Frasi filosofiche latine

Tu quoque: cos’è, tecnica di discussione

Tu quoque (; latino Tū quoque, per “anche tu”) è una tecnica di discussione che intende screditare l’argomentazione dell’avversario attaccando il comportamento e le azioni personali dell’avversario vengono incoerenti con la loro argomentazione, accusando quindi diipocrisia. Questoragionamento speciosoè un tipo speciale diattaccoad hominem. Ildizionario inglese di Oxfordcita l’opera teatrale di John Cooke del 1614The Cittie Gallantcome il primo uso del …

Tu quoque: cos’è, tecnica di discussione Leggi altro »

Tempora mutantur: cos’è, cambiamenti provocati dal passare del tempo

Tempora mutantur è unadagio latino che si riferisce ai cambiamenti provocati dal passare del tempo. Appare anche in varieforme esamemetrichepiù lunghe , più comunemente Tempora mutantur, nos et mutamur in illis , che significa “I tempi sono cambiati; anche noi siamo cambiati con loro”. Questo esametro non si trova nel latino classico, ma è una variante delle frasi diOvidio, a cui …

Tempora mutantur: cos’è, cambiamenti provocati dal passare del tempo Leggi altro »

Tabula rasa: cos’è, senza contenuto mentale

Tabula rasa (; “tabula rasa”) è la teoria secondo cui gli individui nascono senza contenuto mentale incorporato, e quindi tutti la conoscenza derivadall’esperienzaodalla percezione. I fautoriepistemologici dellatabula rasa non sono d’accordo con la dottrina dell’innatismo, che sostiene che la mente nasce già in possesso di una certa conoscenza. I fautori della teoria della tabula rasa favoriscono anche il lato “educazione” del …

Tabula rasa: cos’è, senza contenuto mentale Leggi altro »

Suum cuique: cos’è, a ciascuno il suo

” Suum cuique ” ( latino classico :  ), o ” Unicuique suum “, è una frase latina spesso tradotta come “a ciascuno il suo” o “possiamo tutti ottenere il dovuto”. È stato nella storia significativa della filosofia e come motto. Medaglia dell’Ordine dell’Aquila Nera , con al centro il motto ” SUUM CUIQUE “. Storia Antichità La frase latina si riferisce a un antico principio greco digiustizia che si traduce letteralmente …

Suum cuique: cos’è, a ciascuno il suo Leggi altro »

Socratici viri: cos’è, uomini di Socrate

Socratici viri è una locuzione latina (coniata da Cicerone)che si traduce come “uomini di Socrate”, sebbene sia più usata usata per indicare “discepoli di Socrate” o “seguaci di Socrate”. Questi sono quelli, di solito greci, che devono gran parte del loro ragionamento filosofico e del loro metodo aSocrate. A volte la frase si riferisce solo a quelli neidialoghi …

Socratici viri: cos’è, uomini di Socrate Leggi altro »

Sine qua non: cos’è, condizione

Sine qua non (, latino:  ) o condicio sine qua non (plurale : condiciones sine quibus non ) è un’azione, una condizione o un ingrediente indispensabile ed essenziale. In origine era untermine giuridico latinoper “[una condizione] senza la quale non potrebbe essere”, “ma per…”, o “senza la quale [non c’è] niente”. Inoltre, “ sine qua non causalità” è la terminologia formale per “ma-per causalità”. Origine e …

Sine qua non: cos’è, condizione Leggi altro »

Sensus divinitatis: cos’è, senso della divinità

Sensus divinitatis (latino per “senso della divinità”), indicato anche come sensus deitatis (“senso della divinità”) o semen religionis (“seme della religione”), è un termine usato per la prima volta dal riformatore protestante francese Giovanni Calvino per descrivere un senso umano postulato. Invece della conoscenza dell’ambiente (come, ad esempio, dell’olfatto o della vista), si presume che il sensus divinitatis dia agli esseri umani una conoscenza di …

Sensus divinitatis: cos’è, senso della divinità Leggi altro »

Reductio ad absurdum: cos’è, forma di argomentazione

In logica, reductio ad absurdum (latino per “riduzione all’assurdità”), noto anche come argumentum ad absurdum (latino per “argomentazione all’assurdità”) o argomenti apagogici , è la forma di argomentazione che tenta di stabilire un’affermazione dimostrando che lo scenario porterebbe opposto all’assurdità o alla contraddizione. Questa forma di argomentazione risale alla filosofia greca antica ed è stata utilizzata nel corso della storia sia nel ragionamento formale …

Reductio ad absurdum: cos’è, forma di argomentazione Leggi altro »

Q.E.D.: cos’è, che doveva essere dimostrato

QED o QED è un inizialismo della frase latina quod erat demonstrandum, che significa “che doveva essere dimostrato”. Letteralmente afferma “ciò che doveva essere mostrato”. Tradizionalmente, l’abbreviazione è posta alla fine delle dimostrazioni matematiche e degli argomenti filosofici nelle pubblicazioni a stampa, per indicare che la dimostrazione o l’argomentazione è completa. Etimologia e uso antico La frase quod erat demonstrandum è una traduzione in latino dal greco ὅπερ ἔδει δεῖξαι ( hoper edei deixai ; abbreviato in ΟΕΔ ). Traducendo dalla …

Q.E.D.: cos’è, che doveva essere dimostrato Leggi altro »

Unmoved mover: cos’è, concetto avanzato

Il motore immobile ( greco antico : ὃ οὐ κινούμενον κινεῖ , romanizzato :  ho ou kinoúmenon kineî , lett .  ‘ciò che si muove senza essere mosso’) o primo motore ( latino : primum movens ) è un concetto avanzato da Aristotele come causa primaria ( o prima causa non causata ) o “ motore ” di tutto il moto dell’universo . Come è implicito nel nome, il motore immobilemuove altre cose, ma non è esso stesso mosso da alcuna azione precedente. Nel libro 12 ( greco : Λ ) della sua Metafisica , …

Unmoved mover: cos’è, concetto avanzato Leggi altro »