Paleontologia: cos’è, vita che esisteva prima

Paleontologia è lo studio scientifico della vita che esisteva prima, e talvolta includendo, l’inizio dell’epoca dell’Olocene( circa 11.700 anni prima del presente).

Una sala di paleontologia dei vertebrati del Museo di Storia Naturale di Firenze.
Una sala di paleontologia dei vertebrati del Museo di Storia Naturale di Firenze.

Comprende lo studio dei fossili per classificare gli organismi e studiare le loro interazioni tra loro e con i loro ambienti (la loro paleoecologia ).

Osservazioni paleontologiche sono state documentate già nel V secolo a.C. La scienza si affermò nel XVIII secolo come risultato del lavoro di Georges Cuvier sull’anatomia comparata e si sviluppò rapidamente nel XIX secolo.

Il termine è in uso dal 1822 formato dal greco παλαιός ( ‘palaios’ , “vecchio, antico”), ὄν ( ‘su’ , ( gen. ‘ontos’ ), “essere, creatura”), e λόγος ( “logos” , “discorso, pensiero, studio”).

La paleontologia si trova al confine trabiologia egeologia, ma differisce dall’archeologia in quanto esclude lo studio degliesseri umani anatomicamente moderni.

Ora utilizza tecniche tratte da una vasta gamma di scienze, tra cuila biochimica ,la matematica e l’ingegneria.

L’uso di tutte queste tecniche ha permesso ai paleontologi di scoprire gran parte dellastoria evolutiva della vita, quasi fino a quando la Terra divenne capace di sostenere la vita, quasi 4 miliardi di anni fa.

Con l’aumento della conoscenza, la paleontologia ha sviluppato suddivisioni specializzate, alcune delle quali si concentrano su diversi tipi di organismi fossili mentre altre studianol’ecologia e la storia ambientale, comei climi antichi.

I fossili corporei ele tracce fossili sono i principali tipi di prove sulla vita antica, e le provegeochimiche hanno contribuito a decifrare l’evoluzione della vita prima che esistessero organismi abbastanza grandi da lasciare fossili corporei.

Stimare la datazione di questi resti è essenziale ma difficile: a volte gli strati rocciosi adiacenti consentonola datazione radiometrica,

che forniscedata assoluta con una precisione dello 0,5%, ma più spesso i paleontologi devono affidarsi alla datazione relativa risolvendo i ”puzzle ” dellabiostratigrafia (disposizione degli strati rocciosi dal più giovane al più vecchio).

Anche classificare gli organismi antichi è difficile, poiché molti non si adattano bene allatassonomia linneana che classifica gli organismi viventi, e i paleontologi usano più spessola cladistica per redigere “alberi genealogici” evolutivi.

L’ultimo quarto del 20° secolo ha visto lo sviluppo dellafilogenetica molecolare , che studia il grado di parentela tra gli organismi misurando la somiglianza delDNA nei lorogenoma.

La filogenetica molecolare è stata utilizzata anche per stimare le date in cui le specie si sono differenziate, ma c’è controversia sull’affidabilità dell’orologiomolecolare da cui dipendono tali stime.

Indice dei contenuti

Panoramica

La definizione più semplice di “paleontologia” è “lo studio della vita antica”.

Il campo cerca informazioni su diversi aspetti degli organismi del passato: “la loro identità e origine, il loro ambiente ed evoluzione, e cosa possono dirci sul passato organico e inorganico della Terra”.

Scienza storica

William Whewell (1794–1866) classificò la paleontologia come una delle scienze storiche, insiemeall’archeologia, alla geologia,all’astronomia,alla cosmologia, allafilologia e alla storia stessa:la paleontologia mira a descrivere fenomeni del passato e a ricostruirne le cause.

Si compone quindi di tre elementi principali: descrizione dei fenomeni passati; sviluppare una teoria generale sulle cause dei vari tipi di cambiamento; e applicare quelle teorie a fatti specifici.

Quando cercano di spiegare il passato, i paleontologi e altri scienziati storici spesso costruiscono una serie di una o piùipotesi sulle cause e poi cercano una ”pistola fumante “, una prova che concorda fortemente con un’ipotesi rispetto a tutte le altre.

A volte i ricercatori scoprono una “pistola fumante” per un fortunato incidente durante altre ricerche.

Ad esempio, la scoperta nel 1980 da parte diLuis eWalter Álvarez dell’iridio, un metallo prevalentemente extraterrestre, nello strato limite del Cretaceo – Paleogene,

ha resol’impatto di un asteroide la spiegazione più favorita per l’evento di estinzione del Cretaceo-Paleogene, sebbene il dibattito continui sul contributo del vulcanismo.

Un approccio complementare allo sviluppo della conoscenza scientifica,la scienza sperimentale,viene spesso affermatolavorare conducendo esperimenti perconfutare le ipotesi sul funzionamento e sulle cause dei fenomeni naturali.

Questo approccio non può dimostrare un’ipotesi, dal momento che qualche esperimento successivo potrebbe confutarla, ma l’accumulo di fallimenti nel confutare è spesso una prova convincente a favore.

Tuttavia, quando si confrontano con fenomeni del tutto inaspettati, come la prima prova dell’esistenza diradiazioni invisibili, gli scienziati sperimentali spesso usano lo stesso approccio degli scienziati storici: costruire una serie di ipotesi sulle cause e poi cercare una “pistola fumante”. Continua a leggere su wiki…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto