Da’a’im al-Islam – Wikipedia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Libro di giurisprudenza ismailita di al-Qadi al-Nu’man

Da’a’im al-Islam (Arabo: دعائم الإسلام illuminato. I pilastri dell’Islam) è un Ismaili Islam sciita musulmano libro di giurisprudenza.

Il libro è stato scritto da Al-Qadi al-Nu’man. Ha servito come di quattro imam (dall’11° Imam ismailita Abdullah al-Mahdi Billah al 14° Imam Al-Aziz Billah i primi quattro Califfi fatimidi dell’Egitto). Il libro sottolinea quale importanza Islam ha dato alle buone maniere e all’etichetta insieme Ibadahil culto di Dio, citando i riferimenti dei primi quattro Fatimide imam e precedenti Sciita imam, Muhammad al-Baqir E Jafar-as-Sadiq.

Successivi imam fatimidi e califfi e i dai ismailiti hanno fatto affidamento su Da’a’im-ul-Islam’. Il sedicesimo imam fatimide — Califfo Al-Hakim bi-Amr Allah (996–1021) – ordinò al suo da’i, Harun bin Mohammed, di entrare Yemenprendere decisioni alla luce di Da’a’im al-Islam soltanto.

Riferimenti(modificare)

Fonti(modificare)

  • Daftary, Farhad (1990). Gli Isma’ili: la loro storia e dottrine. Stampa dell’Università di Cambridge.
  • Stewart, Devin (2015). Al-Qadi al-Numan: Disaccordi del giurista. New York e Londra: New York University Press. ISBN 9780814763926.




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto