettoriali per la simulazione numerica della cromodinamica quantistica.” Atti della conferenza ACM/IEEE del 1989 sul supercalcolo. ACM, 1989.
  • Iwasaki, Y., et al. “Stato di QCDPAX.” Supplementi agli atti B di fisica nucleare 17 (1990): 259-262.
  • Iwasaki, Y., et al. “QCDPAX: stato attuale e primi risultati fisici.” Supplementi 20 degli atti B di fisica nucleare (1991): 141-144.
  • Kanaya, K., et al. “QCD pura a temperatura finita: risultati da QCDPAX.” Supplementi 20 degli atti B di fisica nucleare (1991): 300-304.
  • Iwasaki, Y., et al. “Transizione deconfinante della teoria di Gauge SU (3) su N t = reticoli 4 e 6.” Lettere di revisione fisica 67.24 (1991): 3343-3346.
  • Yoshie, T., et al. “Spettro di adroni spento su un reticolo 243 × 54.” Supplementi agli atti B di fisica nucleare 26 (1992): 281-283.
  • Kanaya, K., et al. “Transizione deconfinante della teoria di Gauge SU (3) su reticoli NT = 6.” Supplementi agli atti B di fisica nucleare 26 (1992): 302-304.
  • Iwasaki, Y., et al. “Transizione di fase a temperatura finita della teoria di gauge SU (3) su reticoli N t= 4 e 6.” Revisione fisica D 46.10 (1992): 4657-4667.
  • Effendi, Iwan, F. Shinnodaria e Tomonori Shirakawa. “Metodo degli elementi di confine sul computer parallelo QCDPAX e valutazione.” IABEM-92, Università del Colorado, Stati Uniti (1992).
  • Iwasaki, Y., et al. “Contaminazione degli stati eccitati nei propagatori di adroni QCD quenched.” Supplementi agli atti B di fisica nucleare 30 (1993): 397-400.
  • Iwasaki, Y., et al. “Calcoli statistici elevati dello spettro QCD spento utilizzando varie sorgenti di quark.” Supplementi agli atti B di fisica nucleare 34 (1994): 354-356.
  • Collaborazione QCDPAX. “Masse degli adroni e costanti di decadimento con i quark Wilson a {beta} = 5,85 e 6,0.” Revisione fisica, D 53.11 (1996) pp. 6443-6464.

link esterno(modificare)




Source link

Lascia un commento