Alessandro Porro (politico) – Wikipedia


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Alessandro Porro (Milano, 28 aprile 1814Milano, 7 agosto 1879) è stato un politico italiano.

Figlio di Gian Pietro Porro, podestà di Como.[1][2] e VERRI Barbara, e fratello di Francesco e Carlo.

Sposò Angela Piola Daverio sorella di Giuseppe Piola Daverio dalla quale poi divorziò per poi risposare con seconde nozze Teresa Calderari.

Ebbe tre figli maschi; dal primo matrimonio ebbe il figlio Carlo Porro, generale e poi senatore del Regno d’Italia. Altri figli furono: Luigi e Cesare

Fu conte di Santa Maria della Bicocca. Fu nominato senatore del Regno di Sardegna con decreto del 29 febbraio 1860 e relatore Vitaliano Borromeo.

  • Presidente della Commissione sulla legge elettorale per la convocazione dell’Assemblea nazionale (Milano) (1848)
  • Governatore di Genova (1859)
  • Consigliere comunale di Milano
  • Consigliere provinciale di Milano
  • Membro della Commissione centrale di beneficenza della Cassa di risparmio delle province lombarde (1857-1859)
  • Presidente della Commissione centrale di beneficenza della Cassa di risparmio delle province lombarde (1860-1879)
  • Presidente della Commissione provinciale di appello di Milano per l’applicazione della legge di imposta sulla ricchezza mobile
  • Consigliere di amministrazione delle Strade ferrate dell’Alta Italia.
  • Presidente della Cassa di risparmio di Milano, poi lombarda.

Ufficiale dell’Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro 9 agosto 1859

Commendatore dell’Ordine della Corona d’Italia 22 aprile 1868

30 luglio 1863

13 gennaio 1873




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *