Grafica: cos’è, progettare comunicazioni visive

La grafica o graphic design è unaprofessione,

disciplina accademica earte applicata la cui attività consiste nel progettarecomunicazioni visive destinate a trasmettere messaggi specifici a gruppi sociali, con obiettivi specifici.

Per la sua natura interdisciplinare, la progettazione grafica può essere eseguita in diversi ambiti di applicazione: branding, disegno tecnico e artistico, segnaletica, fotografia, editing di immagini e video, modellazione 3D , animazione, programmazione, tra gli altri campi. [1]
Per la sua natura interdisciplinare, la progettazione grafica può essere eseguita in diversi ambiti di applicazione: branding, disegno tecnico e artistico, segnaletica, fotografia, editing di immagini e video, modellazione 3D , animazione, programmazione, tra gli altri campi.
Il graphic design è un ramo interdisciplinare delprogetto e dellebelle arti.

La sua pratica implicacreativit,innovazione epensiero laterale utilizzando strumenti manuali odigitale, dove è consuetudine utilizzare testo egrafica per comunicare visivamente.

Il ruolo delgrafico nel processo di comunicazione è quello di codificatore o interprete del messaggio. Lavorano sull’interpretazione, sull’ordinamento e sulla presentazione dei messaggi visivi.

Di solito, il design grafico utilizza l’estetica dellatipografia e la disposizione compositiva del testo,

degli ornamenti e delle immagini per trasmettere idee, sentimenti e atteggiamenti oltre ciò che il solo linguaggio esprime.

Il lavoro di progettazione può basarsi sulla richiesta del cliente, richiesta che finisce per essere stabilita linguisticamente, sia oralmente che per iscritto,

cioè che il design grafico trasformi un messaggio linguistico in una manifestazione grafica.

Il graphic design ha come campo di applicazione diversi ambiti di conoscenza focalizzati su qualsiasi sistema di comunicazione visiva.

Ad esempio, può essere applicato nelle strategie pubblicitarie, oppure può essere applicato anche nel mondodell’aviazione odell’esplorazione spaziale.

In questo senso, in alcuni paesi il design grafico è correlato solo alla produzione di schizzi e disegni,

ciò non è corretto, poiché la comunicazione visiva è una piccola parte di una vasta gamma di tipi e classi in cui può essere applicato.

Con origininell’antichit e nelMedioevo,il design grafico come arte applicata fu inizialmente collegato al boom dell’ascesadella stampa in Europa nel XV secolo e alla crescita della cultura del consumo durante larivoluzione industriale.

Da lì emerse come professione distinta in Occidente, strettamente associata allapubblicit nel XIX secoloe la sua evoluzione ne permise il consolidamento nel XX secolo.

Data la rapida e massiccia crescita dello scambio di informazioni oggi, la richiesta di progettisti esperti è più grande che mai,

soprattutto a causa dello sviluppo di nuove tecnologie e della necessità di prestare attenzione ai fattori umani che vanno oltre la competenza degli ingegneri che le sviluppano.

Indice dei contenuti

Terminologia

Un William Addison Dwiggins viene spesso attribuito il merito di aver usato per primo il termine “design grafico” in un articolo del 1922,

sebbene appaia in un numero del 4 luglio 1908 (volume 9, numero 27) diOrganized Labour,

una pubblicazione dei sindacati di lavoro San Francisco, in un articolo sulla formazione tecnica degli stampatori:

Un sindacato intraprendente
… L’elevato standard di intelligenza che prevale tra gli stampatori è una garanzia che con i principi elementari del design a portata di mano molti di loro cresceranno nella conoscenza e diventeranno specialisti nel design grafico e nella decorazione. …

Un decennio dopo, il catalogo dei corsi 1917-1918 dellaScuola di arti e mestieri della California pubblicizzava un corso intitolato Graphic Design and Lettering,

che sostituì quello chiamato Advanced Design and Lettering. Entrambe le classi sono state tenute daFederico Mayer.

Storia

Sia nella sua lunga storia che nella relativamente recente esplosione dellacomunicazione visiva nel XX e XXI secolo,

la distinzione tra pubblicità, arte, design grafico e belle arti è scomparsa.

Condividono molti elementi, teorie, principi, pratiche,linguaggi e talvolta lo stesso benefattore o cliente.

Nella pubblicità, l’obiettivo finale è la vendita di beni e servizi.

Nella progettazione grafica, “l’essenza è dare ordine alle informazioni, forma alle idee, espressione e sentimento agli artefatti che documentano l’esperienza umana”.

La definizione della professione di grafico è relativamente recente per quanto riguarda la preparazione, l’attività e gli obiettivi.

Sebbene non vi sia consenso su una data esatta in cui è emerso il design grafico, alcuni lo fanno risalire alperiodo tra le due guerre.

Altri ritengono che abbia cominciato a essere identificato come tale verso la fine del XIX secolo.

Si può sostenere che le comunicazioni grafiche con scopi specifici abbiano origine nelle pitture rupestridel Paleolitico e nella nascita della lingua scritta nel terzo millennio a.C.

Tuttavia, le differenze nei metodi di lavoro, nelle scienze ausiliarie e nella formazione richiesta sono tali che non è possibile identificare chiaramente il grafico attuale con l’uomo preistorico, con lo xilografo del XV secolo o con il litografo del 1890.

La diversità di opinioni deriva dal fatto che alcuni considerano qualsiasi manifestazione grafica come un prodotto del design grafico,

mentre altri riconoscono solo quelli che nascono come risultato dell’applicazione di un modello di produzione industriale, manifestazioni visive che sono state “progettate” per soddisfare diverse esigenze: produttivo, simbolico, ergonomico, contestuale, tra gli altri.

Tuttavia, l’evoluzione del design grafico come pratica e professione è stata strettamente legata alle innovazioni tecnologiche, ai bisogni sociali e all’immaginazione visiva dei professionisti.

Il design grafico è stato praticato in varie forme nel corso della storia; infatti, buoni esempi di design grafico risalgono ai manoscritti dell’anticaCina,Egitto eGrecia.

Con lo sviluppo della stampa e della produzione di libri nel XV secolo, i progressi nella progettazione grafica continuarono nei secoli successivi, con compositori o tipografi che spesso progettavano pagine secondo il tipo stabilito.

Continua a legge in wiki it

Continua a leggere in wiki en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto