Da’Tara – Wikipedia


Cavallo da corsa purosangue di razza americana

Da’Tara (nato il 26 aprile 2005) è un americano purosangue cavallo da corsa chi ha vinto il 2008 Belmont Stakes in uno stato sconvolto Grande Marrone. Da’ Tara era un perdente per 38-1 che entrava in carica a Belmont.(1) È addestrato da Nick Zitoè il suo fantino Alan Garciae suo padre lo è Tiznow.

Stagione di due anni(modificare)

Nella sua prima gara, un evento inaugurale di 7 furlong sulla pista principale di Belmont Park, Da’ Tara ha perso di una lunghezza contro il suo compagno di stalla, Anak Nakal, finendo secondo e battendo di naso il cavallo del terzo posto. Alan Garciache ha guidato Da’ Tara alla vittoria al Belmont Stakes del 2008, era anche il fantino quel giorno.

Il puledro non è riuscito a battere la sua prima gara quando aveva due anni, finendo quarto in una gara inaugurale di Calder a dicembre.

Stagione di tre anni(modificare)

Nel gennaio 2008, Da’ Tara ha guidato fino a vincere una gara inaugurale di nove furti a Gulfstream. Poco dopo è stato iscritto a una gara di indennità ed è arrivato terzo, battuto di più di quattro lunghezze dopo aver duellato al comando. Già con sede a Parco Gulfstreamallenatore Nick Zito ha deciso di iscrivere Da’Tara al Grado 1 Derby della Florida. Le altre voci includevano quella di Zito Fontana della Giovinezza vincitore Cool Coal Man, campione sudamericano TomcitoE Grande Marrone, che aveva vinto entrambe le sue due precedenti partenze. Da’ Tara è arrivato nono, a 23 lunghezze e mezzo dal vincitore, Big Brown.

Da’ Tara corse dentro Processo derby, finendo quinto. Nel Puntate Barbaroa 8,5 stadi, finì secondo dietro all’Imperatore Romano.

Nella partita del 7 giugno 2008, Belmont Stakes, Da’ Tara, il tiratore più lungo in campo con una quota di 38-1, passò rapidamente al comando sotto Alan Garcia e ha condotto filo a filo, vincendo di 5,25 lunghezze su Dennis di Cork, con Anak Nakal e Ready’s Echo in testa al terzo posto con altre tre lunghezze in arretrato. Big Brown, precedentemente imbattuto e favorito, si è fermato in gara nel tentativo di vincere la Triple Crown.(2) Da’ Tara ($79) ha corso 1 miglio e mezzo nel tempo relativamente lento di 2:29.65 su una pista sterrata classificata veloce (con frazioni di quarto di miglio di 23,82 secondi, 48,30, 1:12,90, 1:37,96 e 2 :03.21).(3)(4)(5)

Vincendo il Belmont Stakes nel 2008, Da’ Tara è diventato il primo cavallo da allora Amberoide nel 1966 per aver vinto una tappa della Triple Crown e non appartenere alla linea paterna dei Darley Arabo. (Lui è del Godolphin arabo linea paterna).

Da’ Tara non ha vinto un’altra gara dopo il Belmont Stakes.(6) È stato venduto nel novembre 2010 alla vendita di azioni Keeneland a Lexington per $ 180.000 a Foye Genetics.(7) Nel marzo 2011 è stato rimesso ad allenarsi in Florida,(8) ma non ha mai iniziato una gara. Alla fine del 2011, Da’ Tara è stato venduto al Los Aguacates Stud, dove inizialmente si trovava a Ocala, in Florida, ed è stato trasferito a Carabobo, Venezuelanel dicembre 2011.(9)

  1. ^ “Big Brown ha negato la Triple Crown; Da’ Tara vince Belmont Stakes”. La Rete Sportiva. 2008-06-07. Archiviato da l’originale il 25-05-2011. Estratto 2008-06-07.
  2. ^ “Tripla Corona Mania: Da’Tara”. Bloodhorse.com. Archiviato da l’originale il 08-06-2008. Estratto 2008-06-07.
  3. ^ “www.ntra.com/video, Belmont S. – 7 giugno 2008”. Archiviato da l’originale l’11 giugno 2008. Estratto giugno 8, 2008.
  4. ^ “ntra.com, Big Brown ultimo in un finale mozzafiato”. Archiviato da l’originale il 2008-06-11. Estratto 2008-06-08.
  5. ^ www.nytimes.com, Big Brown Tires mentre la siccità a tripla corona continua
  6. ^ “Da’Tara”. Equibase. Estratto 28 aprile 2012.
  7. ^ Biles, Deirdre B. (16 novembre 2010). “Il vincitore del Belmont Da’ Tara vende per $ 180.000”. Cavallo di sangue. Estratto 28 aprile 2012.
  8. ^ Biles, Deirdre B. (2 marzo 2011). “Vincitore Belmont Da’ Tara in allenamento leggero”. Cavallo di sangue. Estratto 28 aprile 2012.
  9. ^ Personale. “DA´TARA È GIÀ IN VENEZUELA”. Los Aguacates. Archiviato da l’originale il 10 settembre 2012. Estratto 28 aprile 2012.




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto