Fumetto: cos’è, per esprimere idee con immagini

Il fumetto è unmezzo utilizzato per esprimere idee con immagini, spesso combinate con testo o altre informazioni visive.

La vetrina di un negozio di fumetti nella città di Bruxelles
La vetrina di un negozio di fumetti nella città di Bruxelles

Solitamente assume la forma di una sequenza dipannelli di immagini.

Dispositivi testuali comefumetti,didascalie eonomatopee possono indicare dialoghi, narrazioni, effetti sonori o altre informazioni.

Non c’è consenso tra teorici e storici su una definizione di fumetto; alcuni enfatizzano la combinazione di immagini e testo, alcune sequenzialità o altre relazioni tra immagini e altri aspetti storici come la riproduzione di massa o l’uso di personaggi ricorrenti.

La vignetta e altre forme diillustrazione sono i mezzi più comuni per creare immagini nei fumetti;I fumetti fotografici sono una forma che utilizza immagini fotografiche.

Le forme comuni includonofumetti, fumettieditoriali ebavaglio efumetti . Dalla fine del XX secolo, volumi rilegati comeromanzo grafico,album di fumetti etankōbon sono diventati sempre più comuni, insieme aiwebcomics e ai fumetti scientifici/medici.

Lastoria del fumetto ha seguito percorsi diversi nelle diverse culture. Gli studiosi hanno ipotizzato una preistoria fin dalle pitture rupestridi Lascaux.

Entro la metà del XX secolo, i fumetti fiorirono, in particolare negliStati Uniti, nell’Europa occidentale (soprattuttoFrancia e Belgio ) e inGiappone.

La storia delfumetto europeo viene spesso fatta risalire alle vignette diRodolphe Töpffer degli anni ’30 dell’Ottocento, mentre anche Guglielmo Busch e i suoiMax e Moritz ebbero un impatto globale a partire dal 1865,e divennero popolare dopo il successo negli anni ’30 di strisce e libri comeLe avventure di Tintin.

I fumetti americani sono emersi comemezzo di comunicazione di massa all’inizio del XX secolo con l’avvento dei fumetti sui giornali;i fumetti in stile rivista seguirono negli anni ’30, in cui il generedei supereroi divenne prominente dopo l’ apparizionenel Superuomo nel 1938.

Le storie dei fumetti e dei cartoni animati giapponesi (manga) propongono origini già nel XII secolo, i fumetti giapponesi sono generalmente tenuti separati dall’evoluzione dei fumetti euroamericani e dell’arte comica occidentale probabilmente ebbero origine nell’Italia del XVII,

i fumetti giapponesi moderni emersero all’inizio del XX secolo e la produzione di riviste e libri di fumetti si espanse rapidamente nell’era successiva alla seconda guerra mondiale (1945-1945). ) con la popolarità di fumettisti comeOsamu Tezuka.

I fumetti hanno avuto una reputazionemodesta per gran parte della loro storia, ma verso la fine del 20° secolo hanno cominciato a trovare una maggiore accettazione da parte del pubblico e degli accademici.

Il termine inglesecomics è usato comesostantivo singolare quando si riferisce al mezzo stesso (ad esempio ”I fumetti sono una forma di arte visiva.”), ma diventa plurale quando si riferisce a opere collettive (ad esempio ”I fumetti sono materiale di lettura popolare.”).

Origini e tradizioni

Le tradizioni del fumetto europeo, americano e giapponese hanno seguito percorsi diversi.

Gli europei hanno visto la loro tradizione iniziare con lo svizzeroRodolphe Topffer già nel 1827 e gli americani hanno visto l’origine della loro nellastriscia di giornale del 1890 diRichard F. OutcaultIl capretto giallo,

sebbene molti americani siano arrivati ​​a riconoscere la tradizione di Töpffer. precedenza.Guglielmo Busch ha influenzato direttamenteRudolph Dirk e i suoiKatzenjammer Kids.

Il Giappone ha una lunga storia di vignette e fumetti satirici che hanno portato al periodo della Seconda Guerra Mondiale.

L’artistaukiyo-eHokusai rese popolare il termine giapponese per fumetti e cartoni animati,manga , all’inizio del XIX secolo.Negli anni ’30Harry “A” Chesler fondò uno studio di fumetti,

che alla fine al suo apice impiegò 40 artisti che lavoravano per 50 diversi editori che contribuirono a far fiorire il mezzo dei fumetti nell ‘”età d’oro dei fumetti” dopo la seconda guerra mondiale.

Nel dopoguerra i fumetti giapponesi moderni iniziarono a fiorire quandoOsamu Tezuka produsse un prolifico corpus di lavori.

Verso la fine del XX secolo, queste tre tradizioni confluirono in una tendenza verso i fumetti lunghi quanto un libro: l’fumetto in Europa, iltankōbon in Giappone e laromanzo grafico nei paesi di lingua inglese.

Al di fuori di queste genealogie, i teorici e gli storici dei fumetti hanno visto precedenti per i fumetti nellepitture rupestri di Lascaux in Francia (alcune delle quali sembrano essere sequenze cronologiche di immagini),

nei geroglifici egiziani , nellaColonna Traiana a Roma,nell’XI secolo L’arazzo normannoda Bayeux del secolo scorso,del bois Protat del 1370,l’Ars moriendi ei libri in blocco del XV secolo,

il Giudizio universale nella Cappella Sistina di Michelangelo,e le incisioni sequenziali diWilliam Hogarth del XVIII secolo, fra gli altri.

Continua a leggere su wiki it

Continua a leggere su wiki en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto