Libero pensiero: cos’è, punto di vista

Il pensiero libero (a volte scritto pensiero libero ) è un punto di vista epistemologico che sostiene che le credenze non dovrebbero essere formate sulla base dell’autorità , della tradizione , della rivelazione o del dogma , e che le credenze dovrebbero invece essere raggiunte da altri metodi come la logica , la ragione e l’osservazione empirica . Secondo l’ Oxford English Dictionary , un libero pensatoreè “una persona che forma le proprie idee e opinioni piuttosto che accettare quelle di altre persone, specialmente nell’insegnamento religioso”. In alcuni pensieri contemporanei in particolare, il libero pensiero è fortemente legato al rifiuto dei tradizionali sistemi di credenze sociali o religiose. L’applicazione cognitiva del pensiero libero è conosciuta come “libero pensiero”, e coloro che praticano il libero pensiero sono conosciuti come “liberi pensatori”. I liberi pensatori moderni rischiano il libero pensiero una libertà naturale da tutti i pensieri negativi e illusori acquisiti dalla società.

Il termine è entrato in uso per la prima volta nel XVII secolo per riferirsi a persone che indagavano sulla base delle credenze tradizionali che erano spesso accettate senza discutere. Oggi, il libero pensiero è più strettamente legato al deismo , al secolarismo , all’ateismo , all’agnosticismo , all’umanesimo , all’anticlericalismo e alla critica religiosa . L’ Oxford English Dictionary definisce il libero pensiero come “L’esercizio della ragione in materia di credo religioso, sfrenato dalla deferenza all’autorità; l’adozione dei principi di un libero pensatore”.I liberi pensatori sostengono che la conoscenza dovrebbe essere fondata sui fatti, sull’indagine scientifica , e logica. L’applicazione scettica della scienza implica la libertà dagli effetti intellettualmente limitanti del pregiudizio di confermare, del pregiudizio cognitivo , della saggezza convenzionale , della cultura popolare , del mito urbano , del pregiudizio o del settarismo .

Due principali difetti del libero pensiero sono che la maggior parte delle interazioni epistemiche umane con il mondo si basano solo sulla credenza (ad es. L’esistenza del mondo, altre menti , l’esistenza del passato, la memoria, ecc.); e in secondo luogo che il libero pensiero stesso non si basa sulla logica, sulla ragione o sull’osservazione empirica poiché non c’è modo di derivare logicamente o ragionevolmente che il libero pensiero sia deontologicamente valido. In tal senso il libero pensiero può essere giustificato solo attraverso l’esercizio della logica circolare e quindi qualsiasi affermazione a sostegno del libero pensiero è destinata a sollevare la questione .

Definizione

L’autore ateo Adam Lee definisce il pensiero libero come un pensiero indipendente dalla rivelazione, dalla tradizione, dalle credenze consolidate e dall’autorità e lo considera un “ombrello più ampio” dell’ateismo “che abbraccia un arcobaleno di non ortodossia, dissenso religioso, scetticismo e pensiero non convenzionale .”

L’affermazione riassuntiva di base del saggio The Ethics of Belief del matematico e filosofo britannico del XIX secolo William Kingdon Clifford è: “È sbagliato sempre, ovunque e per chiunque, credere a qualcosa su prove insufficienti”. Il saggio divenne un grido di battaglia per i liberi pensatori quando fu pubblicato negli anni ’70 dell’Ottocento, ed è stato descritto come un punto in cui i liberi pensatori hanno afferrato l’altura morale. Clifford era lui stesso un organizzatore di incontri di libero pensiero, la forza trainante del Congress of Liberal Thinkers tenutosi nel 1878.

Per quanto riguarda la religione , i liberi pensatori in genere sostengono che non ci sono prove sufficienti per sostenere l’esistenza di fenomeni soprannaturali . Secondo la Freedom from Religion Foundation , “Nessuno può essere un libero pensatore che richieda la conformità a una Bibbia, credo o messia . Per il libero pensatore, la rivelazione e la fede non sono valide e l’ortodossia non è garanzia di verità”. e “I liberi pensatori sono convinti che le affermazioni religiose non abbiano resistito alle prove della ragione. Non solo non c’è nulla da guadagnare credendo a una menzogna, ma c’è tutto da perdere quando sacrifichiamo lo strumento indispensabile della ragione sull’altare della superstizione. La maggior parte i liberi pensatori considerano la religione non solo falsa, ma dannosa”.

Tuttavia, il filosofo Bertrand Russell scrisse quanto segue nel suo saggio del 1944 “The Value of Free Thought”:

Ciò che rende un libero pensatore non sono le sue convinzioni, ma il modo in cui le sostiene. Se le tiene perché i suoi anziani gli hanno detto che erano vere quando era giovane, o se le tiene perché se non le avesse fatte sarebbe stato infelice, il suo pensiero non è libero; ma se li sostiene perché, dopo un’attenta riflessione, trova un equilibrio di prove a loro favore, allora il suo pensiero è libero, per quanto strane possano sembrare le sue conclusioni.

—  Bertrand Russell, Il valore del libero pensiero. Come diventare un cercatore di verità e spezzare le catene della schiavitù mentale, dal primo paragrafo

L’intero primo paragrafo del saggio chiarisce che un libero pensatore non è necessariamente un ateo o un agnostico, purché soddisfi questa definizione:

La persona che è libera sotto qualsiasi aspetto è libera da qualcosa; da cosa è libero il libero pensatore? Per essere degno di questo nome, deve essere libero da due cose: la forza della tradizione e la tirannia delle proprie passioni. Nessuno è completamente libero da entrambi, ma nella misura dell’emancipazione di un uomo merita di essere chiamato un libero pensatore.

—  Bertrand Russell, Il valore del libero pensiero. Come diventare un cercatore di verità e spezzare le catene della schiavitù mentale, dal primo paragrafo

Fred Edwords , ex dirigente dell’American Humanist Association , suggerisce che, secondo la definizione di Russell, i religionisti liberali che hanno sfidato le ortodossie consolidate possono essere considerati liberi pensatori.

D’altra parte, secondo Bertrand Russell , gli atei e/o gli agnostici non sono necessariamente liberi pensatori. Ad esempio, cita Stalin , che paragona a un ” papa “:

quello che mi interessa è la dottrina del moderno Partito Comunista, e del governo russo al quale deve fedeltà. Secondo questa dottrina, il mondo si sviluppa sulla falsariga di un Piano chiamato Materialismo Dialettico , scoperto per la prima volta da Karl Marx , incarnato nella pratica di un grande Stato da Lenin , ed ora esposto giorno per giorno da una Chiesa di cui Stalin è il Papa. […] La libera discussione deve essere impedita ovunque esista il potere di farlo; […] Se prevarranno questa dottrina e questa organizzazione, la libera ricerca diventerà impossibile come lo era nel medioevo, e il mondo ricadrebbe nel fanatismo e nell’oscurantismo.

—  Bertrand Russell , Il valore del libero pensiero. Come diventare un cercatore di verità e spezzare le catene della schiavitù mentale

Nel XVIII e XIX secolo, molti pensatori considerati liberi pensatori erano deisti , sostenendo che la natura di Dio può essere conosciuta solo da uno studio della natura piuttosto che dalla rivelazione religiosa. Nel XVIII secolo, “deismo” era tanto una “parolaccia” quanto “ateismo”, e i deisti erano spesso stigmatizzati come atei o almeno come liberi pensatori dai loro oppositori cristiani. I deisti oggi si considerano liberi pensatori, ma ora sono probabilmente meno importanti nel movimento del libero pensiero rispetto agli atei.

Caratteristiche

Tra i liberi pensatori, affinché una nozione sia considerata vera deve essere verificabile, verificabile e logica. Molti liberi pensatori tendono ad essere umanisti , che basano la moralità sui bisogni umani e troverebbero significato nella compassione umana , nel progresso sociale , nell’arte, nella felicità personale, nell’amore e nella promozione della conoscenza . In generale, ai liberi pensatori piace pensare con la propria testa, tendono ad essere scettici, rispettano il pensiero critico e la ragione, rimangono aperti a nuovi concetti e talvolta sono orgogliosi della propria individualità. Determinano la verità da soli, in base alla conoscenza che acquisiscono, alle risposte che ricevono, alle esperienze che hanno e all’equilibrio che acquisiscono in tal modo. I liberi pensatori rifiutano il conformismo per amore del conformismo, per cui creano le proprie convinzioni considerando il modo in cui funziona il mondo che li circonda e possiedono l’integrità intellettuale e il coraggio di pensare al di fuori delle norme accettate , il che può portarli o meno a credere in alcuni potenza superiore .

Simbolo

La viola del pensiero, simbolo del libero pensiero.

La viola del pensiero funge da simbolo consolidato e duraturo del libero pensiero; la letteratura dell’American Secular Union ha inaugurato il suo utilizzo alla fine del 1800. Il ragionamento alla base della viola del pensiero come simbolo del libero pensiero risiede sia nel nome del fiore che nel suo aspetto. La viola del pensiero deriva il suo nome dalla parola francese pensée , che significa “pensiero”. Presumibilmente ha ricevuto questo nome perché il fiore è percepito da alcuni per somigliare a un volto umano, e tra la metà e la fine dell’estate annuisce in avanti come se fosse immerso nei suoi pensieri. Challenging Religious Dogma: A History of Free Thought , un opuscolo risalente al 1880 conteneva questa affermazione con il titolo “The Pansy Badge”:

C’è . . . bisogno di un distintivo che esprima a prima vista, senza complessità di dettaglio, quel fondamentale principio di libertà di pensiero per il quale si contendono i liberali di tutti gli ismi. Questa esigenza sembra essere stata soddisfatta dai liberi pensatori di Francia, Belgio, Spagna e Svezia, che hanno adottato la viola del pensiero come distintivo. Ci uniamo a loro nel raccomandare questo fiore come distintivo semplice ed economico del Libero Pensiero… Che ogni patriota che è un Libero Pensatore in questo senso, adotti la viola del pensiero come suo distintivo, da portare sempre, come testimonianza silenziosa e discreta dei suoi principi. In questo modo riconosceremo i nostri fratelli nella causa e l’entusiasmo si diffonderà; fino a quando, in breve tempo, lo standard elevato della viola del pensiero, sotto le pieghe protettive delLa bandiera degli Stati Uniti , dovunque entusiasmerà i cuori degli uomini come simbolo della libertà religiosa e della libertà di coscienza”.

Particolare della lapide di un libero pensatore, fine del XIX secolo. (Cimitero di Cullera, Spagna).

Storia

Movimento premoderno

Il pensiero critico è fiorito nel Mediterraneo ellenistico, nei depositi di conoscenza e saggezza in Irlanda e nelle civiltà iraniche (ad esempio nell’era di Khayyam (1048-1131) e dei suoi poemi non ortodossi sufi Rubaiyat ), e in altre civiltà, come come i cinesi (si noti ad esempio la rinascita marinara della dinastia Song meridionale del 1127-1279), e attraverso pensatori eretici sull’alchimia o l’ astrologia esoterica , fino al Rinascimento e alla Riforma protestante .

Il medico e scrittore francese Rabelais celebrò la libertà “rabelaisiana” così come il buon banchetto e il buon bere (espressione e simbolo della libertà della mente) sfidando le ipocrisie dell’ortodossia conformista nella sua utopica Thelema Abbey (da θέλημα: libero “arbitrio” ), il cui dispositivo era Do What Thou Wilt :

Così l’aveva stabilito Gargantua. In tutte le loro regole e nei vincoli più stretti del loro ordine c’era solo questa clausola da osservare: Fai ciò che vuoi; perché le persone libere… agiscono virtuosamente ed evitano il vizio. Lo chiamano questo onore.

Quando l’eroe di Rabelais, Pantagruel , si reca all'”Oracolo del Div(in)e Bottle”, impara la lezione della vita in una semplice parola: “Trinch!” , Bere! Goditi la vita semplice, impara la saggezza e la conoscenza, come un essere umano libero. Al di là dei giochi di parole, dell’ironia e della satira, il prologo- metafora di Gargantua istruisce il lettore a “rompere l’osso e succhiare il midollo pieno di sostanza” (” la substantifique moëlle “), il nucleo della saggezza.

Movimenti moderni

L’anno 1600 è considerato un punto di riferimento nell’era del pensiero libero moderno. Era l’anno dell’esecuzione in Italia di Giordano Bruno , ex frate domenicano , da parte dell’Inquisizione .

Australia

Prima della seconda guerra mondiale , l’Australia aveva alti tassi di protestantesimo e cattolicesimo. L’Australia del dopoguerra è diventata un paese altamente secolarizzato . Donald Horne , uno dei noti intellettuali pubblici australiani , credeva che la crescente prosperità nell’Australia del dopoguerra avesse influenzato il declino della frequentazione delle chiese e la generale mancanza di interesse per la religione. “Le chiese non contano più molto per la maggior parte degli australiani. Se c’è una vita eterna felice è per tutti … Per molti australiani i piaceri di questa vita sono sufficientemente soddisfacenti che la religione non offre nulla di grande fascino”, ha detto Horne nel suo lavoro fondamentale Il paese fortunato (1964).

Belgio

L’ Université Libre de Bruxelles e la Vrije Universiteit Brussel , insieme ai due Circles of Free Inquiry (olandese e francese), difendono la libertà del pensiero critico, della filosofia laica e dell’etica , respingendo l’ argomento dell’autorità .

Canada

Nel 1873 una manciata di laici fondò la prima organizzazione laica conosciuta nel Canada inglese , la Toronto Freethought Association. Riorganizzato nel 1877 e di nuovo nel 1881, quando fu ribattezzato Toronto Secular Society, il gruppo formò il nucleo della Canadian Secular Union, fondata nel 1884 per riunire liberi pensatori di tutto il paese.

Un numero significativo dei primi membri sembra provenire dall ‘”aristocrazia” del lavoro istruito, tra cui Alfred F. Jury, J. Ick Evans e JI Livingstone, tutti leader attivisti sindacali e laici. Il secondo presidente dell’associazione di Toronto, T. Phillips Thompson , divenne una figura centrale nei movimenti sindacali e di riforma sociale della città durante gli anni 1880 e 1890 e probabilmente il più importante intellettuale laburista canadese della fine del XIX secolo. All’inizio degli anni 1880 organizzazioni sparse di libero pensiero operavano in tutto l’ Ontario meridionale e in parti del Quebec , suscitando sostegno sia urbano che rurale.

L’organo principale del movimento del libero pensiero in Canada era Secular Thought (Toronto, 1887-1911). Fondato e curato durante i suoi primi anni dal libero pensatore inglese Charles Watts (1835-1906), passò sotto la direzione dello stampatore ed editore di Toronto James Spencer Ellis nel 1891 quando Watts tornò in Inghilterra. Nel 1968 si formò la Humanist Association of Canada (HAC) per fungere da gruppo ombrello per umanisti, atei e liberi pensatori e per difendere le questioni di giustizia sociale e opporsi all’influenza religiosa sulle politiche pubbliche, in particolare nella lotta per rendere libero l’accesso all’aborto e legale in Canada.

Inghilterra

Il termine libero pensatore è emerso verso la fine del XVII secolo in Inghilterra per descrivere coloro che si opponevano all’istituzione della Chiesa e alla fede letterale nella Bibbia . Le convinzioni di questi individui erano incentrate sul concetto che le persone potessero comprendere il mondo attraverso la considerazione della natura. Tali posizioni furono formalmente documentate per la prima volta nel 1697 da William Molyneux in una lettera ampiamente pubblicizzata a John Locke , e più ampiamente nel 1713, quando Anthony Collins scrisse il suo Discorso sul libero pensiero, che ottenne una notevole popolarità. Questo saggio attacca il clero di tutte le chiese ed è un appello a favoredeismo .

La rivista Freethinker fu pubblicata per la prima volta in Gran Bretagna nel 1881; è continuato in stampa fino al 2014 ed esiste ancora come pubblicazione basata sul web.

Francia

In Francia, il concetto apparve per la prima volta in pubblicazione nel 1765 quando Denis Diderot , Jean le Rond d’Alembert e Voltaire includevano un articolo su Liberté de penser nella loro Encyclopédie . Il concetto di libero pensiero si diffuse così ampiamente che persino luoghi remoti come lo Jotunheimen , in Norvegia , avevano famosi liberi pensatori come Jo Gjende nel XIX secolo.

François-Jean Lefebvre de la Barre (1745–1766) era un giovane nobile francese , famoso per essere stato torturato e decapitato prima che il suo corpo fosse bruciato su una pira insieme al Dizionario filosofico di Voltaire . Si dice spesso che La Barre sia stato giustiziato per non aver salutato una processione religiosa cattolica romana , ma gli elementi del caso erano molto più complessi.

In Francia, Lefebvre de la Barre è ampiamente considerato un simbolo delle vittime dell’intolleranza religiosa cristiana ; La Barre insieme a Jean Calas e Pierre-Paul Sirven , è stato sostenuto da Voltaire. Una seconda statua sostitutiva di de la Barre si trova vicino alla Basilica del Sacro Cuore di Gesù di Parigi in cima alla collina di Montmartre (a sua volta chiamata dal Tempio di Marte ), il punto più alto di Parigi e una strada del 18° arrondissement vicino al Sacré -Cœur prende anche il nome da Lefebvre de la Barre.

Il XIX secolo vide l’emergere di una nozione specifica di Libre-Pensée (“libero pensiero”), con lo scrittore Victor Hugo come uno dei suoi principali primi sostenitori. I liberi pensatori francesi ( Libre-Penseurs ) associano libertà di pensiero, anticlericalismo politico e tendenze socialiste. L’organizzazione principale che fa riferimento a questa tradizione fino ad oggi è la Fédération nationale de la libre pensée , creata nel 1890.

Germania

In Germania, durante il periodo 1815-1848 e prima della Rivoluzione di marzo , aumentò la resistenza dei cittadini contro il dogma della chiesa. Nel 1844, sotto l’influenza di Johannes Ronge e Robert Blum , crebbe la fede nei diritti dell’uomo , la tolleranza tra gli uomini e l’ umanesimo , e nel 1859 fondarono il Bund Freireligiöser Gemeinden Deutschlands (letteralmente Unione delle libere comunità religiose della Germania), un’associazione di persone che si considerano religiose senza aderire ad alcuna chiesa o culto sacerdotale stabilito e istituzionalizzato. Questa unione esiste ancora oggi ed è inclusa come membro nell’organizzazione ombrello dei liberi umanisti. Nel 1881 a Francoforte sul Meno , Ludwig Büchner fondò il Deutscher Freidenkerbund ( Lega tedesca dei liberi pensatori ) come prima organizzazione tedesca per atei e agnostici. Nel 1892 si formarono la Freidenker-Gesellschaft e nel 1906 il Deutscher Monistenbund .

Organizzazioni di libero pensiero hanno sviluppato la ” Jugendweihe ” (letteralmente consacrazione della gioventù ), una cerimonia laica di ” cresima ” e riti funebri atei. L’Unione dei liberi pensatori per la cremazione è stata fondata nel 1905 e l’Unione centrale del proletariato tedesco libero pensatore nel 1908. I due gruppi si sono fusi nel 1927, diventando l’Associazione tedesca del libero pensiero nel 1930.

Le organizzazioni più “borghesi” declinarono dopo la prima guerra mondiale e proliferarono gruppi di libero pensiero “proletari”, diventando un’organizzazione di partiti socialisti. I gruppi socialisti europei di libero pensiero formarono l’Internazionale dei liberi pensatori proletari (IPF) nel 1925. Gli attivisti si agitarono affinché i tedeschi si disaffiliassero dalle rispettive chiese e per la secolarizzazione delle scuole elementari; tra il 1919-21 e il 1930-1932 più di 2,5 milioni di tedeschi, per la maggior parte sostenitori dei partiti socialdemocratici e comunisti, rinunciarono all’appartenenza alla chiesa. Il conflitto si sviluppò tra le forze radicali, inclusa la Lega sovietica dei militanti senza Dio e le forze socialdemocratiche nell’Europa occidentale guidate da Theodor Hartwig e Max Sievers. Nel 1930 le delegazioni sovietiche e alleate, a seguito di uno sciopero, rilevarono l’IPF escludendo gli ex leader. Dopo l’ascesa al potere di Hitler nel 1933, la maggior parte delle organizzazioni di libero pensiero furono bandite, anche se alcuni gruppi di destra che lavoravano con le cosiddette Völkische Bünde (letteralmente associazioni “etniche” con ideologia nazionalista, xenofoba e molto spesso razzista) furono tollerati dai nazisti fino alla metà degli anni ’30.

Olanda

Nei Paesi Bassi, il libero pensiero è esistito in forma organizzata sin dalla fondazione di De Dageraad (ora noto come De Vrije Gedachte ) nel 1856. Tra i suoi abbonati più importanti del XIX secolo c’erano Johannes van Vloten , Multatuli , Adriaan Gerhard e Domela Nieuwenhuis .

Nel 2009, Frans van Dongen ha fondato il Partito laico-ateo, che ha una visione notevolmente restrittiva della religione e delle espressioni religiose pubbliche.

Dal 19° secolo, il libero pensiero nei Paesi Bassi è diventato più noto come fenomeno politico attraverso almeno tre correnti: il libero pensiero liberale, il libero pensiero conservatore e il libero pensiero classico. In altre parole, i partiti che si identificano come liberi pensatori tendono a favorire approcci non dottrinali e razionali alle loro ideologie preferite, e sono sorti come alternative laiche sia ai partiti di orientamento clericale che a quelli di orientamento sindacale. Temi comuni tra i partiti politici di libero pensiero sono “libertà”, “libertà” e ” individualismo “.

Svizzera

Con l’introduzione delle tasse ecclesiastiche cantonali negli anni ’70 dell’Ottocento, gli anticlericali iniziarono a organizzarsi. Intorno al 1870 fu fondato a Zurigo un “club di liberi pensatori” . Durante il dibattito sulla legge ecclesiastica di Zurigo nel 1883, il professor Friedrich Salomon Vögelin e il membro del consiglio comunale Kunz proposero di separare chiesa e stato .

Tacchino

Negli ultimi anni dell’Impero Ottomano , il libero pensiero ha fatto sentire la sua voce attraverso le opere di personaggi illustri come Ahmet Rıza , Tevfik Fikret , Abdullah Cevdet , Kılıçzade Hakkı e Celal Nuri İleri . Questi intellettuali influenzarono il primo periodo della Repubblica Turca . Mustafa Kemal Atatürk – feldmaresciallo , statista rivoluzionario, autore e fondatore dello stato nazionale turco laico , in qualità di primo presidentedal 1923 fino alla sua morte nel 1938 – fu il praticante delle loro idee. Ha fatto molte riforme che hanno modernizzato il paese. Fonti sottolineano che Atatürk era uno scettico religioso e un libero pensatore. Era un deista non dottrinario o un ateo , che era antireligioso e antiislamico in generale. Secondo Atatürk, il popolo turco non sa cosa sia veramente l’Islam e non legge il Corano . Le persone sono influenzate da frasi arabe che non capiscono e, a causa delle loro usanze, vanno nelle moschee. Quando i turchi leggeranno il Corano e ci penseranno, lasceranno l’Islam. Atatürk ha descritto l’Islam come la religione degli arabi nella sua opera intitolataVatandaş için Medeni Bilgiler dalle sue opinioni critiche e nazionaliste .

Association of Atheism ( Ateizm Derneği ), la prima organizzazione atea ufficiale in Medio Oriente e Caucaso, è stata fondata nel 2014. Serve a sostenere le persone irreligiose e i liberi pensatori in Turchia che sono discriminati in base alle loro opinioni. Nel 2018 alcuni media hanno riferito che l’Ateizm Derneği avrebbe chiuso a causa delle pressioni sui suoi membri e degli attacchi dei media filogovernativi, ma l’associazione stessa ha chiarito che non era così ed era ancora attiva .

stati Uniti

Il movimento Free Thought si organizzò per la prima volta negli Stati Uniti come “Free Press Association” nel 1827 in difesa di George Houston, editore di The Correspondent , uno dei primi giornali di critica biblica in un’epoca in cui le condanne per blasfemia erano ancora possibili. Houston aveva contribuito a fondare una comunità owenita a Haverstraw, New York nel 1826-1827. Il corrispondente di breve durata è stato sostituito dal Free Enquirer , l’organo ufficiale della comunità New Harmony di Robert Owen in Indiana, curato da Robert Dale Owen e da Fanny Wrighttra il 1828 e il 1832 a New York. Durante questo periodo Robert Dale Owen cercò di introdurre lo scetticismo filosofico del movimento del libero pensiero nel Workingmen’s Party di New York City. Le celebrazioni civiche annuali del compleanno di Paine da parte del Free Enquirer dopo il 1825 si fusero finalmente nel 1836 nella prima organizzazione nazionale di liberi pensatori, la “Società morale e filosofica degli Stati Uniti per la diffusione generale della conoscenza utile”. Fu fondata il 1 agosto 1836, in occasione di un congresso nazionale al Lyceum di Saratoga Springs, con Isaac S. Smith di Buffalo , New York, come presidente. Smith era anche l’ Equal Rights Party del 1836‘s candidato a Governatore di New York ed era stato anche candidato del Partito dei Lavoratori a Lt. Governatore di New York nel 1830. La Moral and Philosophical Society pubblicò The Beacon , a cura di Gilbert Vale.

Robert G. Ingersoll

Spinto dalle rivoluzioni del 1848 negli stati tedeschi, il XIX secolo vide un’immigrazione di liberi pensatori e anticlericali tedeschi negli Stati Uniti (vedi Forty-Eighters ). Negli Stati Uniti, speravano di poter vivere secondo i loro principi, senza interferenze da parte del governo e delle autorità ecclesiastiche.

Molti liberi pensatori si stabilirono nelle roccaforti degli immigrati tedeschi, tra cui St. Louis , Indianapolis , Wisconsin e Texas , dove fondarono la città di Comfort , Texas, così come altri.

Questi gruppi di liberi pensatori tedeschi si riferivano alle loro organizzazioni come Freie Gemeinden , o “congregazioni libere”. Il primo Freie Gemeinde fu fondato a St. Louis nel 1850. Altri seguirono in Pennsylvania, California, Washington, DC, New York, Illinois, Wisconsin, Texas e altri stati.

I liberi pensatori tendevano ad essere liberali, sposando ideali come l’uguaglianza razziale, sociale e sessuale e l’abolizione della schiavitù.

La “Golden Age of Freethought” negli Stati Uniti arrivò alla fine del 1800. L’organizzazione dominante era la National Liberal League che si formò nel 1876 a Filadelfia. Questo gruppo si riformò nel 1885 come American Secular Union sotto la guida dell’eminente oratore agnostico Robert G. Ingersoll . Dopo la morte di Ingersoll nel 1899 l’organizzazione declinò, in parte a causa della mancanza di una leadership efficace .

Il libero pensiero negli Stati Uniti è diminuito all’inizio del XX secolo. All’inizio del ventesimo secolo, la maggior parte delle congregazioni di libero pensiero si era sciolta o si era unita ad altre chiese tradizionali. La congregazione di libero pensiero che opera da più tempo ininterrottamente in America è la Free Congregation of Sauk County, Wisconsin, che è stata fondata nel 1852 ed è ancora attiva nel 2020. Si è affiliata all’American Unitarian Association (ora Unitarian Universalist Association ) nel 1955. DM Bennett fu il fondatore e l’editore di The Truth Seeker nel 1873, un periodico americano di riforma e pensiero libero radicale.

Gli insediamenti tedeschi di liberi pensatori si trovavano in:

  • Burlington , Contea di Racine , Wisconsin
  • Belleville , Contea di St. Clair , Illinois
  • Castell , Contea di Llano , Texas
  • Comodità , Contea di Kendall , Texas
  • Davenport , Contea di Scott , Iowa
  • Fond du Lac , Contea di Fond du Lac , Wisconsin
  • Frelsburg , contea del Colorado , Texas
  • Hermann , Contea di Guascogna , Missouri
  • Jefferson , Contea di Jefferson , Wisconsin
  • Indianapolis , Indiana
  • Lazio , Contea di Washington , Texas
  • Manitowoc , contea di Manitowoc , Wisconsin
  • Meyersville , contea di DeWitt , Texas
  • Milwaukee , Wisconsin
  • Millheim, Contea di Austin , Texas
  • Oshkosh , contea di Winnebago, Wisconsin
  • Ratcliffe, contea di DeWitt , Texas
  • Sauk City , Contea di Sauk , Wisconsin
  • Shelby , contea di Austin, Texas
  • Sisterdale , contea di Kendall , Texas
  • St. Louis , Missouri
  • Tusculum , Contea di Kendall, Texas
  • Due fiumi , contea di Manitowoc, Wisconsin
  • Watertown , Contea di Dodge , Wisconsin

Anarchismo

Tradizione degli Stati Uniti

Il libero pensiero influenzò lo sviluppo dell’anarchismo negli Stati Uniti d’America . Negli Stati Uniti,

“Il pensiero libero era un movimento fondamentalmente anticristiano e anticlericale , il cui scopo era quello di rendere l’individuo politicamente e spiritualmente libero di decidere da solo su questioni religiose. Un certo numero di collaboratori di Liberty erano figure di spicco sia nel pensiero libero che nell’anarchismo. L’ anarchico individualista americano George MacDonald [(1857-1944)] è stato co-editore di Freethought e, per un certo periodo, The Truth Seeker. EC Walker è stato co-editore della rivista di libero pensiero/amore libero Lucifer, the Light-Bearer . “

“Molti degli anarchici erano ardenti liberi pensatori; ristampe di giornali di libero pensiero come Lucifer, the Light-Bearer , Freethought e The Truth Seeker apparvero su Liberty … La chiesa era vista come un comune alleato dello stato e come una forza repressiva in sé e per sé.”

tradizione europea

In Europa, uno sviluppo simile si è verificato nei circoli anarchici individualisti francesi e spagnoli:

“L’anticlericalismo, proprio come nel resto del movimento libertario , in un altro degli elementi frequenti che acquisteranno rilevanza legato alla misura in cui la Repubblica (francese) comincia ad avere conflitti con la chiesa… Discorso anticlericale, spesso invocato dall’individualista francese André Lorulot [(1885-1963)], avrà i suoi effetti su Estudios (pubblicazione anarchica individualista spagnola ), ci sarà un attacco alla religione istituzionalizzata per la responsabilità che ha avuto in passato sugli sviluppi negativi , per la sua irrazionalità che ne fa un contrappunto al progresso filosofico e scientifico.Ci sarà una critica al proselitismoe la manipolazione ideologica che avviene sia sui credenti che sugli agnostici”.

Queste tendenze continueranno nell’anarchismo individualista francese nel lavoro e nell’attivismo di Charles-Auguste Bontemps (1893-1981) e altri. Nelle riviste anarchiche individualiste spagnole Ética e Iniciales

“c’è un forte interesse per la pubblicazione di notizie scientifiche, solitamente legate a una certa ossessione atea e antiteista , filosofia che servirà anche a segnalare l’incompatibilità tra scienza e religione, fede e ragione. In questo modo ci sarà un tante chiacchiere sulle teorie di Darwin o sulla negazione dell’esistenza dell’anima ”.

Nel 1901 l’anarchico e libero pensatore catalano Francesc Ferrer i Guàrdia fondò a Barcellona scuole “moderne” o progressiste a dispetto di un sistema educativo controllato dalla Chiesa cattolica . Le scuole avevano l’obiettivo dichiarato di ” educare la classe operaia in un ambiente razionale, laico e non coercitivo”. Ferocemente anticlericale, Ferrer credeva nella “libertà nell’istruzione”, un’istruzione libera dall’autorità della chiesa e dello stato. Le idee di Ferrer, in generale, hanno costituito l’ispirazione per una serie di scuole moderne negli Stati Uniti, Cuba , Sud America e Londra . Il primo di questi è iniziatoNew York City nel 1911. Ferrer ispirò anche il quotidiano italiano Università popolare , fondato nel 1901.


https://en.wikipedia.org/wiki/Freethought

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *