Cronocentrismo: cos’è, presupposto che determinati periodi di tempo 

Il cronocentrismo è il presupposto che determinati periodi di tempo (tipicamente il presente ) siano migliori, più importanti o un quadro di riferimento più significativo rispetto ad altri periodi di tempo, passati o futuri. La percezione di attributi più positivi come la moralità , la tecnologia e la raffinatezza del proprio tempo potrebbe portare un individuo come membro di una collettività a imporre le proprie forme di tempo agli altri e ostacolare gli sforzi verso beni temporali comuni più omogenei.

Storia

Il cronocentrismo (dal greco chrono- che significa “tempo”) è stato coniato dal sociologo Jib Fowles in un articolo sulla rivista Futures nel febbraio 1974. Fowles ha descritto il cronocentrismo come “la convinzione che i propri tempi siano fondamentali, che altri periodi impallidiscano al confronto”. “. Un punto di vista critico lo descriveva come la identificazione che solo il presente conta e che il passato è irrilevante se non per servire come riferimento ad alcuni presupposti di base su ciò che è accaduto prima. Più recentemente, è stato definito come “l ‘egoismo che la propria generazione è in bilico proprio sulla cuspide della storia”.dell’invecchiamento nel posto di lavoro. Cronocentrismo: “… vedere solo il valore della propria coorte di età… ha descritto la tendenza dei manager più giovani a avere percezioni negative delle capacità o di altre competenze lavorative dei dipendenti più anziani”. Questo tipo di discriminazione è una forma di ageismo .

Etnocentrismo

Il cronocentrismo come etnocentrismo è la percezione e il giudizio dei valori storici di una cultura in termini di standard del proprio periodo di tempo.

Anticronocentrismo

La Long Now Foundation è un’organizzazione che incoraggia l’uso di anni a 5 cifre, ad esempio “02016” invece di “2016”, per aiutare a sottolineare quanto sia antico il tempo presente nella loro visione della linea temporale dell’umanità. L’uso di anni a due cifre prima del 2000 era un esempio di cronocentrismo (nei primi anni dell’informatica, si riteneva che gli anni 2000 e 1899 fossero troppo lontani nel futuro o nel passato, e quindi di minore importanza rispetto alla possibilità di salvare due cifre nell’informatizzazione e nella digitazione degli anni).

Applicazioni

Il “principio del tempo copernicano” è un analogo temporale del principio copernicano per lo spazio, il quale afferma che nessuna posizione spaziale è più o meno speciale di un quadro di riferimento rispetto a qualsiasi altra posizione spaziale (cioè, che il nostro universo fisico non ha centro) . Alcuni autori hanno esteso questo per includere anche che nessun punto nel tempo è più o meno speciale di qualsiasi altro punto nel tempo (ad esempio, nelle teorie obsolete dello stato stazionario ), sebbene ciò non possa essere applicato universalmente (ad esempio, la singolarità del Big Bang è un momento speciale che può essere logicamente utilizzato come quadro di riferimento per datare eventi successivi).

Il cronocentrismo è anche considerato una norma nella musica fino al ventesimo secolo, quando i musicisti credono che la loro musica abbia preservato uno stile di interpretazione che ha formato una catena ininterrotta di autorità e ortodossia. Ad esempio, i musicisti romantici hanno deliberatamente cambiato lo stile durante l’esecuzione del repertorio precedente.


https://en.wikipedia.org/wiki/Chronocentrism

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *