Ca’ Sagredo -Wikipedia


IL Ca’Sagredo è un 14 ° secolo bizantinoGotico palazzo in stile situato all’angolo tra Strada Nuova e Campo Santa Sofianel sestiere di Cannaregio nel centrale Venezia, Italia. Ora affronta il Canal Grande (Venezia)e attraverso il campo dal Ca’ Foscari. Sul lato sinistro c’è il Palazzo Giustinian Pesaro.

Facciata sul Canal Grande di Palazzo Sagredo-Morosini

Storia(modificare)

Il palazzo, che in origine apparteneva all’ Famiglia Morosinifu acquistato nel 1661 dall’ambasciatore Nicolò Sagredo (che diventerà Doge 1675-1674).(1) Nella sua opera “Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo” Galileoconversa in questo palazzo con il suo caro amico, il matematico, Gianfrancesco Sagredo. (2) Mentre altre fonti indicano che il palazzo fu acquistato da suo nipote, Zaccaria nel 1704-1714,(3) quest’ultima data precluderebbe la conversazione tra Galileo E Giovanni Francesco Sagredo in questo palazzo.

Zaccaria Sagredo ristrutturò ampiamente il palazzo nel XVIII secolo, su progetto dell’arch Tommaso Temanza. Gli interni furono ristrutturati con la realizzazione di uno scalone scenografico (1732), su disegno dell’architetto Andrea Tiralie decorato con il Caduta dei giganti (1734), un affresco di Pietro Longhi. Una guida descrive gli affreschi con l’affermazione: “I Veneziani hanno l’abitudine di “dipingere il giglio e dorare l’oro fino”, e l’affresco di Longhi non fu considerato de trop“.(4) Due putti in marmo di Francesco Bertos decorare l’ingresso della scalinata.

Il conte Agostino Sagredo (morto nel 1871), senatore italiano, possedeva il palazzo nel XIX secolo. La famiglia Sagredo mantenne la proprietà del palazzo finché i membri della famiglia non lo vendettero nel 1913, dopodiché il palazzo ebbe un susseguirsi di vari proprietari fino a diventare un albergo privato, funzione attuale.

Piano Nobile(modificare)

Gran parte della decorazione interna staccabile del palazzo è stata venduta negli ultimi due secoli. La vasta collezione di dipinti, disegni e libri accumulata da Zaccaria Sagredo, che fu un appassionato collezionista d’arte e mecenate Tiepolo E Piazzettafu venduto nei secoli successivi.

Tuttavia, molti dei grandi saloni conservano le loro opere. Ad esempio, il Sala Del Dogeche un tempo conteneva il ritratto del doge Nicolò Sagredo, presenta a Nicolò Bambini pittura del soffitto, La sconfitta dei vizi (“La sconfitta dei vizi”), raffigurante Apollo che eclissa i semidei dell’oscurità.

IL portego è un ampio salone che corre lungo tutto il primo piano collegando il Canal Grande facciata verso il lato terra dell’edificio. Il lato canale del Portego presenta quattro finestre ogivali sovrastate da una piccola finestra quadrilobata, tipica del Gotico bizantino stile architettonico a Venezia. Un tempo questa sala conteneva oltre un centinaio di dipinti raccolti da Zaccaria, impilati in file. Nel 1780 questi dipinti furono sostituiti con tele di grandi dimensioni Andrea Urbaniraffigurante Capricci con scene di caccia e figure allegoriche sopra le porte.

Altre stanze includono una biblioteca a due piani; la Sala Amigoni, affrescata da Jacopo Amigoni; il Casino Dei Sagredo, decorato dagli stuccatori Carpoforo Mazzetti e Abbondio Stazio nel 1718; e il Salone della Musica, con affreschi attribuiti al Gaspare Diziani. Anche in questo caso l’argomento sembra riguardare Apollo.

Esposizione(modificare)

Il soffitto e gli stucchi delle pareti, le decorazioni in marmo e vetro e i mobili di una camera da letto del palazzo, ca. 1718, è esposto al Museo Metropolitano d’Arte in New York.(5)(6)

Riferimenti(modificare)

  1. ^ Ca’ Sagredo Hotelsito ufficiale.
  2. ^ Sito di Ca’ Sagredo.
  3. ^ Sale d’epoca del Metropolitan Museum of Artarticolo di James Parker, a cura di Amelia Peck, pagina 69.
  4. ^ Una settimana a Venezia: una guida completa alla città e ai suoi dintorni, Quarta edizione; Pubblicato e venduto da Colombo Coen and Son, Venezia, 1880. pagine 69-70.
  5. ^ L’Europa nell’era della monarchiaIntroduzione di John Spike, pagina 49.
  6. ^ Parker, J., Period Rooms, pagine 69-75.

45°26′27″N 12°20′04″E/45.4406971°N 12.3344761°E / 45.4406971; 12.3344761




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto