Neurologia: cos’è, malattie che coinvolgono il cervello

La neurologia (dal greco : νεῦρον (neûron) , “corda, nervo” e il suffisso -logia , “studio di”) è la branca della medicina che si occupa della diagnosi e del trattamento di tutte le categorie di condizioni e malattie che coinvolgono il cervello, il midollo spinale midollo e i nervi periferici. La pratica neurologica fa molto affidamento sul campo delle neuroscienze , lo studio scientifico del sistema nervoso .

PLoSBiol4.e126.Fig6fNeuron.jpg

Una rete di dendriti dai neuroni nell’ippocampo

Un neurologo è un medico specializzato in neurologia e addestrato per indagare, diagnosticare e trattare i disturbi neurologici . I neurologi trattano una miriade di condizioni neurologiche, tra cui ictus, convulsioni, disturbi del movimento come il morbo di Parkinson , disturbi neurologici autoimmuni come la sclerosi multipla , disturbi del mal di testa come l’ emicrania e demenze come il morbo di Alzheimer . I neurologi possono anche essere coinvolti nella ricerca clinica , sperimentazioni cliniche , e base oricerca traslazionale . Mentre la neurologia è una specialità non chirurgica, la sua specialità chirurgica corrispondente è la neurochirurgia .

Storia

La disciplina accademica nasce tra il XV e il XVI secolo con il lavoro e le ricerche di molti neurologi come Thomas Willis , Robert Whytt , Matthew Baillie , Charles Bell , Moritz Heinrich Romberg , Duchenne de Boulogne , William A. Hammond , Jean-Martin Charcot , C. Miller Fisher e John Hughlings Jackson . La neurologia neolatina apparve in vari testi dal 1610 denotando un focus anatomico sui nervi (variamente intesi come vasi), e fu usata in particolare da Willis, che preferiva il greco νευρολογία.

Addestramento

Il neurologo polacco Edward Flatau ha fortemente influenzato il campo in via di sviluppo della neurologia. Ha pubblicato un atlante del cervello umano nel 1894 e ha scritto un libro fondamentale sulle emicranie nel 1912.

Jean-Martin Charcot è considerato uno dei padri della neurologia.

Molti neurologi hanno anche una formazione o un interesse aggiuntivo in un’area della neurologia, come ictus, epilessia, mal di testa, disturbi neuromuscolari, medicina del sonno , gestione del dolore o disturbi del movimento .

Negli Stati Uniti e in Canada, i neurologi sono medici che hanno completato un periodo di formazione post-laurea noto come residenza specializzata in neurologia dopo la laurea in medicina . Questo periodo di formazione aggiuntivo dura tipicamente quattro anni, con il primo anno dedicato alla formazione in medicina interna . In media, i neurologi completano un totale di otto-dieci anni di formazione. Ciò include quattro anni di scuola medica, quattro anni di residenza e uno o due anni facoltativi di borsa di studio.

Mentre i neurologi possono trattare condizioni neurologiche generali, alcuni neurologi continuano a ricevere una formazione aggiuntiva concentrandosi su una particolare sottospecialità nel campo della neurologia. Questi programmi di formazione sono chiamati borse di studio e durano da uno a due anni. Le sottospecialità includono medicina delle lesioni cerebrali, neurofisiologia clinica , epilessia , disabilità dello sviluppo neurologico, medicina neuromuscolare , medicina del dolore , medicina del sonno , cure neurocritiche, neurologia vascolare (ictus), neurologia comportamentale , neurologia infantile, cefalea, sclerosi multipla, neuroimaging, neurooncologia e neuroriabilitazione.

In Germania, un anno obbligatorio di psichiatria deve essere fatto per completare una residenza di neurologia.

Nel Regno Unito e in Irlanda, la neurologia è una sottospecialità della medicina generale (interna). Dopo cinque anni di scuola medica e due anni come Foundation Trainee, un aspirante neurologo deve superare l’esame per l’ iscrizione al Royal College of Physicians (o l’equivalente irlandese) e completare due anni di formazione medica di base prima di accedere alla formazione specialistica in neurologia. Fino agli anni ’60, alcuni che intendevano diventare neurologi trascorrevano anche due anni lavorando in unità psichiatriche prima di ottenere un diploma in medicina psicologica. Tuttavia, era raro e, ora che MRCPsychimpiega tre anni per ottenerlo, non sarebbe più pratico. Un periodo di ricerca è indispensabile e il conseguimento di un titolo di studio superiore favorisce l’avanzamento di carriera. Molti hanno scoperto che è stato alleviato dopo un attaccamento all’Istituto di Neurologia a Queen Square , Londra. Alcuni neurologi entrano nel campo della medicina riabilitativa (nota come fisiatria negli Stati Uniti) per specializzarsi nella riabilitazione neurologica, che può includere la medicina dell’ictus e le lesioni cerebrali traumatiche.

Esame fisico

Durante un esame neurologico , il neurologo esamina la storia clinica del paziente con particolare attenzione ai disturbi neurologici del paziente. Il paziente esegue quindi un esame neurologico. In genere, l’esame verifica lo stato mentale, la funzione dei nervi cranici (compresa la vista), la forza, la coordinazione, i riflessi, la sensibilità e l’andatura. Queste informazioni aiutano il neurologo a determinare se il problema esiste nel sistema nervoso e nella localizzazione clinica. La localizzazione della patologia è il processo chiave attraverso il quale i neurologi sviluppano la loro diagnosi differenziale. Potrebbero essere necessari ulteriori test per confermare una diagnosi e, in ultima analisi, guidare la terapia e la gestione appropriata.

Compiti clinici

I neurologi esaminano i pazienti che vengono indirizzati a loro da altri medici sia in ambito ospedaliero che ambulatoriale . I neurologi iniziano le loro interazioni con i pazienti raccogliendo un’anamnesi completa e quindi eseguendo un esame fisico incentrato sulla valutazione del sistema nervoso. I componenti dell’esame neurologico includono la valutazione della funzione cognitiva del paziente , dei nervi cranici , della forza motoria, della sensazione , dei riflessi , della coordinazione e dell’andatura .

In alcuni casi, i neurologi possono ordinare ulteriori test diagnostici come parte della valutazione. I test comunemente impiegati in neurologia includono studi di imaging come la tomografia assiale computerizzata (TAC), la risonanza magnetica (MRI) e l’ ecografia dei principali vasi sanguigni della testa e del collo. Sono comunemente richiesti anche studi neurofisiologici, tra cui l’elettroencefalografia (EEG), l’ elettromiografia con ago (EMG), gli studi di conduzione nervosa (NCS) e i potenziali evocati . I neurologi eseguono spesso punture lombari per valutare le caratteristiche del liquido cerebrospinale di un paziente. I progressi nei test genetici hanno reso i test genetici uno strumento importante nella classificazione delle malattie neuromuscolari ereditarie e nella diagnosi di molte altre malattie neurogenetiche. Il ruolo delle influenze genetiche sullo sviluppo delle malattie neurologiche acquisite è un’area di ricerca attiva.

Alcune delle condizioni comunemente riscontrate trattate dai neurologi includono mal di testa, radicolopatia , neuropatia , ictus, demenza , convulsioni ed epilessia , morbo di Alzheimer , disturbo da deficit di attenzione/iperattività , morbo di Parkinson , sindrome di Tourette , sclerosi multipla , trauma cranico , disturbi del sonno , malattie neuromuscolari e varie infezioni e tumori del sistema nervoso. Ai neurologi viene anche chiesto di valutare i pazienti che non rispondono al supporto vitale per confermaremorte cerebrale .

Le opzioni di trattamento variano a seconda del problema neurologico. Possono includere indirizzare il paziente a un fisioterapista , prescrivere farmaci o raccomandare una procedura chirurgica.

Alcuni neurologi sono specializzati in determinate parti del sistema nervoso o in procedure specifiche. Ad esempio, i neurofisiologi clinici sono specializzati nell’uso dell’EEG e del monitoraggio intraoperatorio per diagnosticare alcuni disturbi neurologici. Altri neurologi sono specializzati nell’uso di studi di medicina elettrodiagnostica – ago EMG e NCS. Negli Stati Uniti, i medici in genere non sono specializzati in tutti gli aspetti della neurofisiologia clinica, ad esempio sonno, EEG, EMG e NCS. L’American Board of Clinical Neurophysiology certifica i medici statunitensi in neurofisiologia clinica generale, epilessia e monitoraggio intraoperatorio. L’American Board of Electrodiagnostic Medicine certifica i medici statunitensi in medicina elettrodiagnosticae certifica i tecnici negli studi sulla conduzione nervosa. La medicina del sonno è un campo di sottospecialità negli Stati Uniti in diverse specialità mediche tra cui anestesiologia , medicina interna, medicina di famiglia e neurologia. La neurochirurgia è una specialità distinta che prevede un diverso percorso formativo e pone l’accento sul trattamento chirurgico dei disturbi neurologici.

Inoltre, molti medici non medici, quelli con diplomi di dottorato (di solito PhD) in materie come la biologia e la chimica, studiano e ricercano il sistema nervoso. Lavorando nei laboratori di università, ospedali e aziende private, questi neuroscienziati eseguono esperimenti e test clinici e di laboratorio per conoscere meglio il sistema nervoso e trovare cure o nuovi trattamenti per malattie e disturbi.

Si verifica una grande quantità di sovrapposizioni tra neuroscienze e neurologia. Molti neurologi lavorano negli ospedali di formazione accademica, dove conducono ricerche come neuroscienziati oltre a curare i pazienti e insegnare neurologia agli studenti di medicina .

Carico di lavoro generale

I neurologi sono responsabili della diagnosi, del trattamento e della gestione di tutte le condizioni sopra menzionate. Quando è richiesto un intervento chirurgico o endovascolare, il neurologo può indirizzare il paziente a un neurochirurgo o a un neuroradiologo interventista . In alcuni paesi, ulteriori responsabilità legali di un neurologo possono includere la scoperta di morte cerebrale quando si sospetta che un paziente sia morto. I neurologi spesso si prendono cura di persone con malattie ereditarie ( genetiche ) quando le manifestazioni principali sono neurologiche, come spesso accade. Le punture lombari sono frequentemente eseguite dai neurologi . Alcuni neurologi possono sviluppare un interesse per particolari sottocampi, come l’ictus,demenza , disturbi del movimento , terapia neurointensiva , mal di testa, epilessia , disturbi del sonno , gestione del dolore cronico , sclerosi multipla o malattie neuromuscolari .

Aree sovrapposte

Alcune sovrapposizioni si verificano anche con altre specialità, che variano da paese a paese e persino all’interno di un’area geografica locale. Il trauma cranico acuto è più spesso trattato dai neurochirurghi, mentre le sequele del trauma cranico possono essere trattate da neurologi o specialisti in medicina riabilitativa . Sebbene i casi di ictus siano stati tradizionalmente gestiti dalla medicina interna o dagli ospedalieri, l’emergere della neurologia vascolare e della neuroradiologia interventistica ha creato una domanda di specialisti dell’ictus. L’istituzione di centri per l’ictus certificati dalla Joint Commission ha accresciuto il ruolo dei neurologi nella cura dell’ictus in molti ospedali primari e terziari. Alcuni casi di sistema nervosole malattie infettive sono curate da specialisti in malattie infettive. La maggior parte dei casi di mal di testa viene diagnosticata e trattata principalmente dai medici generici , almeno i casi meno gravi. Allo stesso modo, la maggior parte dei casi di sciatica viene curata dai medici generici, sebbene possano essere indirizzati a neurologi o chirurghi (neurochirurghi o chirurghi ortopedici ). I disturbi del sonno sono curati anche da pneumologi e psichiatri . La paralisi cerebrale viene inizialmente trattata dai pediatri , ma la cura può essere trasferita a un neurologo adulto dopo che il paziente raggiunge una certa età. Medicina fisica e riabilitazionei medici possono curare i pazienti con malattie neuromuscolari con studi elettrodiagnostici (ago EMG e studi di conduzione nervosa) e altri strumenti diagnostici. Nel Regno Unito e in altri paesi, molte delle condizioni riscontrate dai pazienti più anziani come i disturbi del movimento, tra cui il morbo di Parkinson, l’ictus, la demenza o i disturbi dell’andatura, sono gestite prevalentemente da specialisti in medicina geriatrica .

I neuropsicologi clinici sono spesso chiamati a valutare le relazioni cervello – comportamento allo scopo di assistere con diagnosi differenziali , pianificare strategie riabilitative , documentare punti di forza e di debolezza cognitivi e misurare i cambiamenti nel tempo ( p . )

Relazione con la neurofisiologia clinica

In alcuni paesi come gli Stati Uniti e la Germania, i neurologi possono specializzarsi in neurofisiologia clinica , il campo responsabile dell’EEG e del monitoraggio intraoperatorio , o negli studi di conduzione nervosa della medicina elettrodiagnostica , EMG e potenziali evocati . In altri paesi, questa è una specialità autonoma (ad esempio, Regno Unito, Svezia, Spagna).

Sovrapposizione con la psichiatria

In passato, prima dell’avvento di tecniche diagnostiche più avanzate come la risonanza magnetica , alcuni neurologi consideravano la psichiatria e la neurologia sovrapponibili. Sebbene le malattie mentali siano ritenute da molti disturbi neurologici che colpiscono il sistema nervoso centrale, tradizionalmente sono classificate separatamente e trattate da psichiatri . In un articolo di revisione del 2002 sull’American Journal of Psychiatry , il professor Joseph B. Martin, preside della Harvard Medical Schoole un neurologo di formazione, ha scritto, “la separazione delle due categorie è arbitraria, spesso influenzata da credenze piuttosto che da comprovate osservazioni scientifiche. E il fatto che cervello e mente siano una cosa sola rende comunque artificiale la separazione”.

I disturbi neurologici hanno spesso manifestazioni psichiatriche , come la depressione post-ictus, la depressione e la demenza associate al morbo di Parkinson , l’umore e le disfunzioni cognitive nel morbo di Alzheimer e la malattia di Huntington , solo per citarne alcuni. Quindi, la netta distinzione tra neurologia e psichiatria non è sempre su base biologica. Il predominio della teoria psicoanalitica nei primi tre quarti del XX secolo è stato da allora in gran parte sostituito da un focus sulla farmacologia. Nonostante il passaggio a un modello medico , la scienza del cervello non è avanzata a un punto in cui scienziati o clinicipossono indicare lesioni patologiche facilmente distinguibili o anomalie genetiche che di per sé fungono da biomarcatori affidabili o predittivi di un dato disturbo mentale.

Potenziamento neurologico

Il campo emergente del miglioramento neurologico evidenzia il potenziale delle terapie per migliorare cose come l’efficacia sul posto di lavoro, l’attenzione a scuola e la felicità generale nella vita personale. Tuttavia, questo campo ha anche sollevato interrogativi sulla neuroetica e la psicofarmacologia dei farmaci per lo stile di vita può avere effetti negativi e positivi sulla neurologia perché diversi tipi di farmaci possono dipendere dalle persone e dalle loro vite [Cheyanne l.dorsey]


https://en.wikipedia.org/wiki/Neurology

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *