Neuropsicologia dello sviluppo: cos’è, delle neuroscienze e della psicologia

La neuropsicologia dello sviluppo combina i campi delle neuroscienze e della psicologia dello sviluppo , mentre attinge da varie altre discipline correlate. Esamina la relazione tra comportamento e funzione cerebrale nel corso della vita di un individuo, sebbene spesso l’accento sia posto sull’infanzia e l’adolescenza quando si verifica la maggior parte dello sviluppo cerebrale. La ricerca tende a concentrarsi sullo sviluppo di importanti funzioni comportamentali come la percezione , il linguaggio e altri processi cognitivi . Gli studi in questo campo sono spesso incentrati su bambini o altri individui con disturbi dello sviluppo o vari tipi di traumi o lesioni cerebrali. Un concetto chiave di questo campo è che guarda e tenta di mettere in relazione gli aspetti psicologici dello sviluppo, come il comportamento, la comprensione, la cognizione, ecc., alle strutture specifiche neurali; traccia parallelismi tra comportamento e meccanismo nel cervello. La ricerca in questo campo coinvolge vari compiti e test cognitivi, nonché il neuroimaging . Alcune delle molte condizioni studiate dai neuropsicologi dello sviluppo includono danni cerebrali congeniti o acquisiti , disturbo dello spettro autistico , disturbo dadeficit di attenzione , disfunzione esecutiva , convulsioni , disabilità intellettive , disturbo ossessivo compulsivo , balbuzie , schizofrenia ,afasia dello sviluppo e altri ritardi di apprendimento come dislessia , disgrafia e disprassia .

Indice dei contenuti

Storia

Alexander Luria è considerato da alcuni uno dei padri fondatori del campo della neuropsicologia. Il lavoro di Luria, in gran parte correlato alla riabilitazione del linguaggio, ha fornito gran parte delle basi per ciò che oggi conosciamo come neuropsicologia infantile (neuropsicologia dello sviluppo che si concentra solo sull’inizio della durata della vita). La batteria neuropsicologica Luria-Nebraska , un test standardizzato del funzionamento neuropsicologico, è stata creata sulla base delle sue idee. Lev Vygotskij , uno studente di Luria, ha anche dato un contributo significativo alla neuropsicologia infantile. Insieme, i loro metodi hanno sviluppato le basi per quello che è noto come approccio Vygotsky-Luria.Questo approccio è caratterizzato dall’idea che “le funzioni psicologiche superiori sono caratterizzate da tre caratteristiche principali: (1) genesi sociale; (2) struttura del sistema; e (3) organizzazione dinamica e localizzazione” ed esamina l’organizzazione neurale e la struttura funzionale dietro queste funzioni mentali superiori.

Nel corso del tempo, il completamento dell’istruzione almeno fino al livello di scuola superiore è diventato sempre più comune sempre più lavori poiché richiedono abilità come la lettura e la scrittura. Man mano che aumenta la pressione affinché i bambini completino la scuola, aumenta anche la pressione per fornire un’istruzione adeguata a tutti i bambini. Ciò ha portato a leggi il cui scopo è garantire l’istruzione agli studenti disabili. Per raggiungere questo obiettivo, l’attenzione della ricerca ha iniziato a spostarsi dagli adulti che erano abili o avevano difficoltà a leggere e scrivere ai processi di sviluppo dietro di loro.

Sottocampi

La ricerca in neuropsicologia dello sviluppo può generalmente essere suddivisa in due categorie che si basano su due obiettivi principali del campo: educativo e clinico . L’approccio educativo mira a comprendere e aiutare nell’educazione dei bambini in via di sviluppo (o in alcuni casi adulti) che hanno deficit nell’apprendimento di determinate abilità, più facile legato al linguaggio – lettura e scrittura. Sebbene alcuni studi si concentrino sui bambini con danni cerebrali, si può imparare molto dai bambini senza danni cerebrali che lottano per apprendere abilità specifiche e/o hanno difficoltà di apprendimento.L’obiettivo di questa ricerca è comprendere le cause neurali di questi problemi e come si relazionano agli aspetti psicologici di esso al fine di migliorare i programmi educativi ei trattamenti. L’approccio clinico ha una maggiore attenzione alla patologia e ai trattamenti medici e alle diagnosi. Spesso questi studi valutano e descrivono il danno neurale di un paziente dovuto a lesioni, tumori cerebrali , convulsioni o vari disturbi congeniti . Questo tipo di ricerca esaminato in genere la perdita di determinate funzioni a causa di danni e valuta fino a che punto i pazienti, di solito bambini con cervello ancora in via di sviluppo, possono riacquistare queste funzioni.L’obiettivo di una valutazione neuropsicologica è quello di avere una visione completa del funzionamento generale di un bambino, compreso il funzionamento del suo cervello, i suoi punti di forza e limiti, il suo stile di apprendimento preferito e qualsiasi potenziale anomalia. Questo processo è essenziale nella valutazione per il medico.


https://en.wikipedia.org/wiki/Developmental_neuropsychology

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *