Ja’afaru Dan Isiyaku – Wikipedia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Ja’afari Dan Isiyaku era il sedicesimo Emiro Di Zazzauregnò dal 1937 al 1959.(citazione necessaria) Come emiro di Zazzau era capo amministrativo dell’Autorità nativa dell’Emirato di Zaria che consisteva di diciassette distretti ed era responsabile del mantenimento della legge e dell’ordine all’interno dell’emirato.(citazione necessaria)

Ja’afaru è nato nella casa dell’emiro di Zazzau Abdullahi e di sua moglie Malama Aishatu. Suo padre era il nipote di Sarkin Zazzau Hammada e pronipote di Sarki Yamusa (1821-1834)(1) La prima educazione di Ja’afaru consisteva nell’insegnamento e nella recitazione del Corano in un centro di apprendimento islamico nel quartiere.(2) Trascorse i suoi primi sette anni nel distretto di Sabon Gari nella casa paterna, successivamente si recò a Zaria per ulteriori studi coranici. Quando aveva circa 24 anni e si sposò, fu scelto da suo padre per frequentare una scuola a Kano Fondata da un pedagogista svedese, Hanns Vischer, la scuola era popolarmente chiamata makarantar Dan Hausa nel gergo locale.(2) Era tra i pochi studenti di stirpe reale che frequentarono la scuola poiché l’educazione occidentale era trattata con sospetto da molti emiri del Nord come veicolo per predicare il cristianesimo a quel tempo.(2)

Dopo un anno di frequenza alla scuola, ritornò a Zaria e proseguì con la giurisprudenza islamica, apprendendo la Maliki legge.(2) Ha lavorato anche come valutatore immobiliare con la responsabilità di valutare il valore delle proprietà possedute dalle famiglie a fini fiscali. Ja’afaru fu presto chiesto dal colonialista residente per gestire le comunicazioni tra l’ufficio del residente e l’emiro di Zazzau. Nell’adempimento dei doveri del suo lavoro Ja’afaru sviluppò un rapporto con l’emiro in carica, Aliyu Dan Sidi, che a volte delegava alcune responsabilità a Ja’afaru in questioni riguardanti l’amministrazione dell’autorità nativa.(2) Dopo circa quattro anni nell’ufficio provinciale, fu promosso alla carica di capo scrivano del residente. Quando il capo distretto di Zangon Katab fu rimosso dall’incarico per appropriazione indebita di fondi dalla tassa sul bestiame, Ja’afaru fu scelto come suo sostituto nel 1918. Ja’afaru fu capo distretto per 19 anni. Alla fine del 1936, Sarkin Ibrahim Dan Kwasau si ammalò e morì. Il residente britannico nominò Ja’afaru Sarkin Zazzau nel marzo 1937 dopo essersi consultato con i tradizionali regnanti: Galadiman, Dokaje e Limamin.(2)

Emiro di Zazzau(modificare)

Ja’afaru fu incoronato nel giugno 1937 nel parco all’interno del palazzo dell’emiro. Sotto quello della Nigeria regola indirettail governo coloniale britannico amministrava la colonia della Nigeria attraverso i leader tradizionali e nel nord attraverso gli emiri.(2) Ja’afaru come emiro divenne capo dell’autorità nativa di Zaria. Era incaricato del mantenimento della legge e dell’ordine e della nomina dei capi distretto all’interno dell’emirato.(2) Zaria nel 1950 aveva diciassette capi distrettuali per assistere l’autorità nativa nell’amministrazione. Come capo dell’autorità indigena, è stato coinvolto nei lavori di sviluppo per espandere il distretto di Tudun Wada.(3)

Durante il periodo pre-indipendenza, Ja’afaru era membro della Camera dei capi regionali del Nord e ministro senza portafoglio.(citazione necessaria)

Riferimenti(modificare)




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto