Khanom chin – Wikipedia

[ad_1]
Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Khanom chin (in thailandese: ขนมจีน?, [kʰā.nǒm t͡ɕīːn]; scritto anche khanohm jeen) sono degli spaghetti di riso simili ai vermicelli, tipici della cucina thailandese. I khanom chin sono spesso serviti immersi in diversi tipi di brodo: latte di cocco, pesce al curry e piccante.

Per la preparazione dei noodles bisogna fare fermentare il riso per tre giorni, bollirlo e dargli la forma dello spaghetto estrudendo l’impasto attraverso un setaccio in acqua bollente.

Simili noodles si possono trovare anche nelle cucine cinesi (il Mixian originario della provincia dello Yunnan), cambogiane (num banh chok), vietnamite (bún) e indiane: lo idiyappam indiano, tipico degli stati di Kerala e Tamil Nadu, è diffuso anche in Sri Lanka, Malesia, Singapore e Indonesia.

Sebbene chin significhi “cinese” in thailandese, questo tipo di noodles è originario del popolo Mon, storicamente abitante di quella che oggi è la Thailandia Centrale.[1] La parola khanom chin è probabilmente derivata dalle parole Mon hanom cin (in lingua mon: ခၞံစိန်, letteralmente “noodles bolliti”).[2][3]


[ad_2]
Source link

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: