Bellum omnium contra omnes: cos’è, descrizione

Bellum omnium contra omnes, fraselatina la guerra di tutti contro tutti “, è la descrizione che Thomas Hobbes dà all’esistenza umana nell’esperimento sullo stato di natura che conduce in De Cive (1642) e Leviathan (1651 ). L’uso comune dell’inglese moderno è una guerra di ” ciascuno contro tutti “, dove la guerra è rara e termini come “competizione” o “lotta” sono più comuni.

La Præfatio (Prefazione) del De Cive dove confrontare per la prima volta la frase bellum omnium contra omnes .Tratto dall’edizione rivista stampata nel 1647 ad Amsterdam ( apud L. Elzevirium ).

L’uso di Thomas Hobbes

Nello stesso Leviatano , Hobbes parla di ‘guerra di tutti contro tutti’, di ‘una guerra […] di ogni uomo contro ogni uomo’ e di ‘una guerra perpetua di ogni l’uomo contro il suo prossimo’, ma la frase latina ricorre nel De Cive :

[…] ostendo primo conditionem hominum extra societatem civilem, quam conditionem appellare liceat statum naturæ, aliam non esse quam bellum omnium contra omnes; atque in eo bello jus esse omnibus in omnia . Dimostro, in primo luogo, che lo stato degli uomini senza società civile (stato che possiamo propriamente chiamare stato di natura) non è altro che una mera guerra di tutti contro tutti; e in quella guerra tutti gli uomini hanno uguale diritto su tutte le cose.

In seguito, due versioni leggermente modificate vengono presentate in De Cive :

[…] Status hominum naturalis antequam in societatem coiretur, bellum fuerit; neque hoc simpliciter, sed bellum omnium in omnes. Lo stato naturale degli uomini, prima che entrassero in società, era una semplice guerra, e non semplicemente, ma una guerra di tutti gli uomini contro tutti gli uomini.

Nam unusquisque naturali necessitate bonum sibi appetit, neque est quisquam qui bellum istud omnium contra omnes, quod tali statui naturaliter adhæret, sibi existimat esse bonum . Ognuno, infatti, per necessità naturale desidera ciò che gli è bene: né c’è alcuno che ritenga buono per lui una guerra di tutti contro tutti, che aderisce necessariamente a tale stato.

Nel capitolo XIII del Leviatano , Hobbes spiega il concetto con queste parole:

Per questo è manifesto che durante il tempo che gli uomini vivono senza un Potere comune che li tenga tutti in soggezione, sono in quella condizione che si chiama Guerra; e una tale guerra che è di ogni uomo contro ogni uomo. […] In tale condizione non c’è posto per l’Industria, perché il suo frutto è incerto: e di conseguenza nessuna Cultura della Terra; nessuna navigazione, né utilizzo delle merci che possono essere importate via mare; nessun edificio comodo; nessuno strumento per spostare e rimuovere cose che richiedano molta forza; nessuna Conoscenza della faccia della Terra; nessun resoconto del Tempo; niente Arti; niente lettere; nessuna società; e che è peggio di tutto, paura continua e pericolo di morte violenta; E la vita dell’uomo solitario, povero, cattivo, brutale e breve.

L’esperimento mentale colloca le persone in una condizione pre-sociale e teorizza cosa accadrebbe in tale condizione. Secondo Hobbes, il risultato è che le persone scelgono di stipulare un contratto sociale , rinunciando ad alcune delle loro libertà per godere della pace. Questo esperimento mentale è un test per la legittimazione di uno stato nell’adempimento del suo ruolo di ” sovrano ” per garantire l’ordine sociale, e per confrontare diversi tipi di stati su tale base.

Hobbes distingue tra guerra e battaglia: la guerra non consiste solo in una vera e propria battaglia; indica la situazione in cui si sa che c’è una “volontà di lottare con la battaglia”.

Usi successivi

Nelle sue Note sullo Stato della Virginia (1785), Thomas Jefferson usa la frase bellum omnium in omnia (“guerra di tutte le cose contro tutte le cose”, assumendo che omnium sia inteso come neutro come omnia ) mentre lamenta che la costituzione di quella lo stato rischiava due volte di essere sacrificato alla nomina di un dittatore alla maniera della Repubblica Romana .

La frase è stata talvolta usata da Karl Marx e Friedrich Engels :

  • In Sulla questione ebraica (1843-1844):

La religione è diventata lo spirito della società civile , della sfera dell’egoismo, del bellum omnium contra omnes .

  • In Lineamenti della critica dell’economia politica (1857-1858):

Si potrebbe altrettanto dedurre da questa frase astratta che ogni individuo blocca reciprocamente l’affermazione degli interessi degli altri, cosicché, invece di un’affermazione generale, questa guerra di tutti contro tutti produce una negazione generale.

La traduzione inglese elimina la frase latina usata nell’originale tedesco.
  • In una lettera di Marx a Engels (18 giugno 1862):

È notevole come Darwin riscopra, tra le bestie e le piante, la società d’Inghilterra con la sua divisione del lavoro, la concorrenza, l’apertura di nuovi mercati, le ‘invenzioni’ e la ‘lotta per l’esistenza’ malthusiana . È il bellum omnium contra omnes di Hobbes .

  • In una lettera a Pyotr Lavrov (Londra, 12-17 novembre 1875), Engels si esprime chiaramente contro ogni tentativo di legittimare la tendenza ad antropomorfizzare la natura umana alla visione distorta della selezione naturale:

L’intero insegnamento dei darwinisti sulla lotta per l’esistenza è semplicemente un trasferimento dalla società alla natura vivente della dottrina hobbesiana del bellum omnium contra omnes e della dottrina economico-borghese della concorrenza insieme alla teoria della popolazione di Malthus. Quando questo trucco da prestigiatore è stato eseguito…, le stesse teorie vengono nuovamente trasferite dalla natura organica alla storia e ora si afferma che la loro validità come leggi eterne della società umana è stata dimostrata.

Fu usato anche da Friedrich Nietzsche in On Truth and Lies in a Nonmoral Sense (1873):

Nella misura in cui l’individuo vuole difendersi dagli altri individui, in uno stato di cose naturale impiega l’intelletto principalmente per la sola simulazione. Ma poiché l’uomo, per bisogno e per noia, vuole esistere socialmente, come un gregge, esige un patto di pace e si sforza di bandire dal suo mondo almeno il più rozzo bellum omnium contra omnes .


https://en.wikipedia.org/wiki/Bellum_omnium_contra_omnes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *