Dito del piede: cos’è, plantigradi

Le dita dei piedi sono le dita (dita) del piede di un tetrapodeLe specie animali come i gatti che camminano in punta di piedi sono descritte come digitigradiGli esseri umani e altri animali che camminano sulla pianta dei piedi sono descritti come plantigradi ; gli animali unguligradi sono quelli che camminano sugli zoccoli sulla punta dei piedi.

Toes.png

Dita del piede sinistro umano . Il dito più interno (a sinistra nell’immagine), normalmente chiamato alluce, è l’alluce.
Ospied-it.svg

Ossa del piede (le ossa delle dita sono quelle in verde, blu e arancione)

Struttura

Ossa del piede destro . Superficie plantare .

Dita umane

Le dita dei piedi di una donna decorate con smalto e henné , e indossa un metti ( anello ) sul secondo dito, per il suo matrimonio

Normalmente ci sono cinque dita presenti su ogni piede umano. Ogni dito è costituito da tre falangi , prossimale, medio e distale , ad eccezione dell’alluce ( latino : hallux ). Per una minoranza di persone, anche al mignolo manca un osso medio. L’alluce contiene solo due ossa della falange, prossimale e distale. Le articolazioni tra ciascuna falange sono le articolazioni interfalangee . L’osso prossimale della falange di ciascun dito si articola con l’ osso metatarsale del piede in corrispondenza dell’articolazione metatarso-falangea . Ogni dito è circondato dalla pelle e su tutte e cinque le dita è presente un’unghia .

Le dita dei piedi sono, da mediale a laterale :

  • il primo dito, detto anche alluce (“alluce”, “alluce”, “dito del pollice”), il dito più interno;
  • il secondo dito, (“indice del piede”, “punta del piede”),
  • il terzo dito, (“mezzo dito”);
  • il quarto dito, (“anteriore”); e (quarto dito)
  • il quinto dito, (“baby toe”, “mignolo”, “mignolo”, “mignolo”), il dito più esterno.

Muscoli

Il movimento delle dita dei piedi è generalmente flessione ed estensione (movimento verso la pianta o la parte posteriore del piede, rispettivamente) tramite tendini muscolari che si attaccano alle dita dei piedi sulle superfici anteriore e superiore delle ossa della falange.

Con l’eccezione dell’alluce, il movimento delle dita del piede è generalmente governato dall’azione dei muscoli flessore breve delle dita ed estensore breve delle dita . Questi si attaccano ai lati delle ossa, rendendo impossibile muovere le singole dita dei piedi in modo indipendente. Anche i muscoli tra le dita dei piedi sulla parte superiore e inferiore aiutano ad abdurre e addurre le dita dei piedi. L’alluce e il mignolo hanno muscoli unici:

  • L’alluce è principalmente flesso dal muscolo flessore lungo dell’alluce , situato nella parte posteriore profonda della parte inferiore della gamba, attraverso il tendine del flessore lungo dell’alluce . Un ulteriore controllo della flessione è fornito dal flessore breve dell’alluce. È esteso dal muscolo abduttore dell’alluce e dal muscolo adduttore dell’alluce.
  • Il mignolo ha una serie separata di muscoli di controllo e attacchi tendinei, il flessore e l’ abduttore del digiti minimi. Numerosi altri muscoli del piede contribuiscono al controllo motorio fine del piede. I tendini connettivi tra le dita minori spiegano l’incapacità di azionare le singole dita.

Riserva di sangue

Le dita dei piedi ricevono sangue dai rami digitali delle arterie metatarsali plantari e drenano il sangue nell’arco venoso dorsale del piede.

Rifornimento nervoso

La sensazione alla pelle delle dita dei piedi è fornita da cinque nervi. Il nervo fibulare superficiale fornisce sensazioni alla parte superiore delle dita dei piedi, tranne tra l’alluce e il secondo dito, che è fornito dal nervo fibulare profondo , e la superficie esterna del quinto dito, fornita dal nervo surale . La sensibilità alla parte inferiore delle dita dei piedi è fornita dal nervo plantare mediale , che fornisce la sensazione all’alluce e alle tre dita e mezzo interne, e dal nervo plantare laterale , che fornisce la sensazione al mignolo e alla metà del sensazione del quarto dito.

Negli esseri umani , l’alluce è solitamente più lungo del secondo dito, ma in alcuni individui potrebbe non essere il dito più lungo. Esiste un tratto ereditario negli esseri umani, in cui il gene dominante provoca un secondo dito più lungo (” dito di Morton ” o “piede greco”) mentre il genotipo omozigote recessivo si presenta con il tratto più comune: un alluce più lungo. Le persone con la rara malattia genetica fibrodisplasia ossificante progressiva hanno tipicamente un alluce corto che sembra girare verso l’interno, o medialmente, rispetto al piede.

Variazione

Gli esseri umani di solito hanno cinque dita su ciascun piede. Quando sono presenti più di cinque dita, si parla di polidattilia. Altre varianti possono includere sindattilia o aracnodattilia. La forma dell’avampiede, inclusa la forma delle dita, mostra variazioni significative tra le persone; queste differenze possono essere misurate e sono state statisticamente correlate con l’ etniaTali deviazioni possono influire sul comfort e sulla vestibilità per vari tipi di scarpe. La ricerca condotta per l’esercito degli Stati Uniti ha indicato che i piedi più grandi possono ancora avere archi, lunghezza e larghezza delle dita dei piedi più piccoli.

Funzione

Il piede umano è costituito da più ossa e tessuti molli che sostengono il peso dell’essere umano in posizione eretta. Nello specifico, le dita dei piedi assistono l’essere umano mentre cammina, fornendo equilibrio, carico e spinta durante l’andatura.

Significato clinico

Una distorsione o stiramento alle piccole articolazioni interfalangee del dito del piede è comunemente chiamato dito tozzo . Una distorsione o stiramento in cui la punta si unisce al piede è chiamata punta del tappeto erboso.

L’uso a lungo termine di scarpe di dimensioni improprie può causare il disallineamento delle dita dei piedi, nonché altri problemi ortopedici.

Il neuroma di Morton provoca comunemente dolore e intorpidimento tra il terzo e il quarto dito del malato, a causa del fatto che colpisce il nervo tra il terzo e il quarto osso metatarsale.

L’alluce è anche il luogo più comune di unghie incarnite e la sua articolazione prossimale della falange è il luogo più comune per gli attacchi di gotta.

Deformità

Le deformità del piede includono dito a martello , dito a scatto e dito ad artiglio. Il dito a martello può essere descritto come una contrazione anormale o “instabilità” di un dito del piede. Questo viene fatto da una lussazione parziale o completa di una delle articolazioni, che formano le dita dei piedi. Poiché le dita dei piedi sono ulteriormente deformate, queste possono premere contro una scarpa e causare dolore. Le deformità del piede possono anche essere causate dall’artrite reumatoide e dal diabete mellito . Le deformità possono predisporre a ulcere e dolore, specialmente quando si indossano le scarpe.

Un problema comune che coinvolge l’alluce è la formazione di borsiti . Queste sono deformità strutturali delle ossa e dell’articolazione tra il piede e l’alluce e possono essere dolorose. Una deformità simile che coinvolge il quinto dito del piede è descritta come borsite del sarto o bunionette.

Duplicazione sul lato destro del mignolo destro in un maschio di 8,5 mesi, con due dita (quinto e sesto) che apparentemente formano articolazioni con il quinto osso metatarsale, che è leggermente allargato distalmente. Le dita duplicate hanno una crescita quasi normale. Il quinto dito ha una lieve angolazione in varo e il sesto ha una notevole angolazione in valgo .

Nella polidattilia (che può interessare anche le dita delle mani ) sono presenti una o più dita in più.

Nella ricostruzione

Un’opzione favorevole per la ricostruzione di dita adiacenti mancanti/amputazioni di più dita, ad esempio una ricostruzione metacarpale della mano, è il trapianto combinato del secondo e del terzo dito. Anche il trapianto del terzo e del quarto dito della mano per sostituire le dita perdute è un’opzione praticabile.

Storia

Etimologia

Ta

Il termine inglese antico per punta è  (plurale tān ). Questa è una contrazione di tāhe , e deriva dal proto-germanico * taihwǭ (affini: antico norvegese  , antico frisone tāne , medio olandese tee , olandese adolescente (forse originariamente un plurale), antico alto tedesco zēha , tedesco Zehe ). Forse originariamente significava anche “dita” (molte lingue indoeuropee usano un vocabolo per indicare sia le dita delle mani che quelle dei piedi, eg “cifra”), e quindi dalla radice PIE * deyḱ- — “mostrare”.

Alluce

I piedi del David di Michelangelo

Nel latino classico hallex , allex , hallus allus , con genitivo (h)allicis e (h)alli , sono usati per riferirsi all’alluce. La forma hallux (genitivo, hallucis ) attualmente in uso è comunque una parola mista delle suddette forme. [12] [15] Confronta pollex , il termine equivalente per il pollice .

Evoluzione

Haeckel traccia lo schema standard a cinque dita dei vertebrati dalle pinne dei pesci attraverso gli antenati anfibi.

Altri animali

Negli uccelli con piedi anisodattili o eterodattili , l’alluce è opposto o diretto all’indietro e consente di afferrare e appollaiarsi.

Mentre il pollice è spesso menzionato come una delle caratteristiche distintive negli esseri umani, questa cifra manuale rimane parzialmente primitiva ed è effettivamente presente in tutti i primati. Negli esseri umani, la caratteristica digitale più derivata è l’alluce.


https://en.wikipedia.org/wiki/Toe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *