Antropologia culturale: tutto sull’argomento

Indice dei contenuti

Antropologia culturale

L’antropologia culturale è uno dei campi dell’antropologia, lo studio olistico dell’umanità. In particolare essa è la disciplina che ha promosso e sviluppato la cultura come oggetto di studio scientifico; essa è anche il ramo dell’antropologia che studia le differenze e le somiglianze

Cultura della colpa

Con il termine cultura della colpa, in lingua inglese guilt culture, in sociologia e antropologia culturale si intende un sistema di controllo sociale che sfrutta la morale e il senso di colpa per scoraggiare comportamenti ritenuti scorretti o premiare comportamenti ritenuti virtuosi.

Cultura della vergogna

L’espressione cultura della vergogna, o civiltà della vergogna, fu utilizzata per prima dall’antropologa americana Ruth Benedict in un saggio sulla cultura giapponese intitolato Il crisantemo e la spada. Modelli di cultura giapponese. Il saggio fu pubblicato nel 1946, ma nacque da uno studio commissionato dal governo degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale.

Ruota di medicina

Nella cultura degli Indiani d’America il termine medicina non si limita alla guarigione fisica del corpo come in occidente, ma indica invece il potere che si ottiene dalla conoscenza dei segreti dell’universo, compresi quelli riguardanti la salute spirituale. Così il termine sciamano è utilizzato solo dagli occidentali, mentre i loro uomini sacri sono detti “uomini di medicina” perché mediatori con il divino, fonte della conoscenza.

Abuso sessuale

Per abuso sessuale si intende il coinvolgimento in attività sessuali, fisiche o psicologiche, di una persona non in grado di scegliere:

  • o perché sottoposta a costrizione fisica e/o psicologica,
  • e/o perché non consapevole delle proprie azioni

Acacia Avenue

Acacia Avenue è un cliché della cultura britannica, una metafora per indicare una strada cittadina della classe media.

Albero dei desideri

Un Albero dei desideri è un particolare albero che viene usato per accogliere offerte o desideri e richieste. Ha origini religiose ed è diffuso in Europa ed Asia.

L’albero della vita (serie televisiva)

L’albero della vita è una serie televisiva educativa d’animazione francese, prodotta nel 1990.

American way

American way of life, termine che fa riferimento all’ethos nazionalista proprio degli Stati Uniti d’America, che intende aderire ai principi di Vita, libertà e ricerca della felicità. Il termine ha qualche nesso con il concetto di eccezionalismo americano e del sogno americano e si espressero nei maccartistici anni cinquanta.

Amicitia

Nel mondo classico l’amicitia ricopre un importante ruolo non solo per il valore sentimentale ma anche per le implicazioni pedagogiche, politiche e sociali, che spiegano l’interesse per questo tema nelle riflessioni dei pensatori antichi.

Amicizia

Con il termine amicizia si indica un tipo di relazione interpersonale, accompagnata da un sentimento di fedeltà reciproca tra due o più persone, caratterizzata da una carica emotiva. In tutte le culture, l’amicizia viene percepita come un rapporto basato sul rispetto, la sincerità, la fiducia, la stima e la

Antisessualità

L’antisessualità o anti-sessualismo è l’opposizione o ostilità verso la sessualità ed il rapporto sessuale in generale.

Antropologia del cyberspazio

L’antropologia del cyberspazio è un’area di studi facente parte delle scienze etnoantropologiche, sviluppatasi a partire dagli anni 1990, che studia le interrelazioni sociali mediate da strumenti informatici e gli aspetti culturali che in tale contesto si sviluppano. L’approccio è spesso fortemente improntato alla multidisciplinarità, con una commistione dei classici strumenti concettuali della ricerca etnografica e delle teorie cibernetica, dei cultural studies, delle scienze della comunicazione, ed in generale delle discipline che affrontano il tema della Comunicazione mediata dal computer (CMC).

Antropologia delle tecniche

L’antropologia delle tecniche è un campo dell’antropologia che si occupa di evoluzione, storia, usi e funzioni degli oggetti tecnici e delle operazioni e abilità tecniche umane. Termini analoghi sono quelli di cultura materiale e di tecnologia culturale.

Antropomorfismo

L’antropomorfismo è l’attribuzione di caratteristiche e qualità umane ad esseri animati o inanimati o a fenomeni naturali o soprannaturali, in particolare divinità.

Archetipo

La parola archetipo deriva dal greco antico ὰρχέτυπος col significato di «immagine», composto da arché + typos, ed è stata utilizzata per la prima volta da Filone di Alessandria e, successivamente, da Dionigi di Alicarnasso e Luciano di Samosata.

Area culturale

Nelle scienze etnoantropologiche, in geografia e nelle altre scienze sociali si utilizza il concetto di area culturale per indicare un’area geografica all’interno della quale vi è una certo grado di omogeneità per quanto riguarda uno, alcuni o gran parte dei tratti culturali appartenenti alla popolazione della regione.

Aso (simbolo)

L’Aso rappresenta simbolicamente la figura tribale di un antico animale per metà cane e per metà drago.

Bromance

Una bromance è uno stretto rapporto, non sessuale, tra due o più uomini. È una forma di intimità omosociale, cioè un rapporto sociale non erotico tra persone dello stesso sesso. In alcune situazioni si può parlare anche di amore fraterno, seppur la relazione non è vincolata da legami di sangue.

Cacciatori di teste (antropologia)

Quella dei cacciatori di teste è la pratica di prendere e conservare la testa di una persona dopo averla uccisa. Essa è stata praticata in tempi storici in varie parti dell’Oceania, dell’Asia meridionale e del Sudest asiatico, dell’Asia occidentale e dell’Africa centrale, oltre che in Mesoamerica, così come tra alcune tribù dei Celti, delle tribù germaniche occidentali, dei Vichinghi e degli Sciti dell’antica Europa. Il fatto ha continuato a verificarsi in Europa fino al XIX secolo, in Montenegro, Croazia e nelle parti occidentali dell’Erzegovina; mentre fino alla fine del Medioevo in Irlanda e lungo le regioni del confine anglo-scozzese.

Cattolicesimo popolare

Il cattolicesimo popolare può essere ampiamente descritto come l’insieme delle numerose espressioni etniche, tradizionali e folcloristiche della devozione cristiana praticata nelle più diverse comunità cattoliche.

Centro nazionale per la ricerca in antropologia sociale e culturale

Il Centro nazionale per la ricerca in antropologia sociale e culturale, meglio conosciuto con l’acronimo CRASC, è un’agenzia governativa civile di ricerca algerina.

Centro studi americanistici Circolo Amerindiano

Il Centro studi americanistici “Circolo Amerindiano” è una associazione culturale fondata a Perugia nel 1977 dedicata al complesso di discipline che, sotto vari aspetti scientifici si occupano delle culture sviluppatesi nel continente americano, in particolare sui nativi americani senza limiti di spazio e di tempo, dallo stretto di Bering alla Terra del Fuoco, dal primo popolamento umano sino ai giorni nostri.

Charivari

Lo charivari, in italiano capramarito o anche chiavramarito era una manifestazione di protesta plateale, di rabbia o irrisione collettiva, contro individui responsabili di atti ritenuti offensivi verso la morale comune, diffuso fino al XX secolo.

Comparatico

Comparatico è un termine che indica il rapporto intercorrente fra i due compari o le due commari (commaratico).

Comunismo primitivo

Per comunismo primitivocomunità primitiva, o modo di produzione primitivo, si intende, nella teoria marxista e in antropologia, una fase di sviluppo socio-economica caratterizzata da un basso livello di forze produttive, dalla proprietà collettiva dei mezzi di produzione e dall’equa distribuzione dei beni. È il primo dei modi di produzione che Marx definì come stadi di evoluzione della storia economica o modi di produzione, nella teoria del materialismo storico, ideata assieme a Friedrich Engels. La divisione del lavoro avviene solo secondo l’età e il sesso, il che significa che i bambini e le donne eseguono lavori a cui sono idonei. Nella teoria del matriarcato in questo tipo di società l’autorità è rappresentata dalle donne più anziane, mentre il patriarcato sarebbe uno sviluppo successivo. Lo stesso vale per la pratica della poliandria, con partner sessuali multipli per ogni donna

Coppia (sociologia)

Con il termine coppia si vuole descrivere la relazione interpersonale che intercorre tra due persone. Il termine generalmente si riferisce a rapporti in cui ci sia confidenza, coinvolgimento e intimità emotiva, sentimentale e/o erotico-sessuale, ma in senso lato, può anche indicare un rapporto di tipo professionale o socialmente noto.

Criticismo culturale

La critica culturale è una critica di una data cultura, usualmente nel suo complesso e tipicamente si basi radicali; una critica sociale di una data società, ma la sovrapposizione è ampia. Il criticismo culturale è normalmente messo in relazione con un qualche problema fondamentale percepito dalla collettività, piuttosto che da un miglioramento di carattere minore: viene asserito che le cose volgono nella direzione errata, o che i valori sono erratamente identificati.

Cultura popolare

La cultura popolare denota quell’insieme di tradizioni, saperi, idee, usanze, e altri aspetti magico-religiosi che rientrano nelle tendenze dominanti di una vasta comunità (mainstream), e sono caratterizzati da un determinato modello o paradigma socio-culturale.

Cultura ufficiale

La cultura ufficiale è la cultura che riceve legittimazione sociale o supporto da parte delle istituzioni in una società. La cultura ufficiale spesso è identificata con “la cultura borghese”.

Čum

Il chum è un tipo di abitazione a struttura conica utilizzata dai popoli nomadi uralici allevatori di renne della Siberia nordoccidentale della Russia. È anche usato dagli evenki, dai tungusi, dagli tsaatan della Mongolia settentrionale, nonché dai pastori di renne della confinante regione della repubblica di Tuva.

Curandero

Il curandero, termine molto utilizzato in America Latina, rappresenta la figura moderna del guaritore sciamano. È una persona da cui la gente va per curarsi fisicamente o per scacciare il malocchio, in quanto si presuppone dotato di arti magiche.

Deformazioni craniche artificiali

Deformazioni o modificazioni craniche artificiali, appiattimento del capo o legatura del capo sono forme di alterazione del corpo in cui il cranio di un essere umano è deformato intenzionalmente. Sono ottenute alterando il normale sviluppo del cranio di un bambin

Karl Denke

Karl Denke è stato un serial killer tedesco.

Descrizione densa

La descrizione densa o thick description, termine coniato dal filosofo britannico Gilbert Ryle e successivamente applicato in vari ambiti di studio, consiste in un metodo di indagine e di organizzazione dei dati. In antropologia la descrizione densa (thick) si contrappone alla descrizione esigua (thin) o superficiale. Come il termine stesso suggerisce, si tratta appunto di una descrizione, a seguito di complesse analisi, su oggetti di interesse che possono essere sia tematiche astratte che eventi concreti. Una delle variabili determinanti che distingue una thick description da una thin description la si ha dal ruolo che nel corso della ricerca viene attribuito al contesto di riferimento. Questo, che viene considerato un fattore fondamentale dalla prima delle due descrizioni, viene invece spesso trascurato o non considerato proprio dalla seconda, che di solito piuttosto che addentrarsi tra le varie sfaccettature del discorso, come possono essere le possibili variabili intervenienti, preferisce accontentarsi della formulazione di approssimazioni dialettiche.

Dignità

Con il termine dignità, ci si riferisce al valore intrinseco dell’esistenza umana che ogni uomo, in quanto persona, è consapevole di rappresentare nei propri principi morali, nella necessità di liberamente mantenerli per se stesso e per gli altri e di tutelarli nei confronti di chi non li rispetta.

Dinosauri nella cultura di massa

Dal ritrovamento del primo fossile di dinosauro, nel 1822, vi è stato un continuo crescendo di interesse verso questi animali. Nell’immaginario popolare, si concretizzavano mostri, draghi e animali fantastici tramandati da secoli e il tutto non poteva non riverberarsi nella cultura e nei mezzi di comunicazione da allora fino ai giorni nostri.

Diritti degli indigeni

diritti degli indigeni sono quei diritti che esistono per salvaguardare e tutelare l’esistenza dei popoli indigeni. Essi non includono solo i più elementari diritti umani di sopravvivenza fisica e integrità, ma anche la conservazione della loro terra, la lingua, la religione e gli altri elementi del patrimonio culturale che fanno parte della loro esistenza come popolo. Possono essere usati come strumento di difesa da parte di organizzazioni sociali o possono entrare a far parte del diritto nazionale di un paese in modo da stabilire delle relazioni tra il governo e il diritto all’autodeterminazione delle popolazioni indigene che vivono all’interno dei suoi confini, o ancora possono essere inseriti nel diritto internazionale come tutela dei diritti dei popoli indigeni contro le violazioni perpetrate da governi nazionali o da gruppi d’interesse privato.

Donna

Una donna è un essere umano adulto di sesso femminile. Si distingue dalla femmina prepubere, che può essere chiamata, a seconda dell’età: ragazzafanciullabambina, e dall’altro genere della specie: l’uomo.

Donne nell’ebraismo

Il ruolo delle donne nell’Ebraismo è determinato dalla Bibbia ebraica, dalla Legge Orale, dalla tradizione (Minhag), e da fattori culturali non religiosi. Sebbene la Bibbia ebraica e la letteratura rabbinica citino vari modelli femminili di comportamento, la Legge religiosa considera la donna differentemente a seconda delle varie circostanze sociali e religiose.

Environmental bubble

Con ‘environmental bubble o bolla ambientale in sociologia del turismo, ci si riferisce a un atteggiamento “protettivo” che sovente il turista assume quando si trova in visita di una comunità con usanze e costumi diversi dai suoi abituali di residenza. Esso consiste nel ricrearsi in territorio straniero un ambiente che lo riporti ai suoi usi e costumi, alla sua cultura, ed eviti di esporlo in maniera radicale alla alterità della comunità locale.

Espadrillas

Le espadrillas sono normalmente scarpe basse, ma talvolta anche col tacco alto, provenienti dalla Spagna, con forti legami storici con le regioni della Catalogna e dei Paesi Baschi. Di solito hanno una tela o di cotone o tessuto più pregiato e una suola flessibile in corda o gomma modellata per assomigliare ad una corda. La suola di corda di iuta è la caratteristica più tipica di una espadrilla, le tomaie variano molto in stile.

Essex girl

Essex girl, come stereotipo spregiativo nel Regno Unito, si applica ad una donna ritenuta promiscua e poco intelligente, qualità che scherzosamente si attribuiscono alle donne dell’Essex. Ha ampia diffusione in tutto il Paese ed è divenuto comune soprattutto negli anni 1980 e 1990.

Eunuco

Col termine eunuco sono indicati quegli uomini che erano sottoposti in età prepuberale o puberale a interventi più o meno estesi di mutilazione dell’apparato genitale, tali da condurli a impotentia generandi o a una più radicale impotentia coeundi. Essi furono comuni a molte corti sovrane soprattutto orientali, da quelle musulmane come quella dell’Impero ottomano a quella del Celeste impero cinese.

Eutanasia e religioni

Diverse religioni e comunità religiose hanno preso una posizione più o meno precisa nei confronti dell’eutanasia, seguendo direzioni non certo uniformi bensì diversificate e talora diametralmente opposte. Tuttavia le comunità religiose non strettamente sottoposte ad imposizioni gerarchiche non hanno un punto di vista compatto e uniforme nei confronti dell’argomento.

Femminilità

La femminilità è un concetto, variabile da cultura a cultura, con cui si definisce un ipotetico insieme di caratteristiche fisiche, psichiche e comportamentali associate alle donne, diverse e contrapposte a quelle ritenute proprie degli uomini.

Focolare

In edilizia, il termine focolare indica la parte del camino più o meno rialzata da terra, in pietre o mattoni, su cui si accende il fuoco specialmente per cucinare. Storicamente, il fuoco assiso nel focolare era il fulcro delle attività essenziali della vita domestica. Era anche il luogo d’incontro quotidiano della famiglia. Acquisisce così un carattere simbolico dell’intimità e del calore familiare.

Glamster

Glamster deriva dalla parola glam o, più semplicemente glamour che significa sostanzialmente “appariscente”, “vistoso”; esso deriva dal fatto che negli anni 80 si usavano acconciature cotonate, vestiti appariscenti, e trucco. I glamster sono sostanzialmente membri di gruppi musicali o anche fan del genere glam metal, anche meglio conosciuto come Hair metal. Nelle foto qui sotto si può notare un esempio di vestiti e acconciature glam moderno. I glamster all’inizio erano soprattutto senza soldi e cercavano fortuna nella musica. Alcuni esempi di gruppi glam anni 80 sono i: Mötley Crüe, Guns N’ Roses, Alice Cooper, Vinnie Vincent Invasion, Kiss, Van Halen, Keel e molti altri. Ultimamente, questo stile sta tornando molto in voga soprattutto tra i più giovani.

Greaser

Greasers è una subcultura dei giovani della classe operaia o del ceto basso originatasi soprattutto negli Stati Uniti negli anni cinquanta e durata fino perlomeno alla metà degli anni sessanta. La subcultura era diffusa particolarmente tra i giovani urbani italoamericani e ispanoamericani.

Grinta

La grinta, originariamente indicava l’espressione arcigna, corrucciata o addirittura perversa di un viso. Alcuni studiosi lo ritengono in relazione con la parola in italiano grinza, che deriva dal longobardo grimmisōn “corrugare la fronte”.

Guerriero

Un guerriero è una persona specializzata nel combattimento o nella guerra, specialmente nel contesto di una cultura tribale o basata su clan che riconosce una casta o classe separata di guerrieri.

Gusto acquisito

Un gusto acquisito è un apprezzamento per qualcosa che difficilmente può essere goduto da una persona che non abbia avuto un’esposizione sostanziale ad esso. È l’opposto del gusto innato, che invece è l’apprezzamento per cose che sono ovviamente godibili da qualsiasi persona senza una precedente esposizione ad esse. Entrambe queste definizioni sono fortemente influenzate dall’intorno culturale in cui ogni persona si trova.

Marvin Harris

Marvin Harris è stato un antropologo statunitense.

Homo faber fortunae suae

La locuzione latina homo faber fortunae suae, espressa anche nella forma alternativa homo faber ipsius fortunae, significa letteralmente «l’uomo è l’artefice della propria sorte»; il verbo est è stato omesso per rendere la frase più scorrevole.

L’identità sessuale dai Greci a Freud

L’identità sessuale dai Greci a Freud è un saggio storico scritto da Thomas Laqueur nel 1990, che indaga sulle diverse rappresentazioni dei generi sessuali dagli antichi Greci in poi.

Immaginario collettivo

L’immaginario collettivo è un insieme di simboli e concetti presenti nella memoria e nell’immaginazione di una molteplicità di individui appartenenti a una certa comunità, e che dà forma alla memoria collettiva.

Infanticidio femminile

L’infanticidio femminile si riferisce a una pratica di oscura origine e dagli imprecisati contorni religiosi o cultuali, presente nella Penisola Araba in epoca preislamica.

Ipermascolinità

Ipermascolinità è un termine utilizzato in psicologia per indicare l’esagerazione del comportamento stereotipo maschile quale enfasi della forza fisica, aggressività e sessualità. Tale termine viene utilizzato in modo negativo da alcuni studiosi.

Itifallico

Itifàllico è un aggettivo del registro colto della lingua italiana, presente anche in altre lingue, che significa “dal/col pene in erezione”. È utilizzato soprattutto con riferimento alla produzione artistica, particolarmente di area greca, anche se rappresentazioni itifalliche sono presenti in varie altre culture: nel simbolismo dell’arte e della religione egizia, il dio Min è rappresentato con il fallo in erezione.

Jaranga

La jaranga o yaranga è un tipo di abitazione a forma di cupola utilizzata da alcuni popoli nomadi del nord della Russia come i ciukci e gli yupik siberiani. Anche altri popoli della Siberia nord-orientale hanno abitazioni simili: eschimesi, coriachi, eveni, jukaghiri. Gli eschimesi del gruppo Chaplino (ungazigmit) la chiamano mynt’tyg’ak.

Kamikaze

Kamikaze è una parola giapponese, di solito tradotta come “vento divino”. Internazionalmente e in generale è riferita agli attacchi suicidi eseguiti dai piloti giapponesi contro le navi alleate verso la fine della campagna del pacifico nella seconda guerra mondiale. Il termine è mutuato dal nome di un leggendario tifone che si dice abbia salvato il Giappone da una flotta di invasione mongola inviata da Kublai Khan nel 1281. In Giappone la parola “kamikaze” viene riferita a questo tifone.

Kastom

Kastom è una parola pidgin usata da alcune popolazioni indigene della Melanesia per indicare la propria cultura tradizionale, comprendendo la religione, l’economia, l’arte, la magia e in generale gli usi e i costumi. Il termine è sia quello generalmente accettato in antropologia nel suo significato originario, sia la parola usata nella lingua di tutti i giorni dagli indigeni.

Legge di Jante

La Legge di Jante è uno schema comportamentale di gruppo che di solito si considera presente nella cultura scandinava e in generale in quella nordica. È stata originariamente formulata dall’autore dano-norvegese Aksel Sandemose (1899-1965), nel romanzo Un fuggitivo incrocia le sue tracce del 1933.

Linguaggio dei fiori

Il cosiddetto linguaggio dei fiori, conosciuto anche come florigrafia, fu un modo di comunicazione piuttosto sviluppato nell’Ottocento, per cui i fiori e gli allestimenti floreali venivano utilizzati per esprimere sensazioni che non sempre potevano essere pronunciate. Il linguaggio dei fiori giapponese è chiamato hanakotoba.

Magia popolare

Con il termine di magia popolare si indicano quelle pratiche di magia, guarigione e divinazione più o meno superstiziose, praticate in Europa soprattutto presso le classi più popolari, tra il tardo XV secolo e la prima metà del XX secolo. La magia popolare si contrappone solitamente all’alta Magia, o magia cerimoniale, la quale era invece solitamente praticata presso le classi sociali più colte ed agiate.

Mago

Un mago è una persona dedita, per attitudine o per professione, all’arte della magia.

Mainstream

Mainstream è un termine inglese usato come aggettivo in vari campi delle arti e della cultura per indicare una corrente che, in un particolare ambito culturale, è considerata più tradizionale e “convenzionale”, comune e dominante, venendo quindi seguita dal più grande pubblico.

Mascolinità

La mascolinità è quell’assieme di qualità, caratteristiche o ruoli considerati culturalmente tipici, o più opportuni, per un maschio; il suo opposto può esser espresso dal termine effeminatezza. Uno dei sinonimi maggiormente usati per indicare la mascolinità è virilità, dal latino vir che significa uomo.

Mehndi

Mehndi, detto anche mehandimehindi o mendi è un termine hindi per indicare un tatuaggio temporaneo eseguito con henné naturale rosso, dipinto su mani e piedi. Viene usato in oriente e nel Nordafrica per la decorazione di mani e piedi per il rito nuziale, benaugurante e di protezione. Viene eseguito con speciali stencil o a mano libera. I motivi sono di buon auspicio per la persona che li indossa e il rito del disegno del mehndi coinvolge le donne di tutta la famiglia e/o tribù. È in uso nel Nordafrica, in Medio Oriente, in India e in Pakistan.

Mela (immaginario)

La mela è un falso frutto che, per le sue caratteristiche, ha colpito e stimolato l’immaginario umano, entrando nel folklore e nella mitologia di vari popoli. È spesso legato al tema del peccato originale, ma anche delle gioie ultraterrene, del dominio sul mondo, assumendo talvolta anche una valenza erotica. Tra le simbologie più note, si ricordano la mela mangiata da Adamo ed Eva, il “pomo della discordia” che avrebbe dato origine alla guerra di Troia dopo il giudizio di Paride, i “pomi delle Esperidi” custodite da un drago in un giardino ai confini del mondo, le mele mistiche che danno il nome ad Avalon, la mela avvelenata offerta dalla matrigna a Biancaneve e quella posta da Guglielmo Tell sulla testa del proprio figlio.

Mentalità

Il termine mentalità si trova usato verso il 1900 con il significato odierno di generica concezione del mondo e di un substrato psicologico riferito a un individuo, a un gruppo sociale o agli appartenenti ad una data civiltà in un certo periodo storico.

Mimica facciale

La mimica facciale è una parte della cinesica che riguarda il modo in cui si altera il volto delle persone. Gli esseri umani lasciano trasparire anche in questo modo il loro pensiero e le loro emozioni, in quanto la mimica facciale è difficile da controllare spontaneamente.

Mito di fondazione

Il mito di fondazione è un mito riguardante la nascita di un’entità politico-sociale, come ad esempio una città o una civiltà.

Mito-motore

Il mito-motore o motore del mito è un mito costitutivo dell’identità di un gruppo etnico. Il termine fu utilizzato per la prima volta da Ramon de Abadal y de Vinyals e fu successivamente usato da John Alexander Armstrong nel suo Nations before Nationalism. È diventato un concetto ricorrente negli studi di Anthony D. Smith sull’etnia e il nazionalismo, in particolare nel suo Le origini etniche delle nazioni.

Moda

Il termine moda indica uno o più comportamenti collettivi con criteri differenti. Questo termine è spesso correlato al modo di abbigliarsi. La moda — detta anche, storicamente, costume — nasce solo in parte dalla necessità umana correlata alla sopravvivenza di coprirsi con tessuti, pelli o materiali lavorati per essere indossati. Dopo la preistoria l’abito assunse anche precise funzioni sociali, atte a distinguere le varie classi e le mansioni sacerdotali, amministrative e militari.

Mosaico culturale

In Canada, l’espressione “Mosaico culturale” è un termine usato per descrivere la mescolanza di gruppi etnici, lingue e culture che coesistono all’interno della società canadese, riferito originalmente alle tre culture fondanti del Canada, ovvero quella anglosassone, quella francese e le nazioni amerindie. L’idea di un mosaico culturale è intesa a sostenere un ideale di multiculturalismo, diversamente da altri sistemi come il melting pot, che si usa spesso per descrivere l’ideale di assimilazione dei vicini Stati Uniti.

Mostro

Un mostro è – in senso molto ampio – un essere vivente reale o immaginario a cui sono attribuite una o più caratteristiche straordinarie, per le quali si discosta enormemente rispetto ad altri considerati nella norma, “ordinari”. Il termine mostro ha in genere una connotazione negativa.

Multicomunitarismo

Il modello dello Stato-multinazionale definisce il concetto di Multicomunitarismo come uno stato formato da più comunità, ognuna consapevole della propria identità etnica, dimostrando il desiderio di supremazia razziale.

Multiculturalismo

Il termine multiculturalismo, entrato nell’uso comune verso la fine degli anni ottanta, identifica una società in cui più culture, anche molto differenti l’una dall’altra, convivono mantenendo ognuna la propria identità. Pur potendo avere interscambi, conservano quindi le peculiarità del proprio gruppo sociale. Le minoranze in particolare mantengono il loro diritto ad esistere, senza omologarsi o fondersi ad una cultura predominante, diluendo o perdendo quindi la propria identità.

Mut’a

La mutʿa in arabo: ﻣﺘﻌـة‎, mutʿa , ovvero nikā movaqat in farsi è un istituto matrimoniale vigente nel contesto islamico sciita che regolamenta un matrimonio temporaneo, vale a dire un vincolo la cui durata è assoggettata a un termine prefissato, stabilito prima che i coniugi contraggano il matrimonio.

Necessitudo

Il termine latino necessitudo non si riscontra prima dell’età classica quando è frequente nell’epistolografia e nelle opere di oratoria come in quelle di Cicerone.

Nemico

Un nemico è un individuo o un gruppo che viene percepito come fortemente avverso o minaccioso. È stato osservato che il concetto di nemico è “basilare sia per gli individui che per le comunità”. Il termine “nemico” serve alla funzione sociale di designare una particolare entità come una minaccia, invocando così un’intensa risposta emotiva a quell’entità. Lo stato di essere o di avere un nemico è l’inimicizia.

Neotribalismo

Il neotribalismo è una corrente di pensiero che sostiene che le tribù umane svolgono un ruolo importante nel governare e nel sostenere il comportamento sociale umano. I neotribalisti tendono spesso ad imitare i popoli indigeni nell’organizzare piccoli gruppi di persone da diverse famiglie in modi più stretti di quelli richiesti dallo stato-nazione o dalla cultura più ampia.

Nerd

Nerd è un termine della lingua inglese con cui viene definito chi ha una certa predisposizione per la tecnologia ed è al contempo tendenzialmente solitario e con una più o meno ridotta propensione alla socializzazione. Il termine è nato come dispregiativo, ma in seguito è stato reclamato in alcuni ambiti per definire una sorta di orgoglio e di identità di gruppo.

Nzulezu

Nzulezu è un villaggio tradizionale situato nel distretto di Jomoro, nella Regione Occidentale del Ghana, vicino a Beyin, circa 90 km a ovest di Takoradi. Il villaggio si affaccia sulla laguna Amanzule, ed è interamente costituito di palafitte. Nel 2000 è stato candidato a Patrimonio dell’umanità UNESCO, ed è un’importante attrazione turistica della zona.

Onore

Il termine onore è un costrutto sociale atto a identificare una dignità morale di un individuo o di un gruppo. Essendo collegato a concetti morali, assume valenze diverse a seconda delle culture e dei periodi storici.

Orientalismo (saggio)

Orientalismo è un saggio pubblicato nel 1978 da Edward Said, che tentò di spiegare e ridefinire le modalità con cui l’Europa rappresenta, nella sua storia, l'”Oriente”. La sua interpretazione apri un dibattito molto acceso. Tra i detrattori dell’interpretazione di Edward Said, si può annoverare il filosofo siriano Sadiq Jalal Al-Azm.

Patrimonio culturale immateriale

Un patrimonio culturale immateriale è un paradigma politico per lo sviluppo sostenibile e pacifico di tutte le comunità interessate a riconoscersi in una propria pratica, una rappresentazione, un’espressione, una conoscenza o un’abilità, nonché degli strumenti, oggetti, artefatti e spazi culturali legati a questi elementi. La ratifica di una apposita Convenzione, promossa nel 2003 dall’UNESCO, vincola gli Stati-parte di tale Convenzione ad applicare questo paradigma politico, per il quale il patrimonio culturale può essere legato a un luogo ma sicuramente appartiene ad una comunità che, trasmettendolo, lo mantiene vivo e dinamico. Il patrimonio culturale immateriale è considerato dagli Stati membri dell’UNESCO in relazione al patrimonio tangibile mondiale incentrato sugli aspetti immateriali della cultura. Nel 2001, l’UNESCO ha fatto un sondaggio tra Stati e ONG per cercare di concordare una definizione e la Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale è stato redatto nel 2003 per la sua protezione e promozione.

Pietra di Makapansgat

La pietra di Makapansgat, detta anche pietra dalle molte facce, è un ciottolo bruno-rossastro di diaspro del peso di 260 grammi che presenta linee e scalfitture che lo fanno sembrare una rappresentazione grezza di un volto umano. Il ciottolo è particolarmente interessante in quanto è stato trovato a una certa distanza da ogni possibile fonte naturale, in associazione con resti di Australopithecus africanus, in una grotta a Makapansgat, Sudafrica. Ancora incerto che si tratti di un manufatto, è stato suggerito che alcuni australopitechi possano averlo portato nella grotta dopo aver riconosciuto in esso un volto stilizzato, in quello che sarebbe il più antico esempio conosciuto di pensiero simbolico e senso estetico.

Policulturalismo

Il policulturalismo è un concetto che asserisce che tutte le culture del mondo sono interconnesse. Ciò lo contrappone al concetto di multiculturalismo, che è ritenuto divisivo dai sostenitori del policulturalismo. Il policulturalismo è l’argomento del libro del 2001 Everybody Was Kung Fu Fighting: Afro-Asian Connections and the Myth of Cultural Purity di Vijay Prashad.

Popoli indigeni

Per popoli indigeni o aborigeni o nativi oppure autoctoni si intendono quelle popolazioni le cui origini della presenza, in un particolare territorio, risalgono alla preistoria.

Prayopavesa

Prayopavesa è una pratica nell’Induismo che denota il suicidio con il digiuno di una persona, che non ha più desiderio o ambizione e nessuna responsabilità. È anche consentito in caso di malattia terminale o grave disabilità. Una pratica simile esiste nel Giainismo, chiamato Santhara.

Prestigio

Il termine prestigio significa “buona reputazione” o “alta stima” o “autorevolezza”.

Primitivo

L’appellativo di primitivo è antropologicamente relativo. Si può applicare al primo di diversi e successivi stadi nello sviluppo della cultura, della tecnologia o dell’arte di un gruppo umano.

Primo contatto

Primo contatto è un termine tipicamente usato per descrivere il primo incontro tra due culture che precedentemente non si conoscevano.

Quattro elementi

Il riferimento a quattro elementi è comune a tutte le cosmogonie.

Ragno (immaginario)

Il ragno è un animale che, per le sue caratteristiche, ha colpito e stimolato l’immaginario umano, entrando – spesso con le caratteristiche di una creatura leggendaria – nel folklore e nella mitologia di vari popoli. Tra le numerose attestazioni spiccano in particolare il mito di Aracne e il fenomeno del tarantismo.

Relazione interpersonale

L’espressione relazione interpersonale si riferisce al rapporto che intercorre tra due o più individui; queste relazioni si possono basare su sentimenti come anche su passioni condivise e/o su impegni sociali e/o professionali; hanno luogo in ogni contesto umano: dai rapporti di amicizia, alla famiglia a qualsiasi forma di aggregazione umana; parlando di relazioni di coppia, ci si riferisce spesso ad un rapporto sentimentale e/o intimo tra due persone come ad esempio nella coppia di amanti, o nella coppia genitoriale o nel rapporto genitore-figlio.

Relazioni proibite nell’ebraismo

Le relazioni proibite nell’Ebraismo sono quelle relazioni intime vietate dalle proibizioni della Torah e anche dalle ingiunzioni rabbiniche. Alcune di queste proibizioni – quelle elencate in Levitico 18, note col nome di Arayot in ebraico: עריות‎? – sono considerate così gravi dalla Legge ebraica che uno deve piuttosto perdere la vita ma non trasgredirle. Questo è in contrasto con la maggior parte delle altre proibizioni, dove viene generalmente richiesto di trasgredire il comandamento quando una vita è in pericolo.

Rocker

Rocker è una subcultura giovanile nata negli anni sessanta in Inghilterra.

Sa laurera

Sa laurera. Il lavoro contadino in Sardegna è una monografia demo-etno-antropologica scritta da Giulio Angioni, pubblicata nel 1976 e nel 1982 da EDeS e nel 2003 da Il Maestrale.

Sallekhana

Sallekhana, noto anche come samlehnasantharasamadhi-marana o sanyasana-marana, è un voto praticato nel giainismo. È la pratica religiosa del digiuno volontario fino alla morte, riducendo gradualmente l’assunzione di cibo e liquidi. È visto nel giainismo come il diradamento delle passioni umane e del corpo, e un altro mezzo per distruggere il karma che influenza la rinascita ritirando tutte le attività fisiche e mentali. Dopo il voto sallekhana, la preparazione e la pratica rituale possono estendersi in anni.

Sandalo (essenza)

Il sandalo o legno di sandalo è un’essenza molto usata in profumeria. Il suo nome è dovuto alle piante del genere Santalum comunemente chiamate sandalo. La specie indiana da cui storicamente si ricava l’essenza è Santalum album . Il profumo del sandalo viene usato sia come pezzi di legno della pianta sia come olio essenziale estratto. In India è usato da secoli e ciò lo ha reso pregiato e pure non comune. Adesso sono usate anche altre specie per l’estrazione di essenze che hanno profumi simili. Solo nel genere santalum ci sono almeno 19 specie di piante che sono utilizzate per l’estrazione dell’essenza, a cui bisogna sommare anche alcune di altri generi come Amyris o Myoporum.

Scala Allport

La scala Allport è una scala usata per misurare la forza del pregiudizio in una società. Sono valutati gli atteggiamenti seguiti dall’in-group, nei confronti di coloro che vengono visti o considerati facenti parte dell’out-group. È indicata anche come scala del pregiudizio e della discriminazione di Allport o scala del pregiudizio di Allport. È stata ideata dallo psicologo Gordon Allport nel 1954.

Scala Riddle

La scala Riddle è una scala psicometrica che misura il grado in cui una persona è o non è omofoba. La scala è stata frequentemente utilizzata nell’educazione alla tolleranza riguardo agli atteggiamenti antidiscriminatori nei confronti dell’orientamento sessuale. Prende il nome dal suo creatore, la psicologa Dorothy Riddle.

Scuola antropologica di Cagliari

La Scuola antropologica di Cagliari è una scuola di studi demo-etno-antropologici iniziata da Ernesto de Martino e Alberto Mario Cirese alla fine degli anni ’50 del Novecento.

Scuola di Bagui

La Scuola di Bagui(cinese tradizionale: 八桂學派, cinese semplificato: 八桂学派, pinyin: Bāguì Xuépài) è una scuola etnologia cinese, si intende una cerchia di etnologo dello Guangxi cinese, fondata a Guangxi intorno all’anno 1953, La Scuola di Bagui per la etnologia e la Zhuang degli oggetti fu diretta da Huang Xianfan(黄现璠/黃現璠), il quale fu professore per la cattedra di storiografia all’Università di Guangxi dove fondò l’gruppo ricerca sul campo e studi di minoranza etnica della Guangxi. Gli esordi del gruppo si devono far risalire al 1953. È conosciuto come Scuola di Bagui un gruppo di etnologi tutti allievi di Huang Xianfan e cronologicamente successivi alcuni allievi di Zhang Yiming(张一民/張一民). Tra i suoi studenti sono annoverati Huang Zengqing, Li Guozhu, Su Guanchang, Li Ganfen, Zhou Zongxian, Qin Suguan, Huang Weicheng, He Yingde, He Longqun, Yu Shijie, Xiao Zechang e Zhou Zuoming. Anche i suoi allievi precedenti, Wei Qingwen, Zhou Zuoqiou e Huang Shaoqing, possono essere considerati parte della scuola. Altro allievo di Huang Xianfa a Guangi fu Huang Weicheng(黄伟城/黃偉城) che poi insegnò a Università di Guangxi, Collegio etnia di Guangxi e infine a Università etnia di Guangxi. Allievi di Zhang Yiming furono a loro volta Gong Yonghuei(龚永辉/龔永輝), professore a Università etnia di Guangxi. Allievi di Huang Weicheng furono a loro volta Qin Naichang(覃乃昌), ricercatore a Istituto etnia di Guangxi. Questo gruppo di etnologi è stato indicato come Scuola di Bagui.Didatticamente possiamo definire a posteriori tre momenti principali dello sviluppo di tale scuola, indicati come “prima” generazione, i cui esponenti principali furono Huang Xianfan (1899-1982), “seconda” generazione, di cui fece parte Huang Zengqing(1918-1995), Zhang Yiming(1923 -),Su Guanchang, Li Ganfen, Li Guozhu, Huang Weicheng e “terzo” generazione, di cui fece parte Qin Naichang(1947-2010),Yu Shijie(1950 – ), He Longqun(1954 – ) e Gong Yonghuei(1957 – ).

Seniorato

Con il termine seniorato si indica il criterio – già seguito in età preislamica e nell’Islam delle origini e in varie realtà statuali del mondo arabo moderno e contemporaneo – per il quale la successione a una carica di governo o anche solo rappresentativa avviene in funzione dell’anzianità e non strettamente agnatizia, da padre a figlio.

Serpente (simbolo)

Il serpente è un animale che, per le sue caratteristiche, ha colpito e stimolato l’immaginario umano, entrando nel folklore e nella mitologia di vari popoli. Tra le numerose attestazioni, spicca in particolare il racconto biblico di Adamo ed Eva dove il serpente è la rappresentazione del demonio tentatore.

Sessualità

La sessualità, in ambito umano, è un aspetto fondamentale e complesso del comportamento che riguarda da un lato gli atti finalizzati alla riproduzione e alla ricerca del piacere, e da un altro anche gli aspetti sociali che si sono evoluti in relazione alle caratteristiche diverse dei generi maschile e femminile. L’ambito sessuale investe la biologia, la psicologia, la cultura e la società riguardando la crescita dell’individuo e coinvolgendo anche tutta la sua vita relazionale, oggetto di studio anche dell’etologia umana.

Shimpu

Shimpu è una lettura alternativa e più solenne dei caratteri sinogiapponesi che formano la parola Kamikaze. In Giappone questa lettura formale è sovente preferita per indicare l’espressione “vento divino”. Queste parole diedero il nome ai corpi dell’aviazione del Sol Levante adibiti a missioni suicide negli ultimi periodi della Guerra del Pacifico, durante la Seconda guerra mondiale. La diffusione del termine “kamikaze” a scapito di “shimpu” è probabilmente dovuta ai militari nipponici di leva nell’esercito degli Stati Uniti.

Shock culturale

Shock culturale è un termine utilizzato per descrivere i sentimenti di ansia, smarrimento, disorientamento e confusione che una persona prova a causa di un improvviso cambiamento dello stile di vita dovuto al trasferimento in un ambiente sociale e culturale differente, per esempio un Paese straniero. Il termine fu coniato dall’antropologa statunitense Cora DuBois nel 1951, mentre il canadese Kalervo Oberg lo riprese nel 1954, elaborando la teoria secondo la quale lo shock culturale sarebbe catalogabile come “malattia professionale”, completa di fasi e relativi sintomi.

Sindrome culturale

L’espressione sindrome culturale indica in psichiatria culturale ed in antropologia medica, un quadro clinico che unisce disturbi somatici e psichici, con un significato particolare e tipico di un certo spazio culturale o gruppo etnico.

Sistema cargo

Il sistema cargo è un insieme di ruoli secolari e religiosi assegnati a uomini o a famiglie all’interno delle comunità indigene mesoamericane e per la precisione in tutto il Messico centro-meridionale, ed in America centrale.

Skinhead

Col termine inglese Skinhead, in italiano teste rasate, si identificano gli appartenenti ad un movimento e una subcultura sorto in Gran Bretagna alla fine degli anni sessanta tra i giovani della classe lavoratrice britannica; convenzionalmente si indica l’anno 1969 per indicarne l’inizio, ed è un movimento che fondamentalmente nasce e rimane su base sociale piuttosto che politica. Sebbene nella cultura di massa vengano rappresentati come individui pericolosi per la società e devianti rispetto alla cultura mainstream, gli skinhead iniziarono ad essere etichettati come razzisti, neofascisti e/o neonazisti solo a partire dagli anni ottanta, questo perché, dalla fine degli anni settanta fino alla seconda metà degli anni ottanta, il movimento skinhead britannico ha avuto forti legami con il National Front fino alla nascita del Combat 18 all’interno del gruppo Blood & Honour.

Smorfia (espressione facciale)

La smorfia è un’espressione facciale umana, consistente nel contorcimento dei muscoli del volto, che ne altera il normale atteggiamento, specialmente in presenza di sensazioni di dolore e sgradevoli. Ma avviene anche per burla, specialmente nei bambini.

Soccer mom

L’espressione soccer mom è un’espressione idiomatica e stereotipata che genericamente identifica una donna bianca nordamericana, appartenente al ceto medio suburbano, impegnata per la maggior parte del tempo a seguire i figli nelle loro attività sportive extrascolastiche. Benché il termine soccer definisca in Nordamerica il gioco del calcio, i figli di una soccer mom non sono necessariamente impegnati in tale disciplina o comunque in via esclusiva, potendo l’espressione riferirsi a qualsiasi attività sportiva.

Società Sande

La società Sande è un’associazione delle donne del popolo Mende che si trova in Liberia, Sierra Leone e Guinea.

Sorriso

Il sorriso è un’espressione del volto umano.

Spazio geografico

Lo spazio geografico è un concetto utilizzato dalla Geografia per definire lo spazio fisico organizzato da parte della società o meglio dall’organizzazione della società vista da un’ottica spazialeLo spazio fisico è il luogo nel quale gruppi umani si relazionano con l’ambiente, quindi è una costruzione sociale, che viene studiata come concetto geografico di paesaggio nelle sue distinte manifestazioni (paesaggio naturale, paesaggio umanizzato, paesaggio agrario, paesaggio industriale, paesaggio urbano, etc.). Si usa anche il termine territorio. Dal punto di vista dello studio sull’organizzazione della società, il termine spazio geografico fa riferimento  all’organizzazione economica, politica e culturale della società osservata da un punto di vista geometrico, come un insieme di nodi (città); linee (infrastrutture di trasporto e comunicazione); aree (utilizzo del suolo, luoghi); flussi (scambio di informazioni, mercanzie); gerarchie (quartieri di città e luoghi) e diffusione. Questa ultima definizione è strettamente legata alla tradizione dell’analisi spaziale in geografia.

Stereotipo

Lo stereotipo è una caratteristica soggettiva semplificata e persistente applicata ad un luogo, un oggetto, un avvenimento o ad un gruppo riconoscibile di persone accomunate da certe caratteristiche o qualità. Si tratta di un concetto astratto e schematico che può avere un significato neutrale, positivo o negativo e, in questo caso, rispecchia talvolta l’opinione di un gruppo sociale riguardo ad altri gruppi. Lo stereotipo è una credenza radicata che può essere cambiata tramite l’educazione e/o la familiarizzazione.

Storia della creazione in Genesi

La storia della creazione in Genesi è il racconto della creazione nell’ebraismo e nel cristianesimo ed è suddiviso in due parti, che all’incirca corrispondono ai primi due capitoli del libro della Genesi. Nella prima parte, da Genesi 1:1 a Genesi 2:3, Elohim – la parola ebraica generica per riferirsi a Dio – crea il mondo in sei giorni, poi si riposa nel settimo giorno, lo benedice e lo santifica. Dio crea con un comando verbale, il che implica un paragone con il re, che deve solo parlare perché le cose succedano, e nomina gli elementi del cosmo mentre li crea, secondo l’antico concetto comune che le cose non esistono veramente finché non sono nominate. Nella seconda parte, Genesi 2:4-24, Yahweh, il nome personale di Dio, forma il primo uomo dalla polvere, lo pone nel Giardino dell’Eden e alita il suo soffio divino nell’uomo che quindi diventa in ebraico: נֶפֶש‎? nephesh, un essere vivente; l’uomo “condivide” nephesh con tutte le creature, ma solo dell’uomo si descrive questo atto vivificante da parte di Dio. L’uomo dà i nomi agli animali, affermando così la sua autorità nell’ambito della creazione divina, e Dio crea la prima donna, Eva, plasmandola dal corpo dell’uomo.

Studi di genere

Gli studi di genere rappresentano un approccio multidisciplinare e interdisciplinare allo studio dei significati socio-culturali della sessualità e dell’identità di genere. Nati in Nord America a cavallo tra gli anni settanta e ottanta nell’ambito degli studi culturali, si diffondono in Europa Occidentale negli anni ottanta. Si sviluppano a partire da un certo filone del pensiero femminista e trovano spunti fondamentali nel post-strutturalismo e decostruzionismo francese, negli studi che uniscono psicologia e linguaggio. Di importanza specifica per gli studi di genere sono anche gli studi gay e lesbici e il postmodernismo.

Studi queer

Il termine Studi queer si riferisce allo studio di tematiche relative all’orientamento sessuale o all’identità di genere. Nel panorama statunitense, e anglosassone in generale, c’è un crescente numero di college in cui si svolgono corsi su queste discipline.

Stupidità

Il termine stupidità deriva dal verbo latino stupēre che nella trasposizione in italiano ha due accezioni distinte: una riguarda chi è “stupito”, in una condizione cioè d’incapacità o passività, indotta da stupore; l’altra, riferita allo “stupido”, esprime una condizione duratura di “carenza” e “lentezza” nel comprendere. Lo storico Carlo Maria Cipolla autore di un ironico saggio sulla stupidità indicava una caratteristica della stupidità in quella di causare «un danno ad un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita».

Suicidio

Per suicidio si intende l’atto col quale una persona si procura deliberatamente la morte.

Suicidio e religioni

Esistono numerose visioni religiose del suicidio

Tabù alimentare

Il termine tabù alimentare designa una proibizione culturale o religiosa riferita a un alimento, più comunemente per quanto concerne alimenti di origine animale.

Teddy Boy

Teddy Boy o Ted è una subcultura giovanile nata in Inghilterra che imita lo stile in voga durante l’epoca edoardiana, riproposto dai sarti di Savile Row dopo la Seconda guerra mondiale.

Tempo del Sogno

Nella mitologia aborigena australiana, il Tempo del Sogno è l’epoca antecedente alla creazione del mondo. Esso è al contempo elemento comune e unificante delle numerose e diverse tradizioni culturali aborigene, sviluppatesi nelle diverse regioni del continente, e giustificazione mitica delle differenze fra di esse.

Teopatia

La teopatia è un fenomeno studiato nella Storia delle religioni, in base al quale un essere umano entra in contatto indiretto con la divinità, grazie all’azione esplicata da suoi intermediari naturali o soprannaturali. La parola deriva dai due termini greci θεός (“dio”) e πατέω.

Third Culture Kids

Il termine Third Culture Kids viene coniato negli anni sessanta dal sociologo americano Dr. Ruth Hill Useem, dopo aver passato un anno in India con i suoi figli. Con third culture si intende la cultura formatasi dall’unione di una prima cultura, del proprio paese d’origine, con un’altra – formando così una terza cultura. Il sociologo David Pollock descrive un TCK come: “una persona che ha speso una parte significativa della propria formazione lontano dalla cultura dei genitori. Il TCK si relaziona con tutte le culture, senza avere pieno controllo su nessuna di esse. Anche se gli elementi di ciascuna cultura vengono assimilati nell’esperienza del TCK, il senso di appartenenza è in relazione con gli altri di simile origine.

Tipì

Un tipi è una tenda conica originariamente fatta con pelli, corteccia di betulla o teli, e resa famosa dai nativi americani delle Grandi Pianure del nord degli Stati Uniti d’America.

Tradizione

Il termine tradizione può assumere diverse accezioni, fortemente interrelate:

  • come sinonimo di consuetudine, intendendo la trasmissione nel tempo, all’interno di un gruppo umano, della memoria di eventi sociali o storici, delle usanze, delle ritualità, della mitologia, delle credenze religiose, dei costumi, delle superstizioni e leggende; in particolare è detta tradizione orale la trasmissione non mediata dalla scrittura
  • come corpus più o meno coerente di credenze e pratiche condivise da un gruppo di persone all’interno di un campo di attività umano, come può essere ad esempio una tradizione religiosa o una tradizione scientifica
  • in ambito filosofico, come concetto metastorico e dinamico, indicante una forza ordinatrice in funzione di principi trascendenti, la quale agisce lungo le generazioni, attraverso istituzioni, leggi e ordinamenti che possono anche presentare una notevole diversità
  • tradizione: come termine tecnico presente con un suo significato specifico negli ambiti disciplinari della filologia e del diritto.

TV Tropes

TV Tropes è una wiki che cataloga e analizza gli elementi ricorrenti e gli espedienti narrativi dagli autori, presenti nei lavori creativi come film, fumetti, videogiochi, webcomic e altre opere di narrativa. Il sito è disponibile in varie lingue, tra cui l’italiano, ed è dedicato a un pubblico internazionale ma la maggior parte del contenuto è disponibile in inglese. Fondato nel 2004, il sito si è gradualmente espanso andando a coprire non solo film e i telefilm ma anche altre forme di narrazione, tra cui le fanfiction.

Ubuntu (filosofia)

Ubuntu è un’etica o un’ideologia dell’Africa sub-Sahariana che si focalizza sulla lealtà e sulle relazioni reciproche delle persone.

Umufumu

L’umufumu è uno stregone africano, tipico del Burundi ; la figura vive sulle colline e mantiene generalmente segreta la propria identità. Gli sono attribuite capacità di guaritore dalle patologie mediche e dagli avvelenamenti: questi ultimi sono un problema particolarmente sentito, a causa della loro diffusione nel paese come sistema di regolamento di conti fra nemici.

Uomo (maschio)

L’uomo è un essere umano adulto di genere maschile.

Uomo-ragno (folclore)

L’uomo-ragno o uomo ragno è una figura mitica o del folklore avente caratteristiche che ricordano in parte un ragno e in parte un uomo o una donna. Secondo l’area geografica e la popolazione, l’aspetto di tale essere varia sensibilmente, come anche la sua funzione, i lati del suo carattere e la simbologia ad esso attribuita.

Valore (scienze sociali)

Un valore è un concetto del desiderabile, esplicito o implicito, che distingue un individuo o caratterizza un gruppo, che influenza la selezione tra modalità, mezzi e i fini d’azione, possibili.

Vatakkiruttal

Vatakkiruttal, anche Vadakiruthal e vadakiruttal, è una forma di rituale Tamil dal digiuno fino alla morte. Era particolarmente diffuso durante l’Era Sangam. I re tamil, al fine di salvare l’onore e il prestigio, erano pronti ad affrontare la morte senza mai voltare le spalle alla battaglia. Veniva eseguito da solo o in gruppo con i sostenitori del re catturato.

Wigwam

Un wigwam, detto anche wickiup o wetu, è un’abitazione a forma di cupola usata un tempo da certe tribù native americane, e usata ancora oggi a scopo cerimoniale. Il termine wickiup si usava per indicare questi tipi di abitazioni nel Sudovest e nell’Ovest americano. Wigwam si applica di solito a queste strutture nel Nordest americano. Wetu è il termine wampanoag per un’abitazione simile a un wigwam. L’uso di questi termini da parte dei non Nativi americani è in qualche misura arbitrario e può riferirsi a molti tipi distinti di strutture dei Nativi americani, indipendentemente dalla localizzazione o dal gruppo culturale. Il wigwam non deve essere confuso con il tipi dei popoli delle pianure, che ha una costruzione, una struttura e un uso assai diversi.

Zoot suit

Lo zoot suit è un abbigliamento da uomo consistente in una lunga giacca a spalle molto larghe e pantaloni a vita altissima. Tale stile di abbigliamento divenne molto popolare nelle comunità afroamericane, chicane e italoamericane intorno agli anni quaranta.


Tratto da Wikipedia:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: