Cinema: cos’è, fotografia cinematografica

La cinematografia (Cinema)è l’arte della fotografia cinematografica.

Cineasti utilizzano unobiettivo per focalizzare la luce riflessa dagli oggetti in un’immaginereale che viene trasferita a unsensore di immagine o aun materiale sensibile alla luce all’interno dellacinepresa.

Charlie Chaplin e Jackie Coogan nel film Il monello, uscito nel 1921, lo stesso anno in cui il critico Ricciotto Canudo definì il cinema come "settima arte"
Charlie Chaplin e Jackie Coogan nel film Il monello, uscito nel 1921, lo stesso anno in cui il critico Ricciotto Canudo definì il cinema come “settima arte”

Questeesposizioni vengono create in sequenza e conservate per la successiva elaborazione e visualizzazione come film.

L’acquisizione di immagini con un sensore di immagine elettronico produce unacarica elettrica per ciascunpixel dell’immagine,

che vieneelaborata elettronicamente e archiviata in unarchiviare il video per la successiva elaborazione o visualizzazione.

Le immagini catturate conl’emulsione fotografica risultano in una serie dilate immagininti invisibili sulla pellicola, che vengono ”sviluppare ” chimicamente in un’immaginevisibile.

Le immagini sulla pellicola vengonoproiettato per essere visualizzate nello stesso film.

La cinematografia trova impiego in molti campi della scienza edell’economia, nonché per scopi di intrattenimento ecomunicazione di massa.

Indice dei contenuti

Storia

Precursori

Negli anni ’30 dell’Ottocento furono inventate tre diverse soluzioni per immagini in movimento basate sul concetto di tamburi e dischi rotanti:

lostroboscopio di Simon von Stampfer in Austria, ilfenachistoscopio di Joseph Plateau in Belgio e lozootropio di William Horner in Gran Bretagna.

Nel 1845Francesco Ronald inventò laprima macchina fotografica di successo in grado di effettuarele registrazioni continuano delle diverse indicazioni fornite nel tempo da strumentimeteorologici egeomagnetici.

Le fotocamere furono fornite a numerosi osservatori in tutto il mondo e alcune rimasero in uso fino al XX secolo inoltrato.

William Lincoln brevettò nel 1867 un dispositivo che mostrava immagini animate chiamato “ruota della vita” o ”zoopraxiscopio “.

In esso si guardavano attraverso una fessura disegni o fotografie in movimento.

Il 19 giugno 1878,Eadweard Muybridge fotografò con successo un cavallo chiamato ”Sallie Gardner ” in rapido movimento utilizzando una serie di 24 fotocamere stereoscopiche.

Le telecamere erano disposte lungo un binario parallelo a quello del cavallo e ciascun otturatore della telecamera era controllato da un filo attivato dagli zoccoli del cavallo.

Erano distanti 21 pollici l’uno dall’altro per coprire i 20 piedi percorsi dal passo del cavallo, scattando foto al millesimo di secondo.

Alla fine del decennio, Muybridge aveva adattato sequenze delle sue fotografie a uno zoopraxiscopio per brevi e primitivi “filmati” proiettati,

che furono sensazioni durante i suoi giri di conferenze nel 1879 o 1880.

Quattro anni dopo, nel 1882, lo scienziato franceseÉtienne-Jules Marey inventò una pistola cronofotografica, capace di scattare 12 fotogrammi consecutivi al secondo e di registrare tutti i fotogrammi della stessa immagine.

La fine del XIX e l’inizio del XX secolo hanno portato all’uso del film non solo per scopi di intrattenimento ma anche per l’esplorazione scientifica.

Il biologo e regista francese Jean Painleve fece forti pressioni per l’uso della pellicola in campo scientifico, poiché il nuovo mezzo era più efficiente nel catturare e documentare il comportamento,

il movimento e l’ambiente di microrganismi, cellule e batteri rispetto all’occhio nudo.

L’introduzione della pellicola nei campi scientifici ha consentito non solo la visione di “nuove immagini e oggetti, come cellule e oggetti naturali, ma anche la visione di essi in tempo reale”,

mentre prima dell’invenzione della immagini in movimento, scienziati e medici dovevano fare affidamento su schizzi disegnati a mano dell’anatomia umana e dei suoi microrganismi.

Ciò ha rappresentato un grande inconveniente nel mondo scientifico e medico.

Lo sviluppo della pellicola e il maggiore utilizzo delle macchine fotografiche hanno consentito a medici e scienziati di comprendere e conoscere meglio i loro progetti.

L’origine del cinema odierno si deve ai fratelli Lumiere, Auguste e Louis, che nel 1895 svilupparono una macchina chiamata Cinematographe, che aveva la capacità di catturare e mostrare immagini in movimento.

La prima era del cinema vide una rapida innovazione.

I registi scoprono e applicano nuovi metodi come il montaggio, gli effetti speciali, i primi piani, ecc. Hollywood iniziò ad emergere come la mecca

dell’industria cinematografica e molti dei famosi studi cinematografici di oggi come Warner Bros e Paramount Pictures iniziarono a governare il mondo del cinema.

Nel corso del tempo, il cinema e la cinematografia sono cambiati drasticamente.

Dai film muti dell’inizio del XX secolo, alla possibilità di aggiungere il suono ai film negli anni ’20, ai film widescreen e a colori negli anni ’50,

sono emersi enormi miglioramenti nella creatività generale e nella metodologia.

Continua a leggere su wiki it

Continua a leggere su wiki en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto