Linguaggio Big Nambas – Wikipedia

[ad_1]

Lingua austronesiana parlata a Vanuatu

Grandi Namba (nome nativo V’ənen Taut) è un Lingua maleo-polinesiana parlato da circa 1.800 persone (a partire dal 1983) nel nord-ovest Malekula, Vanuatu. Circa diciannove villaggi nella regione di Big Nambas dell’interno di Malekula usano la lingua esclusivamente senza variazioni dialettali. È stato studiato a fondo per un periodo di circa 10 anni dal missionario Dr. Greg. J. Fox, che ha pubblicato una grammatica e un dizionario nel 1979. Una traduzione Big Nambas della Sacra Bibbia è (a partire da settembre 2020) vicina al completamento.

Fonologia[edit]

Il consonante fonemi di Big Nambas sono come mostrato nella tabella seguente:

Big Nambas ha un 5-vocale sistema con quanto segue fonemi:

Big Nambas ha un complesso sillaba struttura con una grande quantità di gruppi di consonanti possibile. Inoltre, sono consentiti gruppi di un massimo di quattro vocali (ad es. nauei “acqua”). Fatica in Big Nambas è fonemico, ma in parte prevedibile. Le consonanti /t β rln/ esibiscono tutte fonemiche geminazione quando due identici si verificano tra le sillabe. Le consonanti linguolabiali sono spesso contrassegnate da un apostrofo nel ortografia per distinguerli dalle loro controparti bilabiali.

Grammatica[edit]

Big Nambas è un linguaggio sintetico per marcare la testa.

Nomi[edit]

I nomi in Big Nambas sono capaci di espansione frasale. Ce ne sono tre classi nominali in Big Namba:

  1. Nomi obbligatoriamente posseduti, più comunemente parti costituenti di qualsiasi oggetto (parti del corpo, parti di alberi, ordinali, possessivo)
  2. Nomi facoltativamente posseduti, con le sottoclassi:
    1. Nomi che prendono il terzo singolare possessivo nan o nen
    2. Nomi che prendono il prefisso ar- “tutto”
    3. Nomi del titolo (nomi e termini di parentela)
  3. Nomi non posseduti (pronomi personali e interrogativi)

Big Nambas presenta un sistema di nomi complessi, formato da derivazione. I nomi derivati ​​possono essere di cinque tipi:

  1. Nomi astratti, formati dal suffisso -ien alle radici dei verbi (es. tkar “essere incinta” vs. tkar-ien “gravidanza”)
  2. Nomi con articoli, formati anteponendo na- o n- a una radice verbale che inizia con una vocale (iu “piove” vs. nu “(la) pioggia”)
  3. Nomi ordinali, formati dal prefisso al nominalizzatore ni- e dal suffisso possessivo -a (tl “tre” vs. ni-tl-a “il terzo di”)
  4. Nomi determinanti, formati anteponendo ter- ad alcune radici di aggettivi (p’arei “lungo” vs. ter-p’arei “quello lungo”)
  5. Nomi reverenziali, formati dal suffisso -et ad alcuni sostantivi (nut “luogo” vs nutet “un luogo sacro”, cfr. nap’ “fuoco” vs. nep’et “fuoco sacro”)

I nomi in Big Nambas possono essere composti seguendoli con una radice verbale.

dəh-uas

coda gialla

“coda gialla (pesce)”

Riferimenti[edit]

Bibliografia[edit]

link esterno[edit]


[ad_2]
Source link

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: