Archeologia: cos’è, studio dell’attività umana

L’archeologia oarcheologiaè lo studio dell’attività umana attraverso il recupero el’analisi dellacultura materiale.

Uno scavo archeologico
Uno scavo archeologico

Ladocumentazione archeologica è costituita damanufatti,architettura,biofatti o ecofatti,siti epaesaggi culturali.

L’archeologia può essere considerata sia unascienza sociale che una branca dellediscipline umanistiche.

Di solito è considerata unadisciplina accademica indipendente, ma può anche essere classificata come parte dell’antropologia( in Nord America – l’approccio a quattro campi ),della storia odella geografia.

Gli archeologi studiano la preistoria e la storia umana , dallo sviluppo dei primistrumenti di pietra aLomekwi , nell’Africa orientale, 3,3 milioni di anni fa fino agli ultimi decenni.

L’archeologia è distinta dallapaleontologia , che è lo studio dei restifossili. L’archeologia è particolarmente importante per conoscere le società preistoriche, per le quali, per definizione, non esistono testimonianze scritte.

La preistoria comprende oltre il 99% del passato umano, dalPaleolitico fino all’avvento dell’alfabetizzazione nelle società di tutto il mondo.

L’archeologia ha vari obiettivi, che vanno dalla comprensionedella storia della cultura alla ricostruzionedegli stili di vita passati alla documentazione e alla spiegazione dei cambiamenti nelle società umane nel tempo.

Di derivazione greca, il terminearcheologia significa “studio della storia antica”.

La disciplina prevedeil rilevamento ,lo scavo ed eventualmentel’analisi dei dati raccolti, per saperne di più sul passato. In senso lato, l’archeologia si basa sulla ricerca interdisciplinare.

L’archeologia si è sviluppata dall’antichitàIn Europa nel corso del XIX secolo e da allora è diventata una disciplina praticata in tutto il mondo.

L’archeologia è stata utilizzata dagli stati-nazione per creare particolari visioni del passato.

Sin dal suo sviluppo iniziale, si sono sviluppate varie sotto-discipline specifiche dell’archeologia, tra cuil’archeologia marittima,

l’archeologia femminista el’archeoastronomia, e numerose tecniche scientifiche diverse sono state sviluppate per aiutare l’indagine archeologica.

Tuttavia, oggi, gli archeologi devono affrontare molti problemi, come affrontarela pseudoarcheologia, ilsaccheggio dei manufatti,la mancanza di interesse pubblico e l’opposizione allo scavo di resti umani.

Storia

Primi esempi di archeologia

Nell’anticaMesopotamia , un deposito di fondazione del sovranodell’Impero accadicoNaram-Sin (governatointorno al 2200 a.C. ) fu scoperto e analizzato dal reNabonedo ,c. 550 a.C. , che è quindi conosciuto come il primo archeologo.

Non solo condusse i primi scavi che avrebbero portato alla luce i depositi di fondazione dei templi del dio del soleŠamaš, della dea guerrieraAnunitu (entrambi situati aSippar ), e del santuario che Naram-Sin costruì al dio della luna, situato aHarran , ma li fece anche riportare al loro antico splendore.

Fu anche il primo a datare un manufatto archeologico nel suo tentativo di datare il tempio di Naram-Sin durante la sua ricerca.

Anche se la sua stima era imprecisa di circa 1.500 anni, era comunque molto buona considerando la mancanza di una tecnologia di datazione accurata all’epoca.

Wiki it

wiki en

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto