Conservazione anatomica, cosa è: procedimento che…

La Conservazione anatomica.


Plastinazione

La plastinazione è un procedimento che permette la conservazione del corpo umano tramite la sostituzione dei liquidi con polimeri di silicone. Questa tecnica rende i reperti organici rigidi e inodori, mantenendo inalterati i colori. La plastinazione è stata inventata e brevettata dall’anatomopatologo tedesco Gunther von Hagens.

Corpo plastinato esposto.
Corpo plastinato esposto.

Bodies: The Exhibition

Bodies… The Exhibition è una mostra di dissezioni di corpi umani plastinati. Fu presentata per la prima volta a Tampa, in Florida, il 20 agosto 2005 ed è poi stata presentata in molte altre città. È simile alla mostra Body Worlds, che aprì nel 1995.

Imbalsamazione

L’imbalsamazione è un insieme di tecniche volte a preservare un cadavere o un corpo di un animale dalla decomposizione.

Metodo tranchiniano

Il metodo tranchiniano è una tecnica imbalsamatoria inventata dal medico Giuseppe Tranchina nei primi decenni dell’Ottocento.

Mummia di palude

Una mummia di palude è un resto umano conservato dentro una torbiera, con esempi rinvenuti in Nord Europa, Gran Bretagna e Irlanda. A differenza della maggior parte degli antichi resti umani, gli organismi che vivono nelle paludi hanno contribuito alla preservazione della pelle e gli organi interni a causa delle insolite condizioni di conservazione.

L'Uomo di Grauballe.
L’Uomo di Grauballe.

Tanatoprassi

La tanatoprassi è l’insieme delle cure rivolte e del «trattamento estetico delle salme prima delle esequie». La parola deriva dal greco thanatos ‘morte’ e praxis ‘pratica’. Il professionista che svolge i trattamenti di tanatoprassi è definito tanatoprattore.

Tassidermia

La tassidermia, o impagliatura, è la tecnica di preparazione e conservazione delle pelli degli animali per la visualizzazione, come per la messa a punto dei cosiddetti “trofei di caccia” o per l’esposizione nei musei di scienze naturali a scopi educativi. La tecnica consiste nel trattamento delle pelli con sostanze conservative e nella successiva imbottitura delle medesime che consenta di dare agli animali così trattati l’aspetto di quelli vivi.

Tassidermista in Sudafrica.
Tassidermista in Sudafrica.

Tecniche di conservazione antropotomiche

Le tecniche di conservazione antropotomiche sono delle metodologie adottate per la conservazione nel tempo di tessuti e organi umani per fini accademici di studio anatomico.


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: