Ja’da bint al-Ash’ath – Wikipedia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Moglie di al-Hasan ibn Ali

Jaʿda bint al-Ashʿath (Arabo: جعدة بنت الأشعث) (Nome e cognome: Jaʿda bint al-Ashʿath ibn Qays al-Kindī) era la moglie di Hasan ibn Ali.(1)(2)(3)(4)(5)(6)(7)(8)

Si conoscono pochi dettagli sui suoi primi anni di vita e sulla sua biografia. Lei era di arabo origine dalla tribù di Tipo.

Punto di vista sciita(modificare)

Sciita musulmano gli storici scrissero che a Ja’da furono promessi oro e matrimonio Yazid I. Sedotta dalla promessa di ricchezza e potere, avvelenò il marito e poi si precipitò alla corte di Mu’awiya nel Damasco per ricevere la sua ricompensa. Mu’awiya rinunciò alla sua promessa di sposarla con suo figlio e la sposò con un altro uomo.(9) Ha detto che non poteva sposarla con suo figlio per paura che avrebbe avvelenato anche lui.

Guarda anche(modificare)

Riferimenti(modificare)

  1. ^ Mas’oodi, Vol 2: Pagina 47
  2. ^ Tāreekh – Abul Fidā Vol 1: Pagina 182
  3. ^ Iqdul Fareed – Ibn Abd Rabbāh Vol 2, Pagina 11
  4. ^ Rawzatul Manazir – Ibne Shahnah Vol 2, Pagina 133
  5. ^ Tāreekhul Khamees, Husayn Dayarbakri Vol2, pagina 238
  6. ^ Akbarut Tiwal – Dinawari Pag 400
  7. ^ Mawatilat Talibeyeen – Abul Faraj Isfahāni
  8. ^ Isti’ab – Ibne Abdul Birr
  9. ^ “Imam Hassan”. Archiviato da l’originale il 3 gennaio 2015. Estratto 9 maggio 2014.




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto