Golfo della USS Vella (CG-72) – Wikipedia

[ad_1]

USS Golfo di Vella (CG-72) è un Ticonderoga-classe incrociatore missilistico guidato in servizio attivo con il Marina degli Stati Uniti. È la seconda nave che prende il nome dalla Battaglia del Golfo di Vellaun impegno navale nel campagna di Salomone di seconda guerra mondialeil primo essere USS Golfo di Vella (CVE-111)un vettore di scorta commissionato nel 1945. La chiglia della nave era stabilito il 22 aprile 1991 a Pascagoula, Mississippidi Ingalli cantieri navaliquindi una divisione di Litton Industries. Lei era lanciato il 13 giugno 1992, sponsorizzato da Mary A. McCauley, moglie del vice ammiraglio William F. McCauley (Ritiro), e commissionato il 18 settembre 1993 a Stazione navale Norfolk.[1]

Progettata come una nave multi-missione, Golfo di Vella è in grado di effettuare operazioni di combattimento sostenute in ambienti di guerra anti-aerea, anti-sottomarino, anti-superficie e d’attacco. È impiegata a supporto di gruppi da battaglia di portaerei, gruppi di assalto anfibio, difesa dai missili balistici, nonché in missioni di interdizione e scorta. Le sue diverse capacità di combattimento sono orchestrate dal Sistema di combattimento Aegisun rilevamento elettronico completamente integrato, innesto e controllo del fuoco sistema. Aegis abilita Golfo di Vella per rilevare, valutare e ingaggiare un nemico con grande potenza di fuoco e precisione.

Storia della nave[edit]

anni ’90[edit]

Golfo di Vella completato con successo prove in mare nel mese di febbraio 1998. Nei mesi di maggio e giugno ha compiuto un bimestre BALTOPS Crociera, partecipando alla 26a esercitazione marittima annuale Operazioni baltiche statunitensi (BALTOPS) ’98 in Occidente mare Baltico dall’8 al 19 giugno 1998. Durante l’esercitazione, il comandante, Gruppo di vettori otto, comandava l’esercizio dalla nave. Ha poi completato un rifornimento in corsosuo LAMPADE elicotteri spostati a bordo, ha completato con successo comando e controllo esercizio (C2X) e aveva effettuato uno scalo in porto a San Giovanni, Isole Vergini americane. Al termine di C2X, Golfo di Vella continue attività di pre-distribuzione.

Nel gennaio 1999, dopo aver vinto la sua quinta vittoria consecutivaBattaglia “E”,” la nave ha iniziato le operazioni di addestramento mentre ospitava il corso di una settimana di addestramento del comandante della difesa aerea della Force. Golfo di Vellas completamento con successo, nel febbraio 1999, di Esercizio della task force congiunta (JTFEX) ’99 ha segnato la fine di un lavoro di dieci mesi. La nave si diresse verso il dispiegamento mare Adriatico il 26 marzo 1999. Dopo un transito di sei giorni, Golfo di Vella ha preso la sua posizione nel mare Adriatico e ha partecipato a tutto, da Tomahawk Strike Ops a Fast-track Logistics Ops come parte di Operazione Nobile Incudine. A maggio e giugno, Golfo di Vella ha continuato a partecipare a supporto delle operazioni di combattimento, ha licenziato Tomahawk, ha assunto incarichi di comandante della guerra (ADC, ASUWC, ASWC e coordinatore dell’area di lancio) e ha condotto numerosi eventi di rifornimento in mare e rifornimento di negozi fino al rilassamento della posizione delle armi e alla cessazione delle ostilità. Golfo di Vella ha iniziato il mese di agosto impegnato in esercitazioni multi-nave, dove ha partecipato a DIVTACS, LeapFrogs, esercitazioni Tomahawk, esercitazioni sottomarini, operazioni di volo e esercitazioni di artiglieria. Il 22 settembre 1999 è tornata a casa, poi a novembre è salpata per Yorktown, Virginia per uno scarico completo delle armi.

anni 2000[edit]

Veduta aerea a poppa Golfo di Vella durante una virata ad alta velocità, esercizio di evasione dei siluri, 7 dicembre 2008

Come parte di USS George Washington Gruppo di battaglia della portaerei (CVBG), e in risposta al attacco terroristico di 11 settembre 2001, la nave salpò a sostegno della difesa e degli sforzi umanitari al largo delle coste di New York. Una settimana dopo, si è schierata come parte del USS Theodore Roosevelt Carrier Battle Group, nel Mediterraneo e nell’Asia meridionale a sostegno di Operazione Libertà duratura. Il Theodore Roosevelt Carrier Battle Group ha transitato il canale di Suez il 13 ottobre ed è arrivato nel Mar Arabico il 15 ottobre, prima di tornare a casa nell’aprile 2002.

Nel marzo 2003 è stata assegnata a Carrier Strike Gruppo Otto.[2]

Il 5 gennaio 2007, Golfo di Vella partì per una crociera di sei mesi come parte del Batan Gruppo di sciopero di spedizione (BATESG). Ha condotto operazioni nel Golfo Persicosettentrionale Mar Arabico con i francesi portaerei Charles de Gaulle (a sostegno dell’Operazione Enduring Freedom), Golfo di Oman e golfo di Aden. Ha partecipato ad esercitazioni multinazionali, tra cui AMAN ’07,[3] ospitato dal Pakistan. Golfo di Vella visitato AgadirMarocco e Gaetal’Italia come scalo della libertà, e due volte visitata Manama, Bahrein. È tornata da lei porto di partenza in Norfolk, Virginia il 3 luglio 2007.

Operazioni antipirateria[edit]

MV Faina come osservato da Golfo di Vella

Golfo di Vella è stata identificata come una delle navi della Marina degli Stati Uniti circostanti MV Fainaun ucraino-posseduto, Belizeregistrato nave che trasporta 33 T-72 carri armati, giochi di ruolo e altre munizioni, dopo che è stata sequestrata dai pirati Somalia il 25 settembre 2008.[4] Alla fine la nave non fu riconquistata e fu pagato un riscatto.[citation needed]

L’11 febbraio 2009 Golfo di Vella ha risposto a una richiesta di soccorso dalla petroliera Polare nel Golfo di Aden. Polare riferì che i pirati in una singola barca stavano tentando di salire a bordo della petroliera con delle scale, però Polares equipaggio è stato in grado di contrastare i loro sforzi. All’arrivo in zona, Golfo di Vella intercettò uno skiff con sette uomini a bordo. L’equipaggio a bordo Polare li ha identificati come gli aggressori e sono stati portati a bordo Golfo di Vellatrasferito alla nave di rifornimento USNS Lewis e Clark per l’elaborazione e inviato in Kenya per il processo.[5]

Sette uomini in una piccola motoscafo con le mani alzate.

Sospetti pirati che si arrendono Golfo di Vella

Il giorno successivo, 12 febbraio, Golfo di Vella ha risposto a una richiesta di soccorso dal mercantile indiano Premdivya che ha riferito che era stata inseguita da pirati che avevano sparato contro la nave. Golfo di Vella ha inviato un elicottero sul posto che ha sparato colpi di avvertimento e ha inseguito lo skiff dei pirati. Golfo di Vella ha lanciato una festa d’imbarco in due RIB (gommoni) e catturò nove pirati, che furono nuovamente trasferiti a Lewis e Clark per l’elaborazione.[6]

anni 2010[edit]

Nel 2012 mentre Golfo di Vella era in mare, un sottufficiale ha aggredito sessualmente una marinaio, dicendole che aveva intenzione di ucciderla e di sbarazzarsi del suo corpo in mare. Successivamente è stato condannato all’ergastolo.[7][8]

Nel dicembre 2015 la nave è stata assegnata a Carrier Strike Group Dodici.[9] Il 23 aprile 2017, Golfo di Vella lasciato per un dispiegamento di otto mesi per supportare le operazioni di sicurezza marittima nel Golfo Persico.” A luglio si è unita Gruppo di sciopero della portaerei 11 per tre mesi, conducendo attacchi aerei contro ISIL obiettivi dentro Iraq e Siria. È tornata il 15 dicembre.[10]

anni 2020[edit]

Nel 2020, un piano di bilancio della Marina degli Stati Uniti proponeva di mettere Golfo di Vella, insieme a lei Ticonderoga-navi gemelle di classe Monterey, Shilohe Porto realesulla via della disattivazione anticipata, poiché non erano stati modernizzati.[11]

Nel dicembre 2020 il rapporto della Marina degli Stati Uniti al Congresso sul piano annuale a lungo raggio per la costruzione di navi navali affermava che la nave doveva essere messa fuori servizio in riserva nel 2022.[12]

Riferimenti[edit]

link esterno[edit]

Questo articolo include le informazioni raccolte da Registro delle navi navaliche, come pubblicazione del governo degli Stati Uniti, è in dominio pubblico.


[ad_2]
Source link

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: