Dispositivo per la respirazione dell’equipaggio di elicottero – Wikipedia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Piccolo dispositivo subacqueo per la fuga da elicotteri ammarati

IL Dispositivo di respirazione per l’equipaggio di elicottero O HABD (noto anche come dispositivo di uscita di emergenza per elicottero ATTENZIONE O MARE(necessari chiarimenti) (1)) è un equipaggiamento di sopravvivenza adottato dai militari per aumentare le possibilità di sopravvivenza delle truppe imbarcate e dell’equipaggio intrappolato in un aereo che è caduto in un ammaraggio (si è schiantato in uno specchio d’acqua). È una forma di autorespiratore subacqueo autonomo (scuba) che consiste in una piccola bombola pressurizzata con aria atmosferica e un primo stadio regolatore indossato in una custodia dell’utente giubbotto salvagente; UN manometro; un tubo dell’aria e un regolatore della domanda di secondo stadio che fornisce aria alla bocca dell’utente quando la pressione interna del boccaglio diminuisce durante l’inalazione ed è costruito in modo robusto per sopravvivere agli impatti associati agli ammaramenti di emergenza.

Storia e design(modificare)

Poiché una bombola subacquea a grandezza naturale sarebbe proibitivamente ingombrante e pesante, soprattutto per le truppe già cariche di equipaggiamento da combattimento completo, l’HABD deve essere piccolo e quindi di capacità limitata. Fornisce circa due minuti di aria in superficie. Questa diminuisce rapidamente con la profondità e con l’aumento della frequenza respiratoria che accompagna lo stress. Nonostante questa capacità limitata, la quantità di aria che forniscono ha aiutato la sopravvivenza.

Gli ammaramenti degli elicotteri di solito avvengono con poco preavviso, spesso mentre il pilota sta tentando l’atterraggio di una nave o un’altra manovra a bassa quota. Poiché sono pesanti nella parte superiore, gli elicotteri abbandonati di solito si capovolgono dopo aver toccato l’acqua. Gli occupanti saranno soggetti a movimenti violenti e a un getto d’acqua in entrata, che farà sì che gli equipaggiamenti non fissati travolgano l’abitacolo e possa far perdere i sensi agli occupanti. Carburante per jet E fluido idraulico potrebbero penetrare nell’abitacolo e provocare cecità agli occhi aperti e danni ai polmoni se inalati. Gli occupanti di un elicottero abbandonato saranno capovolti, disorientati, spesso al buio e affonderanno. L’immersione in acqua fredda evoca a risposta “sussulto”. negli esseri umani, che può ridurre la capacità di trattenere il respiro fino a 15 secondi. L’HABD, utilizzato correttamente, fornisce al personale uno strumento per scongiurare il panico e concedere più tempo per fuggire.(citazione necessaria)

Il dispositivo è stato sviluppato da Larry Williamson, un subacqueo, alla fine degli anni ’70.(2) Subito dopo l’introduzione nel mercato subacqueo, altre industrie iniziarono a indagare se potevano utilizzare anche l’apparato ‘Spare Air’ nelle loro situazioni. È stato modificato e venduto ai militari nel 1984 con il nome di Dispositivo di uscita di emergenza per elicotteri (HEED) per fornire ulteriore tempo per aiutare il personale dell’elicottero a fuggire da un elicottero sommerso in caso di ammaraggio. Ora è utilizzato dalla maggior parte delle organizzazioni militari e governative negli Stati Uniti e nella maggior parte dei paesi sviluppati del mondo.(citazione necessaria) Diverse dozzine di vite sono state salvate e molte più persone hanno ridotto gli infortuni dovuti all’uso di questo prodotto.(citazione necessaria) La Marina(necessari chiarimenti) ha adottato il prodotto anche per proteggere il personale dall’inalazione di fumi in caso di incendio nella sala macchine.(citazione necessaria)

Specifiche tecniche(modificare)

Capacità del cilindro 1,5cf/42,5 litri di aria libera(3)
Materiale Alluminio(3)
Lunghezza del cilindro 10,5″/26,67 cm(3)
Pressione nominale 3.000 psi/206 bar(3)
Peso 3 libbre/1,36 kg
Durata della fornitura d’aria Circa 12-15 respiri a 33 piedi/10 m presupponendo un volume respiratorio di 1,5 litri.(3)

Riferimenti(modificare)




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto