Esperimento UA1 – Wikipedia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Esperimento di fisica delle particelle al CERN

La sezione centrale dell’esperimento UA1 in mostra al Museo del microcosmo A CERN
Interno della sezione centrale dell’esperimento UA1 in mostra al Museo del microcosmo A CERN

IL Esperimento UA1 (un’abbreviazione di Zona sotterranea 1) era un fisica delle alte energie esperimento che si è svolto CERN‘S Collisore protone-antiprotone (SpPS), una modifica del monoraggio Sincrotrone superprotonico (SPS). I dati sono stati registrati tra il 1981 e il 1990. La scoperta congiunta dei Bosoni W e Z da questo esperimento e dal Esperimento UA2 nel 1983 portò al premio Nobel per fisica essere assegnato a Carlo Rubbia E Simon van der Meer nel 1984. Pietro Kalmus E John Dowellprovenienti dai gruppi britannici che lavoravano al progetto, hanno ricevuto congiuntamente il premio 1988 Medaglia e premio Rutherford dall’Istituto di Fisica per il loro ruolo eccezionale nella scoperta delle particelle W e Z.

È stato definito il primo esperimento in una “Underground Area” (UA) del CERN, cioè situato sottoterra, al di fuori dei due siti principali del CERN, in un punto di interazione dell’acceleratore SPS, che era stato modificato per funzionare come un collisore. Il rilevatore centrale UA1 è stato fondamentale per comprendere la complessa topologia delle collisioni protone-antiprotone. Ha svolto un ruolo importantissimo nell’identificare una manciata di particelle W e Z tra miliardi di collisioni.(1)

Sezione del rilevatore UA1 a Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci di Milano

Dopo la scoperta dei bosoni W e Z, la collaborazione UA1 è passata alla ricerca del quark superiore. I fisici avevano previsto la sua esistenza dal 1977, quando il suo partner, il quark inferiore – fu scoperto. Si sentiva che la scoperta del quark top era imminente. Nel giugno 1984, Carlo Rubbia all’esperimento UA1 espresso al New York Times quella prova del quark top “sembra davvero buona”.(2) Nei mesi successivi divenne chiaro che UA1 aveva trascurato un’importante fonte di background.(3) Il quark top fu infine scoperto nel 1994-1995 dai fisici del Fermilab con una massa vicina a 175 GeV.

L’UA1 era un rilevatore enorme e complesso per l’epoca. È stato progettato come rilevatore per uso generale.(4)

Il rilevatore era un gruppo cilindrico a 6 camere lungo 5,8 m e con un diametro di 2,3 m, il più grande camera di deriva dei suoi giorni. Ha registrato le tracce delle particelle cariche che curvavano in un intervallo di 0,7 Tesla campo magnetico, misurandone la quantità di moto, il segno della carica elettrica e la velocità di perdita di energia (dE/dx). Atomi nel Argonetano la miscela di gas che riempiva le camere veniva ionizzata dal passaggio di particelle cariche. Gli elettroni rilasciati andavano alla deriva lungo un campo elettrico formato da fili di campo e venivano raccolti su fili di rilevamento. La disposizione geometrica dei 17.000 fili di campo e dei 6.125 fili di rilevamento ha consentito di produrre una spettacolare visualizzazione interattiva in 3-D degli eventi fisici ricostruiti.(5)

Il rilevatore UA1 è stato concepito e progettato nel 1978/9, con la proposta presentata a metà del 1978.(6)

Dalla fine del funzionamento, il magnete utilizzato nell’esperimento UA1 è stato utilizzato per altri esperimenti di fisica delle alte energie, in particolare il NOMADE E T2K esperimenti sui neutrini.

Guarda anche(modificare)

Riferimenti(modificare)

Ulteriori letture(modificare)

link esterno(modificare)

Registro dell’esperimento CERN-UA-01 SU ISPIRARE-HEP




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto