Malattie dell’esofago, cosa sono

Le Malattie dell’esofago


Acalasia

L’acalasia, da non confondere con la calasia, è la più comune patologia motoria primitiva dell’esofago. La malattia è caratterizzata dalla perdita progressiva della peristalsi esofagea e dalla incapacità di rilasciamento dello Sfintere esofageo inferiore (LES), posto al confine tra esofago e stomaco.

Atresia esofagea

L’atresia esofagea è una malformazione congenita dell’esofago, caratterizzata dalla incompleta e/o alterata formazione dell’esofago.

Bolo faringeo

Il bolo faringeo è una condizione medica in cui il paziente lamenta una sensazione di costrizione in gola al di sotto del pomo d’adamo. Per anni il bolo ipofaringeo, anche detto globus, è stato attribuito esclusivamente a cause psicologiche e veniva detto bolo isterico. Solamente a partire dai primi anni ’90 si sono svolti studi più accurati che hanno evidenziato come questo sintomo sia spesso correlato a condizioni patologiche esistenti e raramente connesso a stati psichici.

Calasia

Il termine calasia viene utilizzato, in medicina, per indicare il fisiologico rilasciamento dello sfintere esofageo inferiore in conseguenza della peristalsi esofagea che permette il transito del bolo dall’esofago allo stomaco. L’assenza di questo riflesso di rilasciamento si configura come una malattia, l’acalasia.

Candidiasi esofagea

La candidosi esofagea è una grave forma di infezione fungina dell’apparato digerente. La Candida albicans è infatti un fungo che fa parte normalmente della comune flora presente nelle nostre mucose, cioè sta nella bocca, nell’intestino, nella vagina. Normalmente le nostre difese immunitarie ne impediscono l’eccessivo sviluppo, ma quando queste vengono meno a causa di malattie croniche, diabete, tumori, terapie cortisoniche prolungate ecc… si può assistere ad una esagerata moltiplicazione di questo micete che porta quindi all’infezione delle mucose.

Disfagia

La disfagia è una disfunzione dell’apparato digerente, consistente nella difficoltà a deglutire, e al corretto transito del bolo nelle vie digestive superiori; quasi sempre si manifesta come conseguenza di altri disturbi ostruttivi o motori, come presenza di neoplasie o acalasia. Può riguardare solo i cibi solidi, o anche quelli semiliquidi o liquidi. È da distinguere dall’odinofagia, che consiste in un’algia alla deglutizione.

Disfagia esofagea

Per disfagia esofagea in campo medico, si intende una disfagia legata a problematiche esofagee, ovvero una disfunzione consistente nella difficoltà ad un corretto transito del bolo nel lume esofageo.

Disfagia lusoria

La disfagia lusoria, anche chiamata disfagia di Bayford-Autenrieth, è una forma di disfagia dovuta alla compressione ab extrinseco dell’esofago secondaria a una vascolarizzazione aberrante. Nei casi dovuti ad aneurisma aortico prende il nome di disfagia aortica.

Diverticolo di Zenker

Il diverticolo di Zenker è un diverticolo acquisito dell’esofago.

Diverticolo epifrenico

Il diverticolo epifrenico è una tipologia di diverticolo esofageo da pulsione che compare vicino al diaframma, alla fine dell’esofago toracico.

Diverticolo esofageo

diverticoli esofagei sono delle formazioni cave e sacciformi della mucosa dell’esofago in comunicazione col lume dell’organo. Essi possono essere congeniti o acquisiti. Solitamente i congeniti sono diverticoli veri altrimenti la maggior parte di quelli acquisiti sono pseudo diverticoli.

Esofagite

L’esofagite è una infiammazione acuta o cronica della mucosa dell’esofago.

Esofagite eosinofila

L’esofagite eosinofila è una condizione allergica infiammatoria dell’esofago. La fisiopatologia di questa condizione non è ben chiara, tuttavia una allergia alimentare potrebbe giocare un ruolo significativo.

Esofagite erpetica

L’esofagite erpetica è un’infezione virale dell’esofago causata dal virus herpes simplex (HSV). Mentre la malattia si verifica più spesso in pazienti immunodepressi, inclusi quelli posti in chemioterapia, negli immunosoppressi a seguito di trapianto di organi e nei pazienti affetti da AIDS, l’esofagite herpetica può verificarsi anche in soggetti immunocompetenti.

Esofago di Barrett

L’epitelio di Barrett oppure esofago di Barrett è una metaplasia, un adattamento delle cellule della parte inferiore dell’esofago ad uno stimolo nocivo. Esso è caratterizzata dalla sostituzione del normale rivestimento dell’epitelio squamoso pluristratificato dell’esofago in epitelio colonnare semplice con cellule mucipare caliciformi. Il significato medico dell’esofago di Barrett è la chiara correlazione con l’adenocarcinoma esofageo, un tumore molto spesso mortale, per cui è considerata una condizione precancerosa.

Lacerazione di Mallory-Weiss

La lacerazione di Mallory-Weiss è una lacerazione della giunzione esofagogastrica, causa di un 10-15% di tutti i sanguinamenti del tratto gastrointestinale superiore. Spesso è associata all’ernia iatale.

Peristalsi esofagea sintomatica

La peristalsi esofagea sintomatica, anche chiamato esofago a schiaccianoci, è una discinesia dell’esofago a lungo considerata una variante dello spasmo esofageo diffuso, ma considerata attualmente un’entità nosologica a parte per via del suo specifico comportamento manometrico.

Malattia da reflusso faringo-laringeo

La malattia da reflusso faringo-laringeo, spesso abbreviata come RFL, è una malattia di interesse gastroenterologico che viene causata dal reflusso in faringe e in laringe delle secrezioni contenute nello stomaco.

Malattia da reflusso gastroesofageo

La malattia da reflusso gastroesofageo, sigla MRGE, è una malattia di interesse gastroenterologico, causata da complicanze patologiche del reflusso gastroesofageo (RGE).

Malattia da reflusso gastroesofageo non erosivo

La malattia da reflusso gastroesofageo non erosivo è un’entità nosologica caratterizzata dalla presenza di reflusso gastroesofageo o faringo-laringeo in assenza di un danno endoscopico visibile alla gastroscopia.

Spasmo esofageo diffuso

Lo spasmo esofageo diffuso, chiamato anche pseudodiverticolosi spasticaesofago a cavaturaccioliesofago a corona di rosario è una discinesia dell’esofago.

Varici esofagee

Le varici esofagee rappresentano una grave condizione patologica caratterizzata dalla formazione di varici a carico delle vene del plesso sotto-mucoso dell’esofago.


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: