Colon

Colon: cos’è, intestino crasso.

Il colon, noto anche come intestino crasso, è l’ultima parte del tratto gastrointestinale e dell’apparato digerente nei vertebrati . L’acqua viene assorbita qui e il materiale di scarto rimanente viene immagazzinato nel retto come feci prima di essere rimosso dalla defecazione . Il colon è la porzione più lunga dell’intestino crasso ei termini sono usati spesso in modo intercambiabile, ma la maggior parte delle fonti definisce l’intestino crasso come la combinazione di cieco , colon, retto e canale anale .Alcune altre fonti escludono il canale anale.

Colon
Colon

Nell’uomo, l’crasso inizia nella regione il destraiaca del bacino , appena in corrispondenza o sotto la vita destra , dove si unisce all’estremità dell’intestino tenue al cieco, tramite la valvola ileocecale . Continua poi come il colon ascendendo l’ addome , attraverso la larghezza della cavità addominale come il colon trasverso , e poi discendendo al retto e il suo punto finale al canale anale .Complessivamente, nell’uomo, l’intestino crasso è lungo circa 1,5 metri (5 piedi), che è circa un quinto dell’intera lunghezza del tratto gastrointestinale umano.

Struttura

Illustrazione dell’intestino crasso.

Il colon dell’intestino crasso è l’ultima parte dell’apparato digerente . Ha un aspetto segmentato a causa di una serie di sacculi chiamati haustra . Estrae acqua e vendita dai rifiuti solidi prima che sia eliminato dall’organismo avviene in cui avviene la fermentazione del materiale non assorbito dal microbiota intestinale . A differenza dell’intestino tenue , il colon non svolge un ruolo importante nell’assorbimento di cibi e sostanze nutritive. Ogni giorno nel colon arrivano circa 1,5 litri o 45 once di acqua.

Il colon è la parte più lunga dell’intestino crasso e la sua lunghezza media nell’uomo adulto è di 65 pollici o 166 cm (intervallo da 80 a 313 cm) per i maschi e 61 pollici o 155 cm (intervallo da 80 a 214 cm) per femmina.

Sezioni

Diametri interni delle sezioni del colon

Nei mammiferi , l’intestino crasso è costituito dal cieco (compresa l’ appendice ), dal colon (la parte più lunga), dal retto e dal canale anale .

Le quattro sezioni del colon sono: il colon ascendente , il colon trasverso , il colon discendente e il colon sigmoideo . Queste sezioni girano alle flessioni della colica .

Le parti del colon sono intraperitoneali o dietro di esso nel retroperitoneo . Gli organi retroperitoneali, in generale, non hanno una copertura completa del peritoneo , quindi sono fissati in posizione. Gli organi intraperitoneali sono completamente circondati dal peritoneo e sono quindi mobili. Del colon, il colon ascendente, il colon discendente e il retto sono retroperitoneali, mentre il cieco, l’appendice, il colon trasverso e il colon sigmoideo sono intraperitoneali. Questo è importante in quanto colpisce sugli organi a cui è possibile accedere facilmente durante un intervento chirurgico, come una laparotomia .

In termini di diametro, il cieco è il più largo, con una media di poco inferiore a 9 cm negli individui sani e il colon trasverso ha un diametro medio inferiore a 6 cm. Il colon discendente e il sigma sono leggermente più piccoli, con il colon sigmoideo con un diametro medio di 4–5 cm (1,6–2,0 pollici). Diametri maggiori di determinate soglie per ciascuna sezione del colon possono essere diagnostici per megacolon .

File 3D generato dalla tomografia computerizzata dell’intestino crasso

Cecum e appendice

Il cieco è la prima sezione dell’intestino crasso ed è coinvolto nella digestione, mentre l’ appendice che si sviluppa embriologicamente da esso, non è coinvolta nella digestione ed è considerato parte del tessuto linfoide associato all’intestino . La funzione dell’appendice è incerta, ma alcune fonti ritengono che abbia un ruolo nell’ospitare un campione del microbiota intestinale e sia in grado di aiutare a ripopolare il colon con il microbiota se esaurito nel corso di una reazione immunitaria. È stato anche dimostrato che l’appendice ha un’alta concentrazione di cellule linfatiche.

Due punti ascendenti

Il colon ascendente è la prima delle quattro sezioni principali dell’intestinocrasso. È collegato all’intestino tenue da una sezione dell’intestino cieco. Il colon ascendente corre verso l’alto attraverso la cavità addominale verso il colon trasverso per circa otto pollici (20 cm).

Una delle funzioni principali del colon è rimuovere l’acqua e altri nutrienti chiave dal materiale di scarto e riciclarlo. Quando il materiale di scarto esce dall’intestino tenue attraverso la valvola ileocecale , si sposterà nel cieco e quindi nel colon ascendente dove inizia questo processo di estrazione. Il materiale di scarto viene pompato verso l’alto verso il colon trasverso dalla peristalsi . Il colon ascendente è talvolta applicato all’appendice tramite la valvola di Gerlach . Nei ruminanti , il colon ascendente è noto come colon a spirale . Tenendo conto di tutte le età e di tutti i sessi, il cancro del colon si verifica qui più spesso (41%).

Due punti trasversali

Il colon trasverso è la parte del colon dalla flessura epatica , nota anche come colica destra, (il giro del colon da parte del fegato ) alla flessura splenica anche come colica sinistra, (il giro del colon da parte del milza ). Il colon trasverso pende dallo stomaco , attaccato ad esso da una grande piega peritoneo chiamata omento maggiore . Sul lato posteriore, il colon trasverso è collegato alla parete addominale da un mesentere noto come mesocolon trasverso .

Il colon trasverso è racchiuso nel peritoneo , ed è quindi mobile (a differenza delle parti del colon immediatamente precedenti e successivi).

I due terzi prossimali del colon trasverso sono perfusi dall’arteria colica media , un ramo dell’arteria mesenterica superiore (SMA), l’ultimo terzo è fornito dai rami dell’arteria mesenterica inferiore (IMA). L’area “spartiacque” tra questi due rifornimenti di sangue, che rappresenta la divisione embriologica tra l’ intestino medio e l’intestino posteriore , è un’area sensibile all’ischemia .

Due punti discendenti

Il colon discendente è la parte del colon dalla flessura splenica all’inizio del colon sigmoideo. Una funzione del colon discendente nell’apparato digerente è quella di immagazzinare le feci che verranno svuotate nel retto. È retroperitoneale in due terzi degli esseri umani. Nell’altro terzo ha un mesentere (solitamente corto). L’apporto arterioso arriva attraverso l’ arteria colica sinistra . Il colon discendente è anche chiamato intestino distale , poiché è più lungo del tratto gastrointestinale rispetto all’intestino prossimale. La flora intestinale è molto densa in questa regione.

Colon sigmoideo

Il colon sigmoideo è la parte dell’intestino crasso dopo il colon discendente e prima del retto. Il nome sigmoide significa a forma di S (vedi sigmoide ; cfr. seno sigmoideo ). Le pareti del colon sigmoideo sono muscolari e si contraggono per aumentare la pressione all’interno del colon, facendo sì che le feci si muovano nel retto.

Il colon sigmoideo è rifornito di sangue da diversi rami (di solito tra 2 e 6) delle arterie sigmoidee , un ramo dell’IMA. L’IMA termina come l’ arteria rettale superiore .

La sigmoidoscopia è una tecnica diagnostica comune utilizzata per esaminare il colon sigmoideo.

Retto

Il retto è l’ultima sezione dell’intestino crasso. Tiene le feci formate in attesa di eliminazione tramite defecazione. È lungo circa 12 cm.

Aspetto

Il cieco : la prima parte dell’intestino crasso

  • Taeniae coli : tre fasce di muscolatura liscia
  • Haustra : rigonfiamenti causa dalla contrazione di taeniae coli
  • Appendici epiploiche : piccoli accumuli di grasso sui visceri

La tenia coli corre lungo l’intestino crasso. Poiché la tenia coli è più corta dell’intestino crasso stesso, il colon diventa sacculato , formando gli austra del colon che sono le proiezioni intraluminali a forma di mensola.

Porto di sangue

L’apporto arterioso al colon proviene dai rami dell’arteria mesenterica superiore (SMA) e dell’arteria mesenterica inferiore (IMA). Il flusso tra questi due sistemi comunica attraverso l’ arteria marginale del colon che corre parallela al colon per tutta la sua lunghezza. Storicamente, si pensava che una struttura variamente identificata come l’arco di Riolan o l’arteria mesenterica serpeggiante (di Moskowitz) collegasse la SMA prossimale all’IMA prossimale. Questa struttura presente in modo sarebbe variabile importante se una delle due navi fosse occlusa.Almeno, almeno una revisione della letteratura mette in dubbio l’esistenza di questa letteratura medica, con alcuni esperti che seguono l’abolizione di questi termini dalla letteratura medica.

Il drenaggio venoso di solito rispecchia l’apporto arterioso del colon, con la vena mesenterica inferiore che drena nella vena splenica e la vena mesenterica superiore che si unisce alla vena splenica per formare la vena porta epatica che poi entra nel fegato .

Drenaggio linfatico

Il drenaggio linfatico dal colon ascendente e dai due terzili del colon trasverso è diretto ai linfonodi ileocolici e ai linfonodi mesenterici superiori , che drenano nella cisterna chili . La linfa dal terzo distale del colon trasverso , il colon discendente , il colon sigmoideo e il retto superiore drenano nei linfonodi mesenterici e colici inferiori. Il retto inferiore al canale anale sopra la linea pettinata drena ai nodi ileocolici interni. Il canale anale al di sotto della linea pettinata drena nella superficie nodi inguinali . Lalinea pettinata segna solo approssimativamente questa transizione.

Alimentazione nervosa

Rifornimento simpatico: gangli mesenterici superiori e inferiori Rifornimento parasimpatico: vago e nervi pelvici

Sviluppo

L’ectoderma, il mesoderma e l’ectoderma sono strati germinali che silazione in un processo chiamato gastrulazione. La gastrulazione si verifica all’inizio dello sviluppo umano. Il tratto gastrointestinale è derivato da questi strati.

Variazione

Una variazione sulla normale anatomia del colon si verifica quando si forma anse extra, risultando in un colon che è fino a cinque metri più lungo del normale. Questa condizione, denominata in genere due conseguenze sulla salute, anche se raramente si verifica un volvolo , che ostruzione e richiede cure mediche immediate. Una significativa conseguenza indiretta per la salute è che l’uso di un colon standard per adulti è difficile e in alcuni casi impossibile quando è presente un colon ridondante, anche varianti specializzate sullo strumento pediatrica (compresa la variante pediatrica) utili per superare questo problema.

Microanatomia

Cripta del colon

Cripte del colon ( ghiandole intestinali ) all’interno di quattro sezioni di tessuto. Le cellule sono state colorate per un colore marrone-arancio se le cellule producono la proteina mitocondrialecitocromo c ossidasi subunità I (CCOI) ei nuclei delle cellule (situati ai bordi esterni delle cellule che rivestono le pareti delle cripte) sono colorati di blu-grigio con ematossilina . I pannelli A, B sono stati tagliati lungo gli assi lunghi delle cripte ei pannelli C, D sono stati tagliati parallelamente agli assi lunghi delle cripte. Nel pannello A la barra indica 100 µm e consente una stima della frequenza delle cripte nell’epitelio del colon. Il pannello B include tre cripte in sezione trasversale, ciascuna con un segmento carente per l’espressione CCOI e almeno una cripta, sul lato destro, in fase di fissione in due cripte. Il pannello C mostra, sul lato sinistro, una cripta che si divide in due cripte.Il pannello D mostra piccoli gruppi tipici di due e tre cripte carenti di CCOI (la barra mostra 50 µm). Le immagini sono state ricavate da microfotografie originali, ma anche i pannelli A, B e D sono stati inclusi in un articolo e le illustrazioni sono state pubblicate con licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial che ne consente il riutilizzo.

La parete dell’intestino crasso è rivestita da un semplice epitelio colonnare con invaginazioni . Le invaginazioni sono chiamate ghiandole intestinali o cripte del colon.

Le cripte del colon hanno la forma di microscopiche provette a pareti spesse con un foro centrale lungo la lunghezza del tubo (il lume della cripta). Qui sono mostrate quattro sezioni di tessuto, due tagliate lungo gli assi lunghi delle cripte e due tagliate parallelamente agli assi lunghi. In queste immagini le cellule sono state colorate via immunoistochimica per mostrare un colore marrone-arancio se le cellule producono una proteina mitocondrialesubunità I della citocromo c ossidasi (CCOI). I nuclei delle cellule (situati ai bordi esterni delle cellule che rivestono le pareti delle cripte) sono colorati di blu-grigio con ematossilina . Come si vede nei pannelli C e D, le cripte sono lunghe da circa 75 a circa 110 celle. Baker et al. scoperto che la circonferenza media della cripta è di 23 celle. Pertanto, dalle immagini mostrate qui, ci sono una media di circa 1.725-2.530 cellule per cripta del colon. Nooteboom et al. la misurazione del numero di cellule in un piccolo numero di cripte ha riportato un intervallo da 1.500 a 4.900 cellule per cripta del colon.Le cellule vengono prodotte alla base della cripta e migrano verso l’alto lungo l’asse della cripta prima di essere versate nel lume del colon giorni dopo. Ci sono da 5 a 6 cellule staminali alla base delle cripte.

Come stimato dall’immagine nel pannello A, ci sono circa 100 cripte del colon per millimetro quadrato di epitelio del colon. Poiché la lunghezza media del colon umano è di 160,5 cm e la circonferenza interna media del colon è di 6,2 cm, l’area epiteliale della superficie interna del colon umano ha un’area media di circa 995 cm 2 , che comprende 9.950.000 (quasi 10 milioni) di cripte.

Nelle quattro sezioni di tessuto mostrate qui, molte delle cellule intestinali hanno cellule con una mutazione del DNA mitocondriale nel geneCCOI e il colore per lo più bianche, con il loro colore principale che è la colorazione blu-grigia dei nuclei. Come si vede nel pannello B, una porzione delle cellule staminali di tre cripte sembra avere una mutazione in CCOI , in modo che dal 40% al 50% delle cellule derivanti da quelle cellule staminali formino un segmento bianco nell’area del taglio trasversale.

Complessivamente, la percentuale di cripte carenti di CCOI è inferiore all’1% prima dei 40 anni, ma aumenta linearmente con l’età. Le cripte del colon carenti di CCOI nelle donne indossano, in media, il 18% nelle e il 23% negli uomini tra gli 80 e gli 84 anni di età.

Le cripte del colon possono riprodursi per fissione, come si vede nel pannello C, dove una cripta si sta fissione per formare due cripte, e nel pannello B dove almeno una cripta sembra essere in fissione. La maggior parte delle cripte carenti di CCOI si trovano in gruppi di cripte (cloni di cripte) con due o più cripte carenti di CCOI adiacenti l’una all’altra (vedi pannello D).

Mucosa

Circa 150 delle molte migliaia di geni codificanti proteine ​​​​espressi nell’intestino crasso, alcuni sono specifici della membrana mucosa in diverse regioni e includono CEACAM7 .

funzione

Sezione istologica.

L’intestino crasso assorbe l’acqua e tutti i nutrienti rimanenti assorbibili dal cibo prima di inviare la materia indigeribile al retto. Il colon assorbe le vitamine create dai batteri del colon, come la tiamina , la riboflavina e la vitamina K (particolarmente importante in quanto l’ingestione quotidiana di vitamina K non è normale per mantenere un’adeguata coagulazione del sangue ). Compatta anche le feci e immagazzina la materia fecale nel retto fino a quando non può essere scaricata attraverso l’ ano durante la defecazione . L’intestino crasso secerne anche K+ e Cl-.La secrezione di cloruro aumenta nella fibrosi cistica. Il riciclaggio di vari nutrienti avviene nel colon. Gli esempi includono la fermentazione dei carboidrati, gli acidi grassi a catena corta e il ciclo dell’urea.

L’ appendice contiene una piccola quantità di tessuto linfoide associato alla mucosa che conferisce all’appendice un ruolo indeterminato nell’immunità. Tuttavia, l’appendice è nota per essere importante nella vita fetale in quanto contiene cellule endocrine che rilasciano ammine biogene e ormoni peptidici importanti per l’omeostasi durante la crescita e lo sviluppo precoci.

Quando il chimo ha raggiunto questo tubo, la maggior parte dei nutrienti e il 90% dell’acqua sono stati assorbiti dal corpo. A questo punto alcuni elettroliti come sodio , magnesio e cloruro vengono lasciati così come parti indigeribili del cibo ingerito (p. es., gran parte dell’amilosio ingerito , amido che è stato protetto dalla digestione fino ad ora e fibra alimentare , che è in gran parte uncarboidrato indigeribile in forma solubile o insolubile). Mentre il chimo si muove attraverso l’intestino crasso , mentre il chimo viene mescolato con il muco e batteri ( noti come flora intestinale ) e diventano feci. Il colon ascendente riceve materiale fecale come liquido. I muscoli del colon spostano quindi il materiale di acquoso in avanti e assorbono lentamente tutta l’acqua in eccesso, solidificare gradualmente le feci si mentre spostano nel colon discendente .

I batteri scompongono parte della fibra per il proprio nutrimento e creano acetato , propionato e butirrato come prodotti di scarto, che a loro volta vengono utilizzati dal rivestimento del colon per il nutrimento. Nessuna proteina è disponibile. Negli esseri umani, forse il 10% dei carboidrati non digeriti diventa così disponibile, sebbene questo possa cambiare con la dieta; in altri animali, comprese altre scimmie e primati, che hanno colon proporzionalmente più grandi, ne viene fornito così una porzione maggiore di materiale nella dieta vegetale. L’intestino crasso non produce enzimidigestivi : digestione chimica si completa nell’intestino tenue prima che il chimo raggiunga l’intestino crasso. Il pH nel colon varia tra 5,5 e 7 (da leggermente acido a neutro).

Osmosi a gradiente permanente

L’assorbimento d’acqua a livello del colon procede’ contro un gradiente di pressione osmotica transmucosa . L’ osmosi del gradiente stazionario è il riassorbimento dell’acqua contro il gradiente osmotico nell’intestino. Le cellule che agiscono il rivestimento intestinale pompano ioni sodio nello spazio intercellulare, l’osmolarità del fluido intercellulare. Questo fluido ipertonico crea una pressione osmotica che spinge l’acqua negli spazi intercellulari laterali per osmosi attraverso giunzioni strette e cellule adiacenti, che poi a sua volta si sposta attraverso la membrana basale e nei capillari, mentre più ioni sodio vengono pompati di nuovo nel fluido intercellulare. Mentre l’acqua viaggi lungo un gradiente osmotico in ogni singolo passaggio, nel complesso, l’acqua di solito viaggia contro il gradiente osmotico a causa del pompaggio di ioni sodio nel fluido intercellulare. Ciò consente all’intestino crasso di assorbire acqua nonostante il sangue nei capillari sia ipotonico rispetto al fluido all’interno del lume intestinale.

Flora intestinale

L’intestino crasso ospita oltre 700 specie di batteri che svolgono una varietà di funzioni, oltre a funghi , protozoi e archaea . La diversità delle specie varia in base alla geografia e alla dieta. I microbi nell’intestino distale umano sono spesso vicini a 100 trilioni e possono pesare circa 200 grammi (0,44 libbre). Questa massa di microbi per lo più simbiotici è stata recentemente definita l’ultimo organo umano ad essere “scoperto” o in altre parole, “l’organo dimenticato”.

L’intestino crasso Assumi alcuni dei prodotti formati dai batteri cheno abita questa regione. I polisaccaridi non digeriti (fibra) vengono metabolizzati in acidi grassi a catena corta dai batteri nell’intestino crasso e assorbiti per diffusione passiva . Il bicarbonato che l’intestino crasso secerne aiuta a neutralizzare l’aumento di acidità derivante dalla formazione di questi acidi grassi.

Questi batteri producono anche grandi quantità di vitamine , in particolare vitamina K e biotina (una vitamina B ), per l’assorbimento nel sangue. per questa fonte di vitamine, in generale, fornisca solo una piccola parte del fabbisogno giornaliero, fornisce un contributo significativo quando l’assunzione di vitamine nella dieta è bassa. Un individuo che dipende dall’assorbimento delle vitamine forgiate dai batteri nell’intestino crasso può diventare carente di vitamine se trattato con antibiotici che inibiscono le specie di batteri di vitamine ei batteri patogeni previsti.

Altri prodotti batterie contenenti il ​​gas ( flatus ), che è una miscela di azoto e anidride carbonica , con piccole quantità di gas idrogeno , metano e idrogeno solforato . La fermentazione batterica dei polisaccaridi non digeriti li producono. Parte dell’odore fecale è dovuta agli indoli , metabolizzati dall’aminoacido triptofano. La normale flora è anche essenziale nello sviluppo di alcuni tessuti, compresi il cieco e i linfatici .

Sono anche coinvolti nella produzione di cross-reattivi. Si tratta di prodotti dal sistema immunitario contro la flora normale, efficace anche contro i correlati, prevenendo così patogeni o invasioni.

I due phyla più diffusi del colon sono Bacillota e Bacteroidota . Il rapporto tra i due sembra molto variabile come riportato dallo Human Microbiome Project. ​​I batterioidi sono implicati nell’inizio della colite e del cancro del colon . Anche i bifidobatteri sono abbondanti e sono spesso descritti come “batteri amici”.

Uno strato di muco protegge l’intestino crasso dagli attacchi dei batteri commensali del colon.

Significato clinico

Malattia

Di seguito sono elencate le malattie o disturbi più comuni del colon:

  • Angiodisplasia del colon
  • Appendicite
  • Dolore funzionale addominale cronico
  • Colite
  • Cancro colorettale
  • Polipo colorettale
  • Stipsi
  • Morbo di Crohn
  • Diarrea
  • Diverticolite
  • Diverticolosi
  • Malattia di Hirschsprung (aganglionosi)
  • Ileo
  • Intussuscezione
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Colite pseudomembranosa
  • Colite ulcerosa e megacolon tossico

Colonscopia

Immagine colonscopia, flessura splenica , mucosa
normale . Si può vedere la milza attraverso di essa: la parte nera

La colonscopia è l’esame endoscopico dell’intestino crasso e della parte distaledell’intestino tenue con una telecamera CCD o una telecamera una fibra ottica su un tubo flessibile fatto passare attraverso l’ ano . Può fornire una diagnosi visiva (ad es. ulcerazione , polipi ) e offre l’opportunità di biopsia o rimozione di un sospetto cancro del colon-retto lesioni. La colonscopia può rimuovere polipi fino a un millimetro o meno. Una volta rimosso i polipi, possono essere studiati con l’aiuto di un microscopio per se sono precancerosi o meno. Ci vogliono 15 anni o meno perché un polipo diventi canceroso.

La colonscopia è simile alla sigmoidoscopia , la differenza è correlata a quali parti del colon ciascuna può esaminare. Una colonscopia consenti un esame dell’intero colon (1200–1500 mm di lunghezza). Una sigmoidoscopia consente un esame della porzione distale (circa 600 mm) del colon, che può essere sufficiente perché i benefici della colonscopia per la sopravvivenza al cancro sono stati limitati all’individuazione di lesioni nella porzione distale del colon.

Una sigmoidoscopia viene spesso utilizzata come procedura di screening per una colonscopia completa, spesso eseguita insieme a un test basato sulle feci come un test del sangue occulto nelle feci (FOBT), un test immunochimico fecale (FIT) o un test del DNA delle feci multi -bersaglio ( Cologuard) o test del sangue, test di metilazione del DNA SEPT9 (Epi proColon). Circa il 5% di questi pazienti sottoposti a screening viene sottoposto a colonscopia.

La colonscopia virtuale , che utilizza immagini 2D e 3D ricostruite da scansioni di tomografia computerizzata (TC) o da scansioni di risonanza magnetica nucleare (MR), è anche possibile, come test medico totalmente non invasivo , anche se non sia standard e sia ancora oggetto di indagine per quanto riguarda sue capacità diagnostiche. Inoltre, la colonscopia virtuale non consente manovre terapeutiche come la rimozione di polipi/tumore o biopsia né la visualizzazione di lesione inferiori a 5 millimetri. Se viene rilevata una crescita o un polipo mediante colongrafia TC, sarebbe comunque necessario eseguire una colonscopia standard. Inoltre, i chirurghi hanno recentemente utilizzato il terminepouchoscopia per riferirsi a una colonscopia della tasca ileo-anale .

Altri animali

L’intestino crasso è veramente distinto solo nei tetrapodi , nei quali è quasi sempre separato dall’intestino tenue da una valvola ileocecale . Nella maggior parte dei vertebrati, tuttavia, è una struttura relativa corta che corre direttamente all’ano, sebbene notevolmente più larga dell’intestino tenue. per il cieco sia presente nella maggior parte degli amnioti , solo nei mammiferi il resto dell’intestino crasso si sviluppa in un vero colon.

In alcuni piccoli mammiferi il colon è diritto, come in altri tetrapodi, ma, nella maggior parte delle specie di mammiferi, è diviso in componenti ascendenti e discendenti; un colon trasverso distinto è scritto presente solo nei primati . Tuttavia, il taeniae coli e l’haustra che lo accompagna non si trovano né nei carnivori né nei ruminanti . Il retto dei mammiferi (diversi dai monotremi ) è derivato dalla cloaca di altri vertebrati, e quindi non è veramente omologo al “retto” che si trova in queste specie.

Nel pesce non c’è un vero intestino crasso, ma semplicemente un breve retto che collega l’estremità della parte digestiva dell’intestino alla cloaca. Negli squali , questo include una ghiandola rettale che secerne sale per aiutare l’ a mantenere l’ equilibrio osmotico con l’acqua di mare. La ghiandola si assomiglia in qualche modo a un cieco nella struttura ma non è una struttura omologa.

Immagini aggiuntive

Vedi anche

  • Intestino crasso (medicina cinese)
  • Colectomia
  • Ulcera del colon

 


Tutto sull’argomento

Sistema digerente: cos’è, tutto sull’argomento..

Tratto da Wikipedia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Colon

https://en.wikipedia.org/wiki/Large_intestine#Structure

https://fr.wikipedia.org/wiki/C%C3%B4lon

https://de.wikipedia.org/wiki/Colon

https://ca.wikipedia.org/wiki/C%C3%B2lon

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: