Malattie dell'intestino tenue e crasso

Malattie dell’intestino tenue e crasso: tutto sull’argomento

Appendagite epiploica

La appendagite epiploica è un disturbo non frequente e benigno, un processo infiammatorio tendenzialmente autolimitante a carico delle appendici epiploiche. La patologia viene talvolta definita semplicemente appendagite o appendicite epiploica, ma attualmente si preferisce evitare il ricorso a questi termini pe

Celiachia

La celiachia è una malattia permanente, con reazione auto-immune al glutine. Il morbo celiaco risulta quindi un’infiammazione cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’ingestione di glutine in soggetti geneticamente predisposti; può manifestarsi in

Colite

Per colite, in campo medico, si intende una infiammazione che colpisce il colon, ovvero il secondo tratto dell’intestino crasso.

Colite collagenosica

La colite collagenosica è una malattia infiammatoria cronica intestinale che colpisce più frequentemente i pazienti tra i 40 e i 50 anni con prevalenza tipica nel sesso femminile. È caratterizzata dalla presenza di diarrea acquosa a carattere cronico in assenza di muco e sangue, elemento che la differenzia dalle altre malattie croniche infiammatorie

Colite ischemica

Con il termine di colite ischemica (CI) si fa riferimento ad una serie di entità cliniche aventi come presupposto eziopatogenetico un insufficiente apporto ematico ad un segmento od all’intero colon, che può essere dovuto ad alterazioni occlusive o non occlusive dell’arteria mesenterica

Colite linfocitica

La colite linfocitica è un sottotipo di colite microscopica, una condizione caratterizzata da diarrea acquosa cronica non sanguino

Colite microscopica

La locuzione colite microscopica identifica due entità clinico-patologiche facenti parte delle malattie infiammatorie croniche intestinali e caratterizzate da diarrea cronica: la colite collagenosica e la colite linfocitica. Per definire queste due entità occorre soddisfare i seguenti criteri:

  1. Diarrea acquosa
  2. Norm

Colite pseudomembranosa

La colite o enterocolite pseudomembranosa è una condizione infiammatoria del colon caratterizzata da placche bianco-gialle in rilievo che si uniscono per formare pseudomembrane sulla mucosa. I pazienti con questa condizione presentano comunemente dolore addominale, diarrea, febbre e leu

Criptite

La criptite è il termine istologico e anatomopatologico con cui viene definita l’infiammazione delle cripte di Lieberkühn. Si tratta di una condizione aspecifica, presente in numerose condizioni, tra le quali le malattie infiammatorie croniche intestinali, la diverticolosi e le coliti, in particolar modo quelle da

Desmosi intestinale

La desmosi intestinale è una patologia infantile che consiste nell’alterazione del contenuto connettivale della parete intestinale, che altera la normale composizione della tonaca muscolare determinando gravi alterazioni della motilità dell’intestino.

Diarrea associata agli antibiotici

Con diarrea associata agli antibiotici, in breve dall’inglese AAD, ci si riferisce alla evacuazione di feci non formate, acquose o molli, tre o più volte al giorno, dopo l’assunzione di farmaci usati per trattare le infezioni batteriche (antibiotici). Secondo alcuni studi e linee guida la AAD è considerata clinicamente significante se si manifesta per almeno 2 giorni. La diarrea è una complicanza comune della terapia antimicrobica. Molto spesso, la diarrea associata agli antibiotici è lieve e non richiede trattamento. La diarrea in genere si risolve entro pochi giorni dall’interruzione dell’assunzione dell’antibiotico. La diarrea associata agli antibiotici più grave potrebbe richiedere l’interruzione o la modifica dei farmaci antibiotici. L’AAD è un problema clinico comune, normalmente lieve, che però può progredire o complicarsi in una malattia grave e pericolosa per la vita se non viene riconosciuta e trattata rapidamente.

Disganglionosi

Le disganglionosi sono malattie accomunate dalla presenza di alterazioni congenite della innervazione intestinale che portano a dilatazione del colon o megacolon. Si riconoscono tre condizioni principali:

  • Malattia di Hirschsprung
  • Ipoganglionosi del colon
  • Displasia neuronale intestinale

Diverticolite

La diverticolite è una patologia dell’apparato digerente, caratterizzata dall’infiammazione di uno o più diverticoli. La maggior parte dei casi di diverticolite è localizzata nel colon. Solitamente i sintomi includono un dolore addominale inferiore con esordio improvviso. Nei pazienti nordamericani ed europei il dolore generalmente compare sul lato sinistro, mentre per gl

Diverticolo di Meckel

Il diverticolo di Meckel è un’anomalia congenita dovuta alla presenza di un residuo del dotto onfalomesenterico, che si organizza come un diverticolo, un sacco a fondo cieco a livello ileale.

Diverticolosi

La diverticolosi è una condizione medica caratterizzata dalla presenza di estroflessioni della mucosa e della sottomucosa, definite appunto diverticoli, lungo la parete degli organi cavi dell’apparato digerente. Generalmente si formano in zone di relativa debolezza dello strato muscolare del colon o dell’esofago. S

Dolicocolon

In medicina, un dolicocolon è un’anomalia del colon caratterizzata da un abnorme allungamento. Tale patologia è di solito congenita ma a volte può anche essere una conseguenza dell’assottigliamento e allungamento delle pareti intestinali.

Emorroidi

Le emorroidi sono strutture vascolari del canale anale che giocano un importante ruolo nel mantenimento della continenza fecale. Diventano patologiche quando sono gonfie o infiammate, causando una sindrome nota come malattia emorroidaria, alla quale spesso ci si riferisce, nel

Enterite

L’enterite è l’infiammazione dell’intestino tenue. L’intensità della malattia varia da un fastidioso disturbo a una malattia fulminante; ciò dipende dall’entità della perdita di elettroliti e fluidi con la diarrea e, quando presente, con il vomito, oltre che dall’età del paziente. La deplezione di fluidi ed elettroliti è il fattore che determina la pericolosità di questa patologia poiché può causare ipovolemia e uno sbilanciamento idrosalino.

Enterocolite di Hirschsprung

L’enterocolite di Hirschsprung o associata a megacolon è la più grave manifestazione clinica della malattia di Hirschsprung, una malformazione congenita dell’intestino, e di altri disturbi dell’innervazione intestinale, quali l’ipoganglionosi del colon e la displasia neuronale intestinale. Si può presentare sia prima, sia dopo l’intervento chirurgico e può avere una prognosi infausta.

Enteropatia proteino-disperdente

La Enteropatia proteino-disperdente, chiamata anche enteropatia protido-disperdente o enterite intestinale proteine disperdente, è una condizione patologica costituita da un’importante perdita intestinale di proteine, che pertanto non vengono assorbite e non entrano a far parte del pool organico di proteine di cui l’organismo ha bisogno giornalmente.

Fecaloma

Il fecaloma, o fecalita, o coprolita, è un ammasso di feci disidratate che si può formare nell’intestino crasso o all’interno di un diverticolo.

Fistola ano-rettale

La fistola ano-rettale o, più comunemente, fistola anale è una comunicazione anormale cronica tra la superficie epitelizzata del canale anale e la pelle perianale. Una fistola anale può essere descritta come un tunnel stretto con la sua apertura interna nel canale anale e la sua apertura esterna nella pelle vicino all’ano. Le fistole anali si verificano comunemente nelle persone con una storia di ascessi anali. Possono formarsi quando gli ascessi anali non guariscono correttamente.

Gastroenterite

La gastroenterite è una malattia caratterizzata da un’infiammazione del tratto gastrointestinale che coinvolge sia lo stomaco che l’intestino tenue. Si parla di gastroenterocolite quando viene coinvolto anche l’intestino crasso. La malattia porta a diarrea, vomito e crampi addominali.

Gastroenterite eosinofila

La gastroenterite eosinofila (GE) è una condizione rara ed eterogenea caratterizzata da infiltrazione eosinofila dei tessuti gastrointestinali a chiazze o diffusa, descritta per la prima volta da Kaijser nel 1937. La presentazione può variare a seconda della posizione, profondità, estensione e coinvolgimento della parete intestinale e di solito si manifesta con

Gastroenterocolite

La gastroenterocolite è una malattia infiammatoria a carico della mucosa dell’apparato digerente, che colpisce lo stomaco, l’intestino tenue e il colon.

Malattia di Hirschsprung

La malattia di Hirschsprung (HSCR), o megacolon congenito agangliare, è una malattia congenita dell’intestino caratterizzata dall’assenza, per un tratto del canale alimentare, del plesso mioenterico e del plesso sottomucoso, che garantiscono la coordinazione dei movimenti peristaltici intestinali.

Ileite

L’ileite è un’infiammazione dell’ileo, parte dell’intestino tenue.

Ileo biliare

L’ileo biliare è un’ostruzione meccanica del tratto digerente, da parte di un calcolo biliare che normalmente si inserisce nella valvola ileocecale.

Ileo da meconio

L’ileo da meconio è un’occlusione intestinale del neonato causata dal meconio compattato, spesso primo segno clinico di fibrosi cistica.

Infarto intestinale

L’infarto intestinale è la necrosi di un tratto di intestino provocata da un’insufficienza acuta della perfusione o da una occlusione, totale o parziale, acuta o cronica, delle arterie o vene mesenteriche. Si distingue un infarto intestinale del tenue, in cui possono essere affetti un segmento del tenue, più segmenti anche discont

Infezione da Clostridioides difficile

L’infezione da Clostridioides difficile, nota anche come infezione da Clostridium difficile o enterocolite da Clostridium difficile o colite associata ad antibiotici è un’infezione sintomatica dovuta al batterio Clostridioides difficile, molto diffuso nell’uomo, dove è normalmente parte del microbiota umano, e nell’ambiente sia in forma vegetativa sia nello stato di spora.

Intolleranza alimentare

Per intolleranza alimentare si intende una reazione avversa ad un alimento. È un fenomeno distinto dalle allergie alimentari, che consistono in una reazione immunitaria dell’organismo a uno specifico componente contenuto in un alimento.

Ipoganglionosi del colon

L’ipoganglionosi del colon è una malattia congenita caratterizzata da una alterata funzione intestinale dovuta a malformazione del plesso mioenterico. Rappresenta il 5% di tutte le malattie intestinali neurogene.

Linfangectasia intestinale

La linfangectasia intestinale è una malattia dovuta a una ostruzione del drenaggio linfatico dell’intestino tenue che porta a perdita enterica di proteine, ipoprotidemia, malassorbimento ed edema.

Malattia di Fryderyk Chopin

La malattia di Fryderyk Chopin e il motivo della sua morte prematura all’età di 39 anni sono stati spesso discussi per oltre 150 anni. Sebbene gli sia stata diagnosticata una tubercolosi e sia stato trattato per questa per tutta la sua vita, sono state suggerite diverse diagnosi alternative dalla sua morte nel 1849. Nel 2011 fu pubblicata una revisione completa delle p

Megacolon tossico

Il megacolon tossico è la complicanza più importante della rettocolite ulcerosa, una malattia infiammatoria cronica intestinale, caratterizzata da un’abnorme distensione del colon che causa il danneggiamento del plesso mioenterico di Auerbach. Con il danno dei plessi nervosi collocati

Proctalgia fugace

La Proctalgia fugace è una sindrome dolorosa anorettale che si manifesta con dolori crampiformi di breve durata nel distretto ano-rettale.

Proctite

La proctite è una malattia infiammatoria dell’intestino retto. Quando si localizza anche al sigma prende il nome di proctosigmoidite. L’infiammazione del solo ano è invece chiamata anite.

Prolasso rettale

Il prolasso rettale è una condizione medica in cui le pareti rettali fuoriescono dall’ano e diventano visibili all’est

Pseudo-ostruzione intestinale

La pseudo-ostruzione intestinale è una malattia motoria intestinale, caratterizzata da un rallentato transito e da una ridotta capacità di spingere il cibo attraverso l’intestino. Ciò, quindi, generalmente comporta anche nausea e dispepsia ricorrenti, stitichezza e, nei momenti in cui compaiono forti coliche addominali, si possono evidenziare risultati radiologici talvolta simili a quelli di una subocclusione intestinale, in assenza però di una vera e propria ostruzione meccanica. Questa patologia può esordire ad ogni età e può essere una condizione primaria, oppure secondaria.

Ragade anale

La ragade anale è un’ulcerazione lineare dell’ano, talvolta unica e solitaria, situata prevalentemente sulla linea mediana posteriore. Lunga alcuni millimetri, è situata al confine tra la linea pettinata e la cute dell’anoderma. La sua presenza causa dolorosi spasmi dello sfintere

Rettocolite ulcerosa

La rettocolite ulcerosa è una malattia infiammatoria cronica intestinale che coinvolge selettivamente la mucosa del retto e/o del colon, nella maggioranza dei casi la parte discendente. Si tratta di una malattia idiopatica, ciò sta a significare che non si conosce l’esatta eziologia

Sensibilità al glutine

Per sensibilità al glutine, meno correttamente intolleranza al glutine, si definisce un ampio spettro di disordini, come la celiachia, la sensibilità non celiaca al glutine, l’atassia glutinica, la dermatite erpetiforme di Duhring e l’allergia al grano, nel quale il glutine ricopre un aspetto centrale nell’insorgenza degli effe

Sindrome da tappo di meconio

La sindrome da tappo di meconio è una sindrome del neonato caratterizzata dalla presenza di un’ostruzione intestinale a livello del colon distale causata dal meconio, in assenza certa della diagnosi di fibrosi cistica.

Sindrome dell’intestino corto

Per Sindrome dell’intestino corto in campo medico, si intende una sindrome da malassorbimento che nasce in seguito ad un’operazione chirurgica.

Sindrome dell’intestino irritabile

La sindrome dell’intestino irritabile o sindrome del colon irritabile è un disturbo della funzione intestinale caratterizzato da dolore addominale in relazione a cambiamenti dell’alvo e con segni di alterata defecazione e meteorismo.

Sindrome di Ogilvie

La sindrome di Ogilvie è la dilatazione acuta del colon in assenza di ostruzione meccanica.

Tubercolosi intestinale

La tubercolosi intestinale è una forma di tubercolosi, un’infezione da mycobacterium tuberculosis a danno solitamente del tratto intestinale del colon discendente o nel sigma, ma può estendersi a tutto il colon fino alla zona ileo-cecale. I micobatteri penetrano all’interno dei vari livelli del intestino crasso e vi si insidiano, creando un “manicotto” intorno ad esso che ne ostruisce la motilità e ne determina l’atonia.

Ulcera solitaria del retto

Per ulcera solitaria del retto, in medicina, si intende un’ulcera presente nella mucosa del retto, generalmente dell’ampolla rettale, spesso associata con prolasso completo od occulto (interno) dello stesso retto.

Malattia di Whipple

La malattia di Whipple è una rara malattia descritta per la prima volta dal patologo George Whipple nel 1907. Il quadro era quello di un malassorbimento severo. L’esame istologico rivelava presenza nei linfonodi, nel tratto intestinale e in altri tessuti, di macrofagi PAS +.


Tratto da Wikipedia:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: