Barba non facit philosophum: cos’è, barba non costituisce

Barba non facit philosophum è una frase latina che significa “La barba non costituisce un filosofo. 

Indice dei contenuti

Origine

Secondo l’autore latino Aulo Gellio, che racconta di aver assistito all’episodio, un uomo in mantello , “con lunghi capelli e barba che gli arrivava fin quasi alla cintola”, una volta giunto presso l’ aristocratico ateniese , exconsole romano e letterato Erode Attico , famoso per il suo “fascino e la sua eloquenza greca” e chiese che gli venisse dato del denaro εἰς ἄρτους (“per il pane”). Quando Erode gli chiese chi fosse, l’uomo, apparentemente offeso, rispose che era un filosofo , aggiungendo che si chiedeva perché Erode ritenesse necessario chiedere ciò che era ovvio.

“Vedo”, disse Erode, “una barba e un mantello; il filosofo non lo vedo ancora”.

Alcuni compagni di Erode lo informarono che il tizio era in realtà un mendicante “di carattere senza valore”, il cui comportamento era spesso offensivo. Udito ciò, Erode disse: “Diamogli dunque del denaro, qualunque sia il suo carattere, non perché sia ​​un uomo, ma perché siamo uomini”, e ordinò che fosse dato all’uomo abbastanza denaro in modo che potesse “compra il pannello per trenta giorni”.

Significato

La frase dell’ateniese, abbreviata in “La barba non fa il filosofo”, ha assunto un significato simile al proverbio “L’ abito non fa l’uomo “, che si incontra in molte culture. A volte è usato in variazioni di quel significato.


https://en.wikipedia.org/wiki/Barba_non_facit_philosophum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *