Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente


Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente
European Climate, Infrastructure and Environment Executive Agency
Abbreviazione CINEA
Fondazione 1º aprile 2021
Sede centrale Belgio Bruxelles
Indirizzo Chaussée de Wavre 910, 1040 Brussels
Direttore Dirk Beckers
Sito web

L’Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente (CINEA) è l’agenzia esecutiva della Commissione europea che gestisce la decarbonizzazione e la crescita sostenibile. Ha sostituito l’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti (INEA)[1], che a sua volta era subentrata all’Agenzia esecutiva per la rete transeuropea di trasporto (Agenzia TEN-T) nel 2014. Istituita il 15 febbraio 2021[2] con un budget di 50 miliardi di euro per il periodo 2021-2027, è divenuta operativa il 1° aprile 2021 per attuare parti di alcuni programmi dell’UE. L’Agenzia avrà un ruolo chiave nel sostenere il Green Deal europeo[3], con l’obiettivo di creare sinergie per sostenere un’Europa sostenibile, connessa e decarbonizzata.

L’Agenzia esecutiva europea per il clima, le infrastrutture e l’ambiente (CINEA) ha iniziato ufficialmente le sue operazioni il 1° aprile 2021.

In quanto successore dell’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti (INEA) e avendo assorbito programmi e personale dell’Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME), l’agenzia continua a gestire i progetti in corso, mentre le viene affidata la gestione di nuovi Programmi dell’UE del valore di oltre 50 miliardi di euro per il periodo 2021-2027 che realizzano le azioni necessarie per raggiungere la neutralità climatica in Europa entro il 2050:

All’Agenzia esecutiva europea per il clima, le infrastrutture e l’ambiente è affidato un ambito di azione che le conferisce un chiaro mandato come agenzia per il clima e l’ambiente e un ruolo chiave nel sostenere il Green Deal europeo.

Per il Meccanismo per collegare l’Europa (CEF), che supporta lo sviluppo di infrastrutture in tutta Europa, la CINEA continuerà a gestire i settori Trasporti ed energia.

La CINEA continuerà inoltre a gestire l’attuazione del Fondo per l’innovazione, uno strumento di finanziamento a sostegno della visione strategica della Commissione europea di un’Europa climaticamente neutra entro il 2050.

Nell’ambito del programma Orizzonte Europa, la nuova agenzia attuerà il cluster Clima, Energia e Mobilità, aggiungendo così il clima al suo portafoglio esistente di Orizzonte 2020 per l’energia e i trasporti.

La CINEA amplierà ulteriormente la sua attenzione sui progetti ambientali, di conservazione della natura, di azione per il clima e per l’energia pulita, assumendo il controllo dell’attuazione del programma LIFE.

La nuova agenzia assumerà anche la gestione del Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l’acquacoltura (EMFAF), che mira a indirizzare meglio il sostegno pubblico alla politica comune della pesca, alla politica marittima dell’Unione e all’agenda dell’UE per la governance internazionale degli oceani[4].

L’agenzia gestirà anche due nuovi meccanismi che contribuiscono alle energie rinnovabili e alla neutralità climatica:

Ad esempio, supporta il riscaldamento e il raffreddamento degli edifici con energie rinnovabili[5].

Alla responsabilità della CINEA, inoltre, è affidato anche uno dei grandi eventi organizzati dalla Commissione sull’energia verde: la Settimana europea dell’energia sostenibile, la piattaforma ideale per condividere idee e know-how e stringere alleanze per un’Unione dell’energia.

L’agenzia esecutiva sarà operativa tra il 2021 e il 2027 con oltre 500 dipendenti e un budget di oltre 52 miliardi di euro.

  1. ^ (EN) CINEA, the new European Climate, Infrastructure and Environment Executive Agency, su managenergy.net. URL consultato il 23 novembre 2021.
  2. ^ (EN) COMMUNICATION TO THE COMMISSION Delegation of implementation tasks to Executive Agencies for the 2021-2027 EU programmes (PDF), su ec.europa.eu. URL consultato il 23 novembre 2021.
  3. ^ (EN) The European Green Deal (PDF), su ec.europa.eu, 11 dicembre 2019. URL consultato il 23 novembre 2021.
  4. ^ (EN) Jason Holland, EU fisheries fund moves to new agency, su seafoodsource.com, 24 marzo 2021. URL consultato il 24 aprile 2021.
  5. ^ (EN) Project overview, su res4build.eu. URL consultato il 24 aprile 2021.




Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *