Piper PA-18 Super Cub – Wikipedia


Aereo leggero americano degli anni ’40

IL Piper PA-18 Supercucciolo è una due posti, monomotore monoplano. Introdotto nel 1949 da Aereo Piperè stato sviluppato da PA-11 Cucciolo Specialee ne fa risalire la discendenza attraverso il J-3 Cucciolo al Taylor E-2 Cub degli anni ’30. In quasi 40 anni di produzione ne furono costruiti oltre 10.000.(1) I Super Cubs si trovano comunemente in ruoli come volo del cespuglio, traino di striscioni E traino aliante.

Design e sviluppo(modificare)

Sebbene basato sul design del precedente Cucciolil’aggiunta di un impianto elettrico, lembi (3 tacche) e notevolmente più potente motore (150 CV), ha reso l’esperienza di volo molto diversa. Sebbene il Super Cub “standard” fosse dotato di un motore Lycoming da 150 cavalli (112 kW), non è raro vederli equipaggiati con un O-320-B2B da 160 cavalli, o addirittura 180 cavalli (134 kW) Lycoming O -360 propulsore. L’alto sollevamento ala e il potente motore hanno reso il Super Cub un ottimo candidato per la conversione in entrambi idrovolante O aeroplano munito di sci. Inoltre, è stato prodotto il PA-18A (una versione agricola). applicando sia prodotto chimico secco che spray liquido.

Il Super Cub ha mantenuto la base “straccio e tubo” (tessuto teso su un telaio in tubi d’acciaio) struttura del precedente J-3 Cub.

Piper PA-18-150 Supercucciolo idrovolante
Piper Cub utilizzato per il monitoraggio meteorologico e la manutenzione degli strumenti in Alaska nel 1950
Super Cub PA-18-150 sui galleggianti

I primi veri Cub “Super” avevano flap, doppi serbatoi di carburante e un motore Lycoming O-235 che produceva circa 108 CV (115 CV solo per il decollo). Tuttavia era disponibile una variante Continental da 90 CV senza flap e senza il serbatoio della seconda ala opzionale. Il loro peso a vuoto era, in media, di 800-1000 libbre con un peso lordo di 1.500 libbre. Questi cuccioli sarebbero decollati in circa 400 piedi (a peso lordo) e sarebbero atterrati in circa 300 piedi utilizzando i flap. Il Super Cub è rinomato per la sua capacità di decollare e atterrare su distanze molto brevi. I primi Super Cub sarebbero stati offerti con un esclusivo carrello di atterraggio principale tandem a quattro ruote progettato per l’atterraggio e il decollo da terreni accidentati, ma questo fu sostituito con carrello di atterraggio convenzionale.(2)(3) L’O-290 Lycoming Cubs (135 hp) lo seguì e sarebbe decollato in circa 200 piedi (61 m). La distanza di atterraggio è rimasta la stessa a circa 400 piedi (120 m) o 300 piedi (91 m) utilizzando i flap. Con l’uso del Lycoming O-320 a 150-160 hp, il peso lordo consentito del Cub è aumentato a 1.750 libbre pur mantenendo la capacità di soli 200 piedi (61 m) richiesta per il decollo.

Il PA-18 ha sviluppato un seguito molto dedicato nella comunità del bush-flying e per esso sono state sviluppate molte modifiche, al punto che è piuttosto raro trovare un Super Cub originale, completamente di serie. Le modifiche includono vani bagagli estesi (che si estendono più indietro nella fusoliera, o anche vani bagagli a due livelli nella parte superiore e inferiore della fusoliera posteriore), contenitori per bagagli esterni, contenitori per carburante, rastrelliere per legname per il trasporto di materiali da costruzione su piste nella boscaglia non migliorate. Anche la rimozione dei serbatoi di testata, serbatoi di carburante alari più grandi da 24 o addirittura 30 galloni, carrello di atterraggio principale esteso per una migliore altezza da terra dell’elica, molle del ruotino di coda rinforzate, l’aggiunta di un piccolo terzo sedile per il passeggero nell’area bagagli e generatori e motorini di avviamento leggeri. . Inoltre diverse aree di montaggio per la batteria (per spostare il peso in avanti e ridurre il peso della coda per accorciare la distanza di decollo), varie forme diverse della coda per aumentare la superficie, alette allungate, vari design delle estremità alari, generatori di vortici sul bordo d’attacco delle ali , lo spostamento del quadro elettrico dalla radice dell’ala destra al cruscotto per ridurre il rischio di incendio in caso di incidente e persino l’aggiunta di un’elica a velocità costante. Soprattutto, la modifica più comune è l’aggiunta di “ruote a boccola” (esse stesse dirette discendenti delle Pneumatici “airwheel” di Alvin Musselman degli anni ’20 utilizzato sull’originale Piper J-3), pneumatici a palloncino grandi, morbidi e a bassa pressione progettati per assorbire gli impatti di rocce e massi e per non affondare nella sabbia o altre superfici morbide, ideali per gli atterraggi fuori pista.

Varianti(modificare)

PA-18 Supercucciolo
Prototipo e variante di produzione alimentato da un motore a pistoni Continental C-90-8F da 95 CV, a volte noto come PA-18-95.(4)
PA-18-105 Supercucciolo
Variante di produzione dotata di 105 CV Lycoming O-235-C1 motore a pistoni e piano di coda più grande.(4)
PA-18-105 Speciale
Variante speciale costruita nel 1952 e nel 1953 per la Pattuglia aerea civile come allenatore con ascensori bilanciati a tromba e predisposizione per paracadute per sedili.(4)
PA-18-125 Supercucciolo
Variante per sostituire il PA-18-95 con flap ed elevatori bilanciati a tromba e motore da 125 hp Lycoming O-290-D motore a pistoni ed elica a passo regolabile in legno o metallo.(4)
PA-18-135 Supercucciolo
Variante da 135 CV Lycoming O-290-D motore a pistoni e dotato di serie di due serbatoi alari.(4)
PA-18-150
PA-18-150 Supercucciolo
Variante del 1954 da 150 CV Lycoming O-320.(4)
PA-18-180 Supercucciolo
Variante sperimentale da 180 CV Lycoming O-360 motore, quello costruito nel 1980 da Piper.(4) Altri velivoli sono stati rimotorizzati in base a un certificato di tipo supplementare.(5)
PA-18A
Designazione per velivoli agricoli di produzione, incluso cropdusters e varianti di spruzzatore e che incorporano un profilo della fusoliera posteriore leggermente diverso per consentire il montaggio di un serbatoio a tramoggia nella posizione del sedile posteriore.(4)
PA-18S
Designazione per aeromobili di produzione dotati di galleggianti.(4)
PA-18AS
Designazione di un piccolo numero di aerei agricoli dotati di galleggianti.(4)
PA-19 Supercucciolo
Designazione originale della variante militare del PA-18, solo tre costruiti e tutta la successiva produzione militare furono designati come PA-18.(4)
Aeromod Loadstar Modello 100
Biplano conversione del Super Cub, alimentato dal motore O-290-D da 135 CV (101 kW), progettato per migliorare le capacità dagli aeroporti ad alta quota.(6)
SAFAT 01
Uno sviluppo / copia sudanese costruito dal SAFAT Aviation Complex a Khartum.(citazione necessaria)

Designazioni militari(modificare)

L-18C Supercucciolo
Designazione militare del PA-18 Super Cub per l’esercito degli Stati Uniti, alimentato da un motore a pistoni Continental C90-8F da 95 CV (71 kW), 838 consegnati, di cui almeno 156 consegnati ad altre nazioni sotto MDAP.(7)
YL-21 Supercucciolo
Due Super Cub 135 per la valutazione da parte dell’esercito degli Stati Uniti.(8)
L-21A Supercucciolo
Designazione militare del Super Cub 125, alimentato da un motore a pistoni Avco Lycoming 0-290-II da 125 CV (92 kW), 150 consegnati.(8)
L-21B Supercucciolo
Designazione militare del Super Cub 135, alimentato da un motore a pistoni Avco Lycoming 0-290-D2 da 135 CV (101 kW), 584 ne consegnò molti ad altre nazioni sotto MDAP, ribattezzato U-7A nel 1962.(8)
TL-21A
Un certo numero di L-21A furono convertiti in aerei da addestramento.
U-7A Supercucciolo
Ridesignazione del 1962 dell’L-21B.(8)

Operatori(modificare)

Operatori militari(modificare)

Argentina
Austria
Belgio
Germania
Grecia
Iran
Italia
Israele
Giappone
Forza di autodifesa terrestre giapponese L-21B
Katanga
  • Force Aérienne Katangaise(13)
Olanda
Nicaragua
Norvegia
Portogallo
Svezia
Svizzera
  • Aeronautica svizzera
    • 4 PA-18-150 prestarono servizio nell’aeronautica svizzera, come V-653-V-656, dal 1964 al 1975. Il V654 divenne HB-PAV, V655 HB-PAW, V656 HB-PAX.
Tacchino
USFWS Super Cub, utilizzato per le forze dell’ordine in Alaska. 1970 Piper PA-18-150 Super Cub C/N 18-8898
Uganda
Uruguay
stati Uniti

Utenti civili(modificare)

stati Uniti

Specifiche (aereo terrestre PA-18-150)(modificare)

Disegno a 3 viste del Piper PA-18 Super Cub
Disegno a 3 viste del Piper PA-18 Super Cub

Dati da Tutti gli aerei del mondo di Jane 1976-77 (18)

Caratteristiche generali

  • Equipaggio: 1
  • Capacità: 1 passeggero
  • Lunghezza: 22 piedi 7 pollici (6,88 m)
  • Apertura alare: 35 piedi 2+12 a (10.732 m)
  • Altezza: 6 piedi 8+12 (2.045 m)
  • Superficie alare: 178,5 piedi quadrati (16,58 mq2)
  • Proporzioni: 7:1
  • Profilo alare: USA 35B MOD
  • Peso vuoto: 930 libbre (422 kg)
  • Peso massimo al decollo: 1.750 libbre (794 kg)
  • Capacità carburante: 36 galloni USA (30 imp gal; 140 L)
  • Centrale elettrica:Lycoming O-320 raffreddato ad aria piatto quattro motore, 150 CV (110 kW)

Prestazione

  • Velocità massima: 130 mph (209 chilometri all’ora, 113 nodi)
  • Velocità di crociera: 115 mph (185 km / h, 100 kn) (75% di potenza)
  • Velocità di stallo: 43 mph (69 km / h, 37 kn) (flap abbassato)
  • Non superare mai la velocit: 153 mph (246 chilometri all’ora, 133 nodi)
  • Allineare: 460 miglia (740 km, 400 miglia nautiche)
  • Soffitto di servizio: 19.000 piedi (5.800 m)
  • Velocità di salita: 960 piedi/min (4,9 m/s)
  • Distanza di decollo fino a 50 piedi (15 m): 500 piedi (152 m)
  • Distanza di atterraggio da 50 piedi (15 m): 725 piedi (221 m)

Guarda anche(modificare)

Sviluppo correlato

Velivolo di ruolo, configurazione ed epoca comparabili

Riferimenti(modificare)

  1. ^ UN B Cox, Jack. “Storia del Piper PA-18 Super Cub”. Il progetto sperimentale del supercucciolo di Christian Sturm. Estratto 19 settembre 2021.
  2. ^ “Cavallo d’aria per arrampicata ripida per agricoltori”. Meccanica popolare, settembre 1950, pag. 156.
  3. ^ Su un taildragger, il carrello di atterraggio principale in tandem Whitaker opzionale era difficile da sterzare su una superficie pavimentata, mentre due grandi pneumatici a palloncino forniscono una manovrabilità paragonabile ai pneumatici standard pur fornendo la galleggiabilità richiesta su superfici morbide.
  4. ^ UN B C D e F G H io J K Peperell 1987, pp. 69–78
  5. ^ “Certificato di tipo supplementare SA92NW Installazione del motore Lycoming serie 0-360, dell’elica McCauley, Sensenich Propeller Manufacturing Co. o Sensenich Wood Propeller Co, Inc. e dell’hardware associato secondo Cub Crafters, Inc. Master Drawing List 101000-MDL, Revisione U, datata 27 febbraio 2004 o successiva revisione approvata dalla FAA. (PDF). Amministrazione federale dell’aviazione. 4 giugno 2004 Archiviato da l’originale (PDF) il 08-06-2011. Estratto 2010-03-06.
  6. ^ Taylor 1967, pag. 190.
  7. ^ UN B C D Andrade 1979, pag. 131
  8. ^ UN B C D e F Andrade 1979, pag. 134
  9. ^ Rivas, Santiago (aprile 2021). “Spezzare i cartelli della droga”. Aereo Internazionale. vol. 100, n. 4. pagine 46–49. ISSN 0306-5634.
  10. ^ Wheeler 1974, pp. 174–175.
  11. ^ (in italiano) ANAE; La nostra storia Archiviato 05-12-2014 al Macchina del ritorno
  12. ^ Wheeler 1974, pag. 177.
  13. ^ “Congo, parte 1; 1960-1963”. ACIG. 2003. Estratto 2013-08-09.
  14. ^ Wheeler 1974, pag. 180.
  15. ^ Wheeler 1974, pag. 181.
  16. ^ Wheeler 1974, pag. 186.
  17. ^ Steinmann Aereo Internazionale Febbraio 1992, pag. 76.
  18. ^ Taylor 1976, pp. 347–348.

Bibliografia(modificare)

link esterno(modificare)




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto