Ibalon – Wikipedia


IbalonO Ibalongè l’antico nome del Regione Bicol nel Filippine. Si ritiene che il centro dell’insediamento sia accanto al fiume Bicol ai giorni nostri Libmanan, Camarines Sur(1) (come basato su Epica di Ibalong) o dentro Magallanes, Sorsogon, Filippinerinomato come uno dei primi insediamenti spagnoli nell’isola di Luzon. Ad un certo punto, il nome Ibalong fu usato anche dai spagnolo riferirsi all’intero Penisola di Bicol e, in una certa misura, l’intera isola di Luzon.(2)(3)(4)(5)(6)(7)(8)

Allo stato attuale, il Epica di Ibalongattualmente, viene celebrato da Città di Legazpi ad Albay. IL Festival di Ibalong celebra l’epica storia del Regno di Ibalong con tre eroi leggendari, vale a dire Baltog, Handyong, Bantong e altri antichi eroi. La gente sfila per le strade indossando maschere e costumi per imitare le sembianze degli eroi e dei cattivi, raffigurando le classiche battaglie entrate nella storia di Bicolo. Il Festival Ibalong mira a esprimere calore e benevolenza a tutte le persone; visitatori e turisti sono incoraggiati a festeggiare con i Bicolano.

“Ibalon” è una narrazione epica originaria della regione Bicol delle Filippine. Il racconto si svolge in una terra caratterizzata da ampie pianure e campi fertili, nota per la sua eccezionale produttività agricola. La narrazione inizia con l’introduzione del primo uomo, Baltog, originario di Botavara e appartenente alla razza Lipod. La vita di Baltog prende una svolta significativa quando le sue pregiate piante “linsa” o gabi vengono distrutte da un formidabile cinghiale Tandayag. Nel suo fervore per vendicare questa perdita, Baltog intraprende una battaglia implacabile con il colossale cinghiale, sconfiggendolo infine rompendogli le massicce mascelle con la sua formidabile forza.

L’arrivo di Handiong, un’altra figura di spicco, porta un’ulteriore trasformazione nella terra di Bikol. Handiong si imbarca in una missione per liberare la regione da creature minacciose, tra cui bestie con un occhio solo e tre gole, squali alati, carabao selvatici e coccodrilli mangiatori di uomini. I suoi sforzi eroici portano all’esilio dei “sarimaw” sul monte Kulasi e alla sepoltura dei serpenti a Hantik.

Un avversario significativo nel viaggio di Handiong è Oriol, un’entità mutaforma che lo sfida con la sua natura seducente ma ingannevole. Oriol si rivela sfuggente e rappresenta una sfida formidabile, a volte aiutando e altre volte ostacolando gli sforzi di Handiong.

Il trionfo di Handiong sulle bestie selvagge si traduce nella creazione di comunità stanziali, segnate da progressi come la costruzione di barche, l’agricoltura e la creazione di vari strumenti e utensili. Vengono emanate leggi per garantire l’uguaglianza e proteggere la vita e l’onore, promuovendo un senso di ordine e rispetto per il patrimonio.

Tuttavia, questa fiorente civiltà si trova ad affrontare una battuta d’arresto catastrofica con un grande diluvio causato da tempeste, che porta a eruzioni vulcaniche, cambiamenti nella formazione del territorio e alla devastazione della civiltà in crescita. In particolare, la terra di Ibalon subisce significative trasformazioni geografiche.

La narrazione mette in luce anche le gesta di Bantong, un giovane guerriero che gioca un ruolo cruciale nello sconfiggere Rabot, un temibile mostro metà uomo e metà bestia. L’intelligente strategia di Bantong porta alla sconfitta di Rabot e il suo trionfale ritorno tra il popolo di Handiong viene accolto con festeggiamenti.

“Ibalon” è una pregevole opera letteraria, composta da 240 versi, che offre approfondimenti sulle credenze culturali e sulle tradizioni eroiche degli antichi Bicolanos. È una delle poche narrazioni epiche che provengono da filippini cristiani, insieme a “Biag ni Lam-ang”, con la maggior parte dei poemi epici provenienti da gruppi indigeni non cristiani.(9)

Guarda anche(modificare)

Riferimenti(modificare)

  1. ^ Salazar, Zeus A. (settembre 2004). Liktao ed Epiko: Ang Takip ng Tapayang Libingan ng Libmanan, Camarines Sur. Filippine: Palimbagan ng Lahi. ISBN 9719205067.
  2. ^ Abella, D. (1954). Annali Bikol: una raccolta di vignette di storia filippina. Manila.
  3. ^ Dery, LC (1991). Da Ibalon a Sorsogon: un’indagine storica della provincia di Sorsogon fino al 1905 . Quezon City: New Day Publishers.
  4. ^ Espinas, M. (1996). L’Ibalong: il frammento epico popolare di Bikol. Manila: Casa editrice dell’Università di Santo Tomas.
  5. ^ Mallari, F. (1990). Ibalon Under Storm and Siege: Saggi sulla storia di Bicol: 1565-1860. Città di Cagayan de Oro.
  6. ^ Owen, N. (1999). La miscela Bikol: Bikolanos e la loro storia. Quezon City: editori del nuovo giorno.
  7. ^ Prado, MG (1981). Ibalon: Etnostoria della regione di Bikol. Città di Legazpi: AMS Press.
  8. ^ Reyes, JC (gennaio-febbraio 1979). L’epopea ibalena: una finestra sulla preistoria di Bicol. Boletin Eclesiastico de Filipinas v. 53 nn. 590-591, pp. 61-92.
  9. ^ “L’Ibalon (dalla regione di Bikol)”. KapitBisig.com. 2015-06-14. Estratto 2023-09-05.




Source link

Lascia un commento