Ferrovia del Tennessee, dell’Alabama e della Georgia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

IL Ferrovia del Tennessee, Alabama e Georgia è stato creato attraverso una riorganizzazione del Ferrovia meridionale di Chattanooga nel 1911. Pochi anni dopo, nel 1922, il nome della linea fu cambiato in Ferrovia del Tennessee, dell’Alabama e della Georgia (marchio di segnalazione ETICHETTA) ed era conosciuto anche come Itinerario TAG. Il TAG è scappato Chattanooga, Tennesseeattraverso il nord-ovest Georgiae in Gadsden, Alabama. Il percorso è iniziato al Milepost 1 ad Alton Park (Chattanooga) e ha continuato a sud-ovest fino al capolinea meridionale a Gadsden, a circa 91,7 miglia (147,6 km) di distanza. Nel 1952 la ferrovia ritirò la sua ultima locomotiva a vapore.(1)

Pilastri del ponte Yellow Creek sopra Lago Weiss

Durante gli anni ’60 la ferrovia era di proprietà di Mose e Garrison Siskin, proprietari della Siskin Steel Company a Chattanooga. Hanno usato la ferrovia per spostare i prodotti siderurgici tra Siskin Steel e Republic Steel a Gadsden. Ciò rese la TAG l’unica ferrovia a corto raggio redditizia negli Stati Uniti in quel periodo. Il TAG è stato acquistato dal Ferrovia del Sud nel 1971. Le 23 miglia (37 km) più settentrionali terminano a Kensington, Georgia erano gestiti da Ferrovia Chattooga e Chickamauga fino alla chiusura dello stabilimento Dow Chemical di Kensington nel settembre 2009. Norfolk meridionale ha iniziato a smantellare sezioni del segmento nel marzo 2010.

Pilastri del ponte ferroviario TAG abbandonato a Yellow Creek Falls, Highway 273, a est di Leesburg, Alabama

Quasi tutti i resti della linea a sud di Kensington Point sono scomparsi, ad eccezione del Pigeon Mountain Tunnel appena a sud di Kensington e dei pilastri dello Yellow Creek Bridge vicino Leesburg, AlabamaSU Lago Weiss. Il ponte d’acciaio che attraversava Yellow Creek ora si trova nella precedente posizione del terminal Gadsden. L’azienda esiste ancora come filiale di Norfolk Southern.(2)

Tunnel ferroviario TAG a Pigeon Mountain

Riferimenti(modificare)

link esterno(modificare)




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto