Schema del duodeno umano con le parti principali etichettate

Duodeno: cos’è, sezione dell’intestino…

Il duodeno è la prima sezione dell’intestino tenue nella maggior parte dei vertebrati superiori, inclusi mammiferi, rettili e uccelli

Nel pesce, le divisioni dell’intestino tenue non sono così chiare e al posto di duodeno possono essere usati termini come intestino prossimale anteriore o intestinole. 

Nei mammiferi il duodeno può essere il sito principale per l’assorbimento del ferro. Il duodeno precede il digiuno e l’ ileo ed è la parte più corta dell’intestino tenue.

Immagine del tratto gastrointestinale, con il duodeno evidenziato.
Immagine del tratto gastrointestinale, con il duodeno evidenziato.
Schema del duodeno umano con le parti principali etichettate
Schema del duodeno umano con le parti principali etichettate

Nell’uomo, il duodeno è un tubo articolato cavo lungo circa 25–38 cm (10–15 pollici) che collega lo stomaco alla parte centrale dell’tenue Inizia con il bulbo duodenale e termina con il muscolo sospensivo del duodeno Il duodeno può essere diviso in quattro parti: la prima (superiore), la seconda (discendente), la terza (orizzontale) e la quarta (ascendente).

Struttura

Il duodeno è una struttura a forma di C di 25–38 cm (10-15 pollici) che giace adiacente allo stomaco . È diviso anatomicamente in quattro sezioni. La prima parte del duodeno si trova all’interno del peritoneo , ma le altre parti sono retroperitoneali .

Parti

La prima parte , o parte superiore , del duodeno è una continuazione dal piloro al piano transpilorico. È superiore al resto dei segmenti, a livello vertebrale di L1 . Il bulbo duodenale , lungo circa 2 cm (0,79 pollici), è la prima parte del duodeno ed è leggermente dilatato. Il bulbo duodenale è un residuo del mesoduodeno, un mesentere che sospende l’organo dalla parete addominale posteriore durante la vita fetale. La prima parte del duodeno è mobile e collegata al fegato dal legamento epatoduodenale dell’omentominore . La prima parte del duodeno termina all’angolo, la flessione duodenale superiore .

Relazioni:

  • Anteriore
    • Cistifellea
    • Lobo quadrato del fegato
  • Posteriore
    • Dotto biliare
    • Arteria gastroduodenale
    • Vena porta
    • Vena cava inferiore
    • Testa del pancreas
  • Superiore
    • Collo della cistifellea
    • Legamento epatoduodenale ( omento minore )
  • Inferiore
    • Collo del pancreas
    • Omento maggiore
    • Testa del pancreas

La seconda parte , o parte discendente , del duodeno inizia alla flessione duodenale superiore. Va al di sotto del margine inferiore del corpo vertebrale L3, prima di compiere una brusca virata medialmentenella flessione duodenale inferiore , l’estremità della parte discendente.

Il dotto pancreatico e il dotto biliare comune entrano nel duodeno discendente, attraverso la papilla duodenale maggiore . La seconda parte del duodeno contiene anche la papilla duodenale minore, l’ingresso per il dotto pancreatico accessorio . La giunzione tra l’intestino anteriore e quello medio embriologico si trova appena sotto la papilla duodenale maggiore.

La terza parte , o parte orizzontale o parte inferiore del duodeno è lunga 10~12 cm. Inizia alla flessura duodenale inferiore e passa trasversalmente a sinistra, passando davanti alla vena cava inferiore , all’aorta addominale e alla colonna vertebrale . L’ arteria e la vena mesenterica superiore sono anteriori alla terza parte del duodeno. Questa parte può essere compressa tra l’aorta e la SMA causando la sindrome dell’arteria mesenterica superiore .

La quarta parte , o parte ascendente , del duodeno passa verso l’alto, unendosi al digiuno alla flessione duodeno-digiunale. La quarta parte del duodeno è a livello vertebrale L3, e può passare direttamente sopra, o leggermente a sinistra, dell’aorta .

Porto di sangue

Il duodeno riceve sangue arterioso da due diverse fonti. La transizione tra queste fonti è importante in quanto delimita l’intestino anteriore dall’intestino medio. Prossimamente alla 2a parte del duodeno (approssimativamente alla papilla duodenale maggiore – dove entra il dotto biliare) l’apporto arterioso proviene dall’arteria gastroduodenale e dal suo ramo l’ arteria pancreaticoduodenale superiore . Distalmente a questo punto (l’intestino medio) l’apporto arterioso proviene dall’arteria mesenterica superiore (SMA) e il suo ramo l’ arteria pancreaticoduodenale inferiore fornisce la 3a e 4a sezione. Il pancreas duodenale superioreed inferiorele arterie (rispettivamente dell’arteria gastroduodenale e della SMA) formano un’ansa anastomotica tra iltronco celiaco e la SMA; quindi c’è il potenziale per la circolazione collaterale qui.

Il drenaggio venoso del duodeno segue le arterie. Infine, queste vene drenano nel sistema portale , direttamente attraverso la vena splenica superiore e verso la vena porta.

Drenaggio linfatico

I vasi linfatici seguono le arterie in modo retrogrado. I vasi linfatici anteriori drenano nei linfonodi pancreatoduodenali situazioni lungo le arterie pancreatoduodenali superiori e inferiori e quindi nei linfonodi pilorici (lungo l’arteria gastroduodenale) . I vasi linfatici posteriori passano posteriormente alla testa del pancreas e drenano nei linfonodi mesenterici superiori. I vasi linfatici efferenti dai linfonodi duodenali alla fine passano nei linfonodi celiac.

Microanatomia

Al microscopio , il duodeno presenta una mucosa villosa . Questo è distinto dalla mucosa del piloro , che si unisce direttamente al duodeno. Come altre strutture del tratto gastrointestinale , il duodeno ha una mucosa , una sottomucosa , una muscolare esterna e un’avventizia . Le ghiandole rivestono il duodeno, note come camere di Brunner , che secernono muco e bicarbonato per neutralizzare gli acidi dello stomaco.Queste sono ghiandole disdette che non si trovano nell’ileo o nel digiuno, le altre parti dell’intestino tenue.

Variazione

Espressione genica e proteica

Circa 20.000 geni codificanti proteine ​​sono espressi nelle cellule umane e il 70% di questi geni sono espressi nel duodeno normale. Circa 300 di questi geni sono espressi in modo più specifico nel duodeno con pochissimi geni espressi solo nel duodeno. Le proteine ​​specifiche sono espresse nella mucosa duodenale e molte di queste sono espresse anche nell’intestino tenue, come ANPEP , un enzima digestivo, ACE , un enzima coinvolto nel controllo della pressione sanguigna , e RBP2 , una proteina coinvolta nell’assorbimento di assorbimento vitamina A.

funzione

Il duodeno è in gran parte responsabile della scomposizione del cibo nell’intestino tenue, utilizzando gli enzimi . Il duodeno regola anche la velocità di svuotamento dello stomaco attraverso le vie ormonali. La secretina e la colecistochinina vengono rilasciate dalle cellule dell’epitelio duodenale in risposta a stimoli acidi e grassi presenti quando il piloro si apre ed emette il chimo gastrico nel duodeno per un’ulteriore digestione. Questi inducono il fegato e la cistifellea a rilasciare la bile e il pancreas a rilasciare bicarbonato ed enzimi digestivi cometripsina , lipasi e amilasi nel duodeno quando sono necessari.

I villi del duodeno hanno un aspetto a foglia, che è una struttura istologicamente identificabile. Le ghiandole di Brunner , che secernono muco , si trovano solo nel duodeno. La parete del duodeno è costituita da uno strato molto sottile di cellule che formano la muscolaris mucosae .

Significato clinico

Ulcerazione

Le ulcere del duodeno si trovano a causa dell’infezione del batterio Helicobacter pylori . Questi batteri, attraverso una serie di meccanismi, erodono la mucosa protettiva del duodeno, predisponendolo al danno degli acidi gastrici. La prima parte del duodeno è la sede più comune delle ulcere poiché è dove il chimo acido incontra la mucosa duodenale prima di mescolarsi con le secrezioni alcaline del duodeno. Le ulcere duodenali possono causare dolore addominale ricorrente e dispepsia e spesso studiate utilizzando un test del respiro dell’urea per verificare la presenza di batteri e un’endoscopia per confermare l’ulcerazione ed eseguire una biopsia. Se gestiti, questi vengono spesso gestiti dagli antibiotici che mirano a sradicare i batteri e PPI e antiacidi per ridurre l’acidità gastrica.

Celiachia

Le linee guida della British Society of Gastroenterology (BSG) specificano che è necessaria una biopsia duodenale per la diagnosi della celiachia dell’adulto . La biopsia viene idealmente eseguita in un momento in cui il paziente è una dieta contenente glutine.

Cancro

Il cancro duodenale è un cancro nella prima sezione dell’intestino tenue. Il cancro del duodeno è relativo raro rispetto al cancro allo stomaco e al cancro del colon-retto; I tumori maligni del duodeno costituiscono lo solo 0,3% circa di tutti i tumori del tratto gastrointestinale ma circa la metà dei tessuti cancerosi intestinali che si muovono nell’ tenue. La sua istologia è spesso osservata come adenocarcinoma, il che significa che il tessuto canceroso deriva dalle cellule ghiandolari nel tessuto epiteliale che riveste il duodeno.

Infiammazione

L’infiammazione del duodeno è indicata come duodenite . Ci sono più cause conosciute.

Storia

Il nome duodeno deriva dal latino medievale , abbreviazione di intestīnum duodēnum digitōrum , che può essere tradotto: intestino di dodici dita (in lunghezza), dal latino duodēnum, genitivo pl. di duodēnī, ciascuno, da duodecim, dodici. Si pensa che la frase latina intestīnum duodēnum digitōrum sia una traduzione in prestito dalla parola greca dodekadaktylon (δωδεκαδάκτυλον), letteralmente “lungo dodici dita”. La sezione intestinale era così chiamata dal medico greco Erofilo (335–280 aC circa) per la sua lunghezza, circa uguale alla larghezza di 12 dita.

Molte lingue conservano un’etimologia similitudine per questa parola. Ad esempio, il tedesco Zwölfingerdarm , l’olandese Twaalfvingerige darm ,

Organi accessori

La funzione digestiva primaria del fegato è quella di generare la bile. La cistifellea immagazzina la bile prodotta dal fegato. Viaggia nel duodeno. Il pancreas produce enzimi che scompongono proteine, grassi e carboidrati. Il pancreas produce anche bicarbonato che neutralizza l’acido dallo stomaco.

Altri animali

Il duodeno è la prima sezione dell’intestino tenue nella maggior parte dei vertebrati superiori , inclusi mammiferi , rettili e uccelli . Nel pesce , le divisioni dell’intestino tenue non sono così chiare e al posto di duodeno possono essere usati termini i intestino prossimale anteriore o intestinole. Nei mammiferi il duodeno può essere il sito principale per l’assorbimento del ferro.

Immagini aggiuntive

Vedi anche

  • Pancreas
  • Coledocoduodenostomia – una procedura chirurgica per creare una connessione tra il dotto biliare comune (CBD) e una porzione alternativa del duodeno.

Tutto sull’argomento:

Sistema digerente: cos’è, tutto sull’argomento..

Tratto da Wikipedia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Duodeno

https://en.wikipedia.org/wiki/Duodenum

https://fr.wikipedia.org/wiki/Duod%C3%A9num

https://de.wikipedia.org/wiki/Zw%C3%B6lffingerdarm

https://ca.wikipedia.org/wiki/Duod%C3%A8

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: